ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

L'esperto risponde

i consigli dei nostri specialisti

Si nutre con un latte ipoallergenico

Fino a quando dovrà continuare a bere un latte ipoallergenico?

a cura di: Dott. Renato Sambugaro (allergologo pediatra)

La mia bimba ha quasi sette mesi e da circa due mesi si nutre con un idrolisato proteico [N.d.R.: si tratta di un alimento per lattanti in cui le proteine del latte vengono spezzettate (idrolisate) in particelle più piccole (peptidi) tali da non essere in grado di allergizzare] in quanto ha avuto problemi di intolleranza al latte vaccino verso i due mesi di vita. Il pediatra ha detto che dovrà continuare questo latte fino ad un anno, e che non si può cambiare latte. Ho letto invece che bisogna cambiare latte (latte di proseguimento) quando si cresce e si superano i sei mesi circa: é vero? Se la risposta è positiva che cosa si può dare in alternativa per mia figlia, visto che non cresce tantissimo ogni mese.

Il suo pediatra ha deciso correttamente l'introduzione del latte ipoallergenico, visti i problemi segnalati della bambina. Va detto peraltro che queste formule ipoallergeniche sono ben bilanciate e sufficientemente caloriche. Quindi somministrando quel latte a sua figlia lei non crea nessuna riduzione dell'apporto calorico di cui ha bisogno. Se poi considera che un bimbo di quell'età non ha più una dieta esclusivamente lattea ma bensì integrata con due pappe (pranzo e cena), comprende bene che introdurre un altro latte di proseguimento col rischio di scatenare nuovamente problemi alla bimba non è una strada percorribile.

Continui quindi seguendo le indicazioni ricevute; al compimento dell'anno di età la stragrande maggioranza dei bimbi arriva a tollerare le proteine del latte. Potrà variare quindi successivamente e senza problemi la dieta della sua bambina.

1/10/2002

7/1/2012

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Si nutre con un latte ipoallergenico"

Allergia alle proteine del latte: cosa può mangiare?
Se la diagnosi di allergia alle proteine del latte è sicura, è necessario che l'esclusione dei latticini dall'alimentazione sia completa e prolungata.
E' allergico al latte vaccino
La storia naturale dell'allergia alle proteine del latte vaccino è quella di una evoluzione verso la guarigione.
Sanguinamento rettale
Le cause di sanguinamento rettale con sangue rosso vivo in un lattante possono essere diverse.
Intolleranza al latte
Nei soggetti con allergia alle proteine del latte vaccino si verificano frequentemente sensibilizzazioni anche ad altri alimenti.
Quali tettarelle per il biberon?
Quali tettarelle scegliere per il biberon di un neonato? I tipi di tettarelle in commercio e i consigli su quali usare.
Disturbi intestinali
Ha scariche di diarrea tre-quattro volte al giorno da parecchi mesi.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

La timidezza la rende antipatica
Per aiutare un bambino a superare la sua timidezza è importante fare sentire il bambino sempre amato ed accettato per quello che è.
Laringomalacia
La laringomalacia è un disturbo congenito della laringe caratterizzato da uno stridore inspiratorio e da un'ostruzione delle vie aeree.
Quale apparecchio per aerosol è meglio usare con il beclometasone?
Per alcuni farmaci, fra cui il beclometasone, è meglio usare apparecchi tradizionali e non ad ultrasuoni.
Reflusso vescico-ureterale
E' stata operata da poco all'uretere per reflusso vescico-ureterale da un lato e la malattia è comparsa nell'altro rene.
Sintomi e cure della toxoplasmosi in gravidanza
La toxoplasmosi in gravidanza può manifestarsi senza sintomi. Le cure servono a ridurre il pericolo di infezione per il fato e il neonato.

Quiz della settimana

Parlando dei mucolitici, è corretto affermare che:
Calmano la tosse
Vanno somministrati insieme ai sedativi della tosse
Fluidificano il catarro
Fanno abbassare la febbre