ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

L'esperto risponde

i consigli dei nostri specialisti

Quando reinserire il latte in un bambino allergico?

L'intolleranza al latte si è manifestata all'età di nove mesi.

a cura di: Dott. Alfredo Boccaccino (allergologo)

Quando reinserire il latte in un bambino allergico Ho un bambino di tredici mesi intollerante al latte vaccino. L'intolleranza si è manifestata all'età di nove mesi, quando ho interrotto l'allattamento al seno, con dermatite atopica e feci lente e verdastre. Ora, assume solo un latte idrolizzato (N.d.R.: alimento in cui le proteine del latte vaccino sono parzialmente frammentate, determinando un minor stimolo allergenico e quindi un minor rischio di sensibilizzazione allergica) e non ho ancora inserito e anche l'uovo, non sembra avere problemi di dermatite e anche la consistenza delle feci è migliorata. Vorrei sapere quando e con che modalità posso provare a reinserire il latte vaccino e ad inserire l'uovo.

La presenza di una dermatite atopica fa ipotizzare la presenza di Allergia alle proteine del latte vaccino, che può essere di due tipi: IgE-mediata (anticorpi allergici) e Cellulo-mediata (linfociti). La prima è caratterizzata da manifestazioni intense e di rapida insorgenza dopo l'introduzione del cibo (orticaria, angioedema, prurito, eczema, ecc.). La seconda si presenta in modo più subdolo e ad insorgenza lenta con vaghi disturbi intestinali e può essere associata anch'essa a Dermatite atopica.

Per avere un'idea più precisa è utile ricorrere all'effettuazione dei Prick-test (N.d.R.: prove allergiche cutanee) e del Rast. La forma IgE mediata (più rara) è caratterizzata dalla positività di questi test, che rivelano la presenza di IgE specifiche verso le proteine del latte vaccino. Se l'ipotesi è quella di una forma IgE-mediata, allora la reintroduzione va fatta solo alla negativizzazione dei Prick-test e del Rast e sempre in ambiente ospedaliero. Se l'ipotesi è quella di una forma cellulo-mediata (Prick-test e Rast negativi) allora è consigliabile eseguire la dieta per almeno sei mesi e poi provare a reintrodurre l'alimento, sempre in modo graduale e con il controllo da parte di un pediatra.

21/12/2001

25/11/2010

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Quando reinserire il latte in un bambino allergico?"

Asma: montagna o mare?
La mia bambina soffre di asma e ci hanno consigliato un cambiamento d'aria: è meglio il mare o la montagna? I consigli della pediatra.
Latte di asina
A mia figlia che è allergica al lattosio, hanno consigliato il latte di asina. E' ragionevole?
E' allergico al latte vaccino
La storia naturale dell'allergia alle proteine del latte vaccino è quella di una evoluzione verso la guarigione.
Challenge per intolleranza alle proteine del latte vaccino
Per "challenge" o "test di scatenamento" in una allergia alimentare si intende la prova di reintroduzione dell'alimento dopo dieta stretta.
Esami con risultati contraddittori
Si possono verificare con frequenza esami con risultati contraddittori di Rast e prick test con risultati contraddittori.
Macchie su braccia, schiena e torace
Ha cominciato ad avere macchie su braccia, schiena e torace. Sarà intollerante ai latticini?
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Il ciuccio per il neonato
Il ciuccio può essere utile per tranquillizzare il neonato, anche se, soprattutto nelle prime settimane, potrebbe ostacolare l'allattamento al seno.
Mandarlo in una scuola all'estero
E' piccolo: una scuola all'estero lo farebbe crescere bilingue, ma la famiglia sarebbe costretta a dividersi.
Sindrome di Prader-Willy
La sindrome di Prader-Willy è una malattia complessa la cui incidenza è stimata di circa 1: 10000-25000 nati con una prevalenza dei maschi sulle femmine (2:1).
Allattamento al seno: consigli alla mamma che allatta
I consigli degli esperti di Pediatria On Line alla mamma che allatta al seno.
Calcolo del peso fetale
Come si calcola il peso fetale durante i 9 mesi della gravidanza? I consigli degli esperti.

Quiz della settimana

A che cosa serve la vitamina K?
Ha un'azione anti-ossidante
Aiuta l'organismo a difendersi dalle infezioni
Favorisce la trasmissione degli impulsi nervosi
Ha un'azione antiemorragica