ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

L'esperto risponde

i consigli dei nostri specialisti

Latte vaccino e coliche gassose

Le coliche gassose dipendono dal latte vaccino? I dolori addominali ricorrenti nei primi mesi di vita possono essere attribuiti ad una colite da allergia alle proteine del latte vaccino.

a cura di: Dott. Alfredo Boccaccino (allergologo)

Esiste un rapporto tra le coliche gassose e l'allergia alimentare? La mia bimba, che ora ha otto mesi, nei primi quattro mesi di vita ha sofferto di forti coliche gassose che si protraevano per parecchie ore durante la giornata e che sono state in parte attenuate con l'eliminazione dalla mia alimentazione (la sto tuttora allattando) del latte vaccino e dei suoi derivati. Quando a circa cinque mesi ho cominciato a divezzarla, ha manifestato dermatite atopica periorale, nelle pieghe dietro le ginocchia, sul collo, sulle spalle. La pediatra ha attribuito la responsabilità di ciò al parmigiano che è stato eliminato dalla sua dieta (anch'io continuo ad evitare le proteine del latte vaccino) e la situazione infatti si è risolta. Esiste una correlazione tra coliche gassose del lattante e allergia alimentare? Da un mese ho provato ad introdurre lo yogurt (sia io che la bimba) che mia figlia sembra tollerare bene. Quando potrò tentare di proporle il formaggio? E quando passerà al latte artificiale, sarà preferibile optare per un latte ipoallergizzante?

La presenza di dolori addominali ricorrenti nei primi mesi di vita può essere attribuita ad una colite da allergia alle proteine del latte vaccino. È ormai ampiamente dimostrato che tali proteine, se ingerite dalla madre, possono attraversare la ghiandola mammaria ed essere presenti nel latte umano. L'ipotesi di un'allergia alle proteine del latte vaccino è molto probabile nella sua bambina. Il tutto è avvalorato dalla comparsa della dermatite atopica dopo l'introduzione del parmigiano e dalla sua scomparsa dopo la sospensione. In questi casi la reintroduzione del latte vaccino e dei suoi derivati può avvenire con molta tranquillità dopo l'anno di vita, ma sarebbe preferibile essere più informati della reale situazione attraverso l'esecuzione di Prick test (N.d.R.: prove allergiche cutanee) per il latte vaccino e le sue frazioni.

L'allergia alle proteine del latte può essere IgE mediata o cellulo-mediata. Nel primo caso i prick saranno positivi e la reintroduzione del latte richiede molta prudenza, potendo essere effettuata solo dopo la negativizzazione dei prick-test e in ambiente ospedaliero. Nel secondo caso i prick saranno negativi e la somministrazione del latte vaccino potrà essere fatta con maggiore tranquillità, ma sempre gradualmente e preferibilmente, ma non obbligatoriamente, dopo l'anno di età. Lo stesso discorso vale per i derivati (yogurt compreso). Se è necessario ricorrere ad un latte artificiale prima dell'anno sarà meglio usare un latte speciale a base di proteine della soia.

25/2/2002

2/2/2014

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Latte vaccino e coliche gassose"

Il prick test è risultato positivo
Il prick test positivo indica la presenza nel paziente di anticorpi specifici (IgE) per quell'antigene alimentare testato.
Reinserire il latte in un bambino allergico?
L'intolleranza al latte si è manifestata all'età di nove mesi.
E' allergico al latte vaccino
La storia naturale dell'allergia alle proteine del latte vaccino è quella di una evoluzione verso la guarigione.
Esami con risultati contraddittori
Si possono verificare con frequenza esami con risultati contraddittori di Rast e prick test con risultati contraddittori.
Allergia alle proteine del latte: cosa può mangiare?
Se la diagnosi di allergia alle proteine del latte è sicura, è necessario che l'esclusione dei latticini dall'alimentazione sia completa e prolungata.
Coliche dei neonati: quanto durano e quali rimedi
Quanto durano e come evitare le coliche gassose dei neonati. Fermenti lattici e altri rimedi per il neonato con coliche. L'alimentazione della mamma.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Intolleranze alimentari
Le intolleranze alimentari non rispondono ai tradizionali Test Allergici cutanei. Non provocano quasi mai delle reazioni violente ed immediate nell'organismo.
Mio figlio ripete le parolacce
Mio figlio di quasi quattro anni ripete le parolacce ogni volta che le sente. Mi hanno consigliato di fingere indifferenza.
Morso di cane
In caso di bambino morso da un cane, bisogna sapere la sede della morsicatura, la profondità del morso e la taglia del cane.
Beve molto: non avrà il diabete?
Bere molto (si dice polidipsia) rappresenta effettivamente uno dei segni del diabete, ma normalmente non è però l'unico segno.
Infezione da Chlamydia nel neonato
Il neonato può infettarsi al momento della nascita durante il passaggio nel canale da parto.

Quiz della settimana

Nell'asilo di vostro figlio sono stati segnalati numerosi bambini con i pidocchi, tanto che sono stati esposti avvisi a riguardo. Qual e' il miglior modo per evitare che anche il vostro bambino, che al momento sta benissimo, venga contagiato?
Lo portate dal barbiere per tagliarli i capelli molto corti
Lo trattate subito con un prodotto contro i pidocchi
Non lo mandate all'asilo per una settimana
Controllate accuratamente il cuoio capelluto del bambino almeno una volta alla settimana