ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Partners

aziende utili

Mellin presenta Mellin 2 latte di proseguimento

Dal programma Ricerca e Nutrizione nasce Mellin 2, un latte di proseguimento studiato per le esigenze nutrizionali dei bambini dai 6 ai 12 mesi.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) afferma che il latte materno è l’alimento migliore per i neonati*; per questo raccomanda l’allattamento al seno esclusivo fino al 6° mese e consiglia di prolungare il più a lungo possibile questa pratica, anche dopo l’inizio dello svezzamento e oltre il 12° mese di vita.

Ma se l’allattamento al seno non è possibile o la quantità di latte diventa insufficiente**, il latte vaccino non è la scelta corretta come fonte principale di latte perche’ nutrizionalmente inadeguato per il tuo bambino. Infatti, ad esempio, e’ carente di ferro, un nutriente molto importante per lo sviluppo fisico e intellettivo dei bambini. Una valida alternativa, invece, sono i latti di proseguimento e di crescita, specificatamente formulati per le esigenze nutrizionali dei bambini fino ai 3 anni e da utilizzare secondo le indicazioni del pediatra.

I latti di proseguimento Mellin hanno formulazioni all’avanguardia e sono sviluppati dal Programma Ricerca e Nutrizione per fornire un corretto mix di importanti nutrienti  tra i quali, appunto, il ferro. Due tazze di Mellin 2***, infatti, contengono la stessa quantità di ferro presente in 10 L di latte vaccino, che invece ne è carente.                             

Tutte le informazioni su Mellin 2, latte di proseguimento sono presenti sul sito www.mellin.it  e sono disponibili anche attraverso la Careline Mellin al numero verde 800-737340.



*Il latte materno è l’alimento ideale e va offerto, fino a quando è possibile, come componente di una dieta equilibrata per il lattante anche durante lo svezzamento.

**Quando il latte materno manca o è insufficiente, dopo il sesto mese compiuto, si può utilizzare un latte di proseguimento all’interno di una dieta diversificata su consiglio del pediatra. Il latte di proseguimento non deve essere utilizzato come sostituto del latte materno nei primi 6 mesi di vita.

***2 tazze = 500 ml di latte 2 (dose giornaliera di latte 2 raccomandata tra i 6 e i 12 mesi).

30/4/2010

30/4/2010

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Bendaggio dell'occhio
Il trattamento per l'ambliopia prevede il bendaggio dell'occhio, cioè la copertura dell’occhio sano con un cerotto o bendaggio per riattivare "quello pigro".
Il bagnetto del neonato
Il bagnetto del neonato è un rituale che può sembrare complicato all'inizio, ma poi diventa un bel momento di gioco. Come comportarsi.
Le fiabe e il mondo emotivo dei bambini
La lettura delle fiabe, dei racconti o delle poesie diventa la via maestra per entrare in contatto con il mondo emotivo dei propri figli.
Cardiopatia e sport
Quali tipi di sport può praticare un bambino che soffre di una lieve cardiopatia? Il parere del medico sportivo.
Le principali tappe dello sviluppo del bambino
Le principali tappe dello sviluppo neuro-motorio e cognitivo del bambino da 2 a 12 mesi.

Quiz della settimana

Secondo il calendario vaccinale in vigore in Italia, il vaccino antipoliomielite:
viene somministrato per via intramuscolare
viene somministrato per via orale
viene somministrato prima per via intramuscolare e poi per via orale nei richiami successivi
non viene più somministrato perché la malattia è ormai scomparsa