ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

L'esperto risponde

i consigli dei nostri specialisti

Grassi delle merendine e diabete

C'è relazione? E' vero che possono portare al diabete? Dobbiamo preoccuparci?

a cura di: Dott. Gianpaolo De Filippo (endocrinologo pediatra)

Ho saputo da fonte attendibile (una diabetologa che segue da vicino un parente) che recenti studi americani hanno individuato nei grassi contenuti nelle merendine la maggiore causa dell'aumento impressionante del diabete giovanile di tipo 1 nei bambini del mondo occidentale. Ciò a causa di reazioni chimiche che mettono in crisi i delicati meccanismi di produzione dell'insulina. In più è stato scoperto che questi alimenti danno una dipendenza come le droghe e l'alcool, aggravando il problema. Vi risulta? Dobbiamo preoccuparci?

È bene mettere un po' d'ordine in informazioni così allarmistiche. Probabilmente all'origine della notizia vi è il nuovo dato sull'aumento dell'incidenza di diabete di tipo 2 (non di MODY) nella giovane popolazione nordamericana (N.d.R.: esistono diversi tipi di diabete. Il diabete di tipo 1, insulino-dipendente, è la forma di gran lunga più frequente in età pediatrica ed è il risultato di una carenza di insulina, conseguenza di una distruzione delle cellule deputate alla sua produzione. Il diabete di tipo 2, non insulino-dipendente, appare invece, di norma, dopo i 30 anni. In questo caso alla base della malattia non c'è la distruzione delle cellule che producono insulina ma un cattivo funzionamento di quest'ultima, che è presente ma incapace di agire efficacemente. Infine con la sigla MODY (in inglese sta per Maturity Onset Diabetes in the Young) si intende un diabete dell'età adulta, quindi non insulino-dipendente di tipo 2, che tuttavia insorge in persone giovani, ossia prima dei 30 anni].

Tale situazione è sicuramente da mettere in relazione alla cosiddetta epidemia di obesità della popolazione statunitense. Esiste un grosso dibattito sull'esportabilità di tali dati alla popolazione europea. Non abbiamo (fortunatamente) gli stessi dati perché la nostra alimentazione rimane comunque diversa oppure non vediamo "ancora" tutto questo perché l'epidemia di obesità sta per arrivare? Per il quesito specifico, possiamo dire che, se è logico che alimenti come dolci industriali, merendine, bibite edulcorate, "snacks" contribuiscano in maniera rilevante, assieme ad una variazione dello stile di vita improntato ad una sempre maggiore sedentarietà, all'insorgere dell'obesità, non risulta invece che tali alimenti possano creare una dipendenza a sostanze quali droghe ed alcool, se non in senso molto, molto lato, cioè come segnali di uno stile di vita che cambia, sicuramente non in meglio.

In conclusione, senza soffermarsi su complicate ed improbabili reazioni chimiche, cerchiamo di far mangiare meglio i nostri figli e di diminuire le ore passate davanti alla televisione: indipendentemente dal diabete (tipo 1, 2 o MODY...) potranno averne solo beneficio!

21/5/2003

25/10/2009

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Grassi delle merendine e diabete"

Il papà è diabetico
Il diabete si trasmette ai figli? È possibile che si presenti in età così piccola? Cosa consiglia l'esperto.
Diabete di tipo 1
Quale dieta deve seguire?
Il diabete
Il diabete mellito è una situazione caratterizzata dall'incapacità dell'organismo a mantenere un livello di glicemia nella norma.
Genitore celiaco e diabetico
Sono un genitore celiaco e diabetico: quando fare i primi esami a mia figlia per controllare se è celiaca anche lei?
Glicemia nei bambini
I valori di riferimento per la glicemia sono uguali per adulti e bambini. Non rappresenta per un bambino un fattore di rischio avere una nonna diabetica.
Beve molto: non avrà il diabete?
Bere molto (si dice polidipsia) rappresenta effettivamente uno dei segni del diabete, ma normalmente non è però l'unico segno.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

La vaccinazione contro lo pneumococco
Attualmente esistono due tipi di vaccini contro lo pneumococco. Il vaccino si somministra per via intramuscolare.
Neonato mancino?
Il neonato non è né mancino né destrorso: è ambidestro, in quanto non si è ancora imposta una prevalenza di un emisfero cerebrale sull'altro.
Stitichezza in gravidanza
La stitichezza è un disturbo frequente in gravidanza e può riguardare sia la consistenza delle feci sia la frequenza dell'evacuazione.
Astigmatismo ed occhiali
Gli hanno prescritto gli occhiali per un lieve astigmatismo: sono proprio necessari in un bambino piccolo? I consigli dell'oculista.
Circonferenza del cranio nel neonato
La circonferenza del cranio deve essere regolare per velocità di accrescimento e per dimensioni in base all'età del bambino.

Quiz della settimana

Che cosa significa la parola astenia?
Essere privo di forza
Altezza al di sotto della media
Carenza di vitamine
Sonnolenza