ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

L'esperto risponde

i consigli dei nostri specialisti

Svezzamento e familiarità allergica

Il rischio di ingerire cibi ad alto potere allergizzante spinge a ritardare il divezzamento. Ecco quali alimenti è meglio usare e quali evitare.

a cura di: Dott. Alfredo Boccaccino (allergologo)

Mio figlio compie sei mesi e, su consiglio della pediatra, al 5° mese abbiamo iniziato con lo svezzamento: abbiamo sostituito il pasto di mezzogiorno, normalmente effettuato con latte materno come il resto dei pasti, con una pappa di brodo fatta con una patata e una carota, con l'aggiunta di crema di riso o mais e tapioca. Ad alcuni miei amici, che hanno il figlio nato nello stesso periodo del mio, per motivi di allergia da parte del padre e della madre, hanno sconsigliato lo svezzamento prima dei sei mesi. Premettendo che io soffro di asma e rinite allergica, e avendo iniziato lo svezzamento al quinto mese, questo può provocare lo sviluppo di allergie anche a mio figlio?

La necessità di ritardare il divezzamento nei bambini con una chiara predisposizione all'allergia non è legata al divezzamento stesso, ma alla possibilità che, con l'introduzione della prima pappa, vengano ingeriti cibi ad alto potere allergizzante. Nel primo anno di vita questi cibi sono rappresentati principalmente dalle proteine del latte vaccino, dalle uova e dal merluzzo. Solo per questi cibi si preferisce, in caso di alta predisposizione allergica, ritardarne l'introduzione fino al compimento del 1° anno di vita. L'epoca di inizio del divezzo è fisiologicamente posta tra il 4° ed il 6° mese, anzi in tutti i bambini allattati al seno si preferisce iniziare dopo il 6° mese, al fine di prolungare l'allattamento materno. Quindi l'introduzione tra il 4° ed il 6° mese, in bambini atopici, di cibi quali brodo vegetale, crema di riso, omogeneizzati o liofilizzati di carne, olio di oliva e frutta, non determina un aumento del rischio di allergia alimentare. Se il bambino è allattato al seno e non assume un'integrazione di latte artificiale, sarà meglio ritardare anche l'introduzione del parmigiano. Se assume già latte artificiale, senza alcun disturbo, sarà inutile adottare tale precauzione.

20/4/2001

24/10/2010

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Svezzamento e familiarità allergica"

Non sa ancora masticare
Mio figlio di 22 mesi non sa ancora masticare, cioè non deglutisce nulla che non sia liquido.
Glutine: a che età?
L'età comunemente consigliata per l'introduzione del glutine nella dieta del lattante sono i 6 mesi.
La carne nell'alimentazione
Per le sue caratteristiche la carne è sicuramente uno degli alimenti protagonisti dello svezzamento.
Alimentazione nel secondo-terzo anno
Per i bambini di tutte le età è importante variare l'alimentazione. Ecco i nostri schemi per il secondo-terzo anno di età.
Lo svezzamento nel bambino con predisposizione allergica
Nel bambino allergico o predisposto alla allergia, lo svezzamento prevede maggiore attenzione ai tempi di introduzione di carne, pesce, uovo, frutta e verdura.
Svezzamento dei bambini a 8-10 mesi
Cosa proporre nello svezzamento dei bambini a 8-10 mesi? I consigli del pediatra per l'alimentazione.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Crescita a scatti
Si parla di crescita "a impulsi" proprio per intendere che viene a mancare quella regolarità caratteristica dei primi mesi.
I sintomi della dentizione nei neonati
La dentizione nei neonati è anticipata da alcuni sintomi. Molto spesso è causa di irritazione delle gengive dei neonati.
Non siamo soddisfatti degli insegnanti di nostra figlia
Siamo delusi dagli insegnanti di nostra figlia. Il cambiamento di scuola può compromettere il suo equilibrio? Il parere della psicologa.
Cresce poco, ma è vivacissimo
Se il bambini cresce poco, ma ha una curva di crescita graduale e costante, in genere, non dovrebbero esserci problemi.
Stimolo ad urinare spesso in gravidanza
Lo stimolo ad urinare spesso è un problema frequente in gravidanza, l'incremento progressivo del volume dell'utero provoca una compressione sulla vescica.

Quiz della settimana

In media qual è l'altezza di un maschietto al compimento dei due anni di vita?
80-81 cm
83-84 cm
87-88 cm
90-91 cm