ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

L'esperto risponde

i consigli dei nostri specialisti

Mia figlia ha una predisposizione allergica

Mi hanno consigliato uno svezzamento ritardato perchè è a rischio di allergia. Ma cosa deve mangiare a un anno di vita?

a cura di: Dott. Alfredo Boccaccino (allergologo)

Ho una bimba di un anno appena compiuto. Poiché io sono un soggetto allergico mi è stato consigliato uno svezzamento ritardato: solo allattamento al seno fino a sei mesi, proseguimento con latte HA, niente derivati del latte, niente uova, pesce, pollo. Al compimento dell'anno mi è stato consigliato un prick test al latte vaccino risultato debolmente positivo e quindi mi è stato consigliato di continuare con la stessa dieta fino al compimento dei 18 mesi. Ma i prick test, a quest'età, sono attendibili considerando che, pur avendole fatto assaggiare alimenti contenenti il latte vaccino, mia figlia non ha mai avuto problemi di diarrea o dermatiti? Vorrei in pratica sapere cosa deve mangiare una bimba di un anno con predisposizione allergica.

La prevenzione dell'allergia alimentare, mediante la ritardata introduzione degli alimenti allergizzanti, è uno degli argomenti più controversi in allergologia pediatrica. Da diversi anni è in uso il consiglio di ritardare oltre l'anno di vita, nei bambini con familiarità per atopia, l'introduzione di latte vaccino, uovo e pesce. Questi tre alimenti rappresentano il 90% delle allergie alimentari nel bambino nei primi due anni di vita. Si pensa, ma le dimostrazioni scientifiche sono poche, che posticipare la loro introduzione dopo l'anno possa preservare dall'insorgenza dell'allergia. È molto probabile, che l'allergia alimentare, se vi è predisposizione, potrà stabilirsi lo stesso, ma è anche vero che l'intestino del bambino, prima dell'anno di vita, ha una maggiore permeabilità.

Questa caratteristica consente alle proteine allergizzanti di attraversare con maggiore facilità ed abbondanza la barriera intestinale, determinando la sensibilizzazione allergica. Tale maggiore permeabilità è legata al fatto che l'alimento naturale, nei primi 7-8 mesi, dovrebbe essere il latte materno, incapace di dare allergia. Pertanto anche io sono del parere che, sebbene non vi sia una certezza assoluta, ritardare l'introduzione di tali cibi non sia inutile. Ritornando al suo caso specifico: i prick test sono attendibili a qualunque età. Naturalmente prima dei due-tre anni si testano soprattutto allergeni alimentari, essendo rara la positività per quelli inalanti (acari, pollini, muffe, ecc.). Una lieve positività al prick test per latte, con un'introduzione di proteine dello stesso senza sintomi, fa pensare ad un'assenza dell'allergia. Conviene praticare un test di reintroduzione del latte vaccino in ambiente ospedaliero.

25/10/2004

1/4/2012

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Mia figlia ha una predisposizione allergica"

Prick-test: i test cutanei per l'allergia
Il Prick test è uno degli esami fondamentali per la diagnosi di allergia nei bambini.
La lingua a carta geografica
La lingua "a carta geografica" è spesso messa in relazione con l'allergia alimentare, ma nella maggior parte dei casi si tratta di un fenomeno costituzionale.
Tosse secca
Talvolta dietro una tosse secca continua, fastidiosa e soprattutto notturna, può esserci una crisi d'asma.
Interpretazione del Prist e del Rast
Prist e Rast sono due sigle utilizzate per individuare due esami effettuabili sul siero per individuare la presenza di elevati livelli di IgE.
Il prick test è risultato positivo
Il prick test positivo indica la presenza nel paziente di anticorpi specifici (IgE) per quell'antigene alimentare testato.
Esami con risultati contraddittori
Si possono verificare con frequenza esami con risultati contraddittori di Rast e prick test con risultati contraddittori.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Alimentazione dopo l'anno di vita
Dopo il primo anno, l'alimentazione sarà quasi uguale a quella di un adulto. E' importante che segua una dieta completa e varia.
Dolori alle articolazioni e alla schiena in gravidanza
Durante tutta la gravidanza può capitare di avvertire dei dolori articolazioni e alla schiena.
Macchie mongoliche
Le macchie mongoliche sono lesioni maculari congenite determinate dalla presenza in eccesso nel derma.
Aerofagia
Per evitare l'aerofagia nel lattante è bene utilizzare prodotti a base essenzialmente di finocchio, anice verde, melissa e camomilla.
Gli è stato diagnosticato un reflusso vescico-ureterale
La correzione del reflusso vescico-ureterale può essere chirurgica. La tecnica più frequentemente adottata è quella di Cohen.

Quiz della settimana

Che cosa è il miocardio?
Un osso
Una arteria
Un muscolo
Un nervo