ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

uno specialista a tua disposizione

I problemi dell'adolescenza

Purtroppo non si tratta né di una fase, né di un periodo, ma della fisiologica crisi dell'adolescenza, tanto brutale e drammatica sia per i genitori che per gli stessi protagonisti.

Non riesco a confrontarmi come vorrei con mia figlia che ha 10 anni e sta vivendo la sua adolescenza (o preadolescenza?). Probabilmente non è imminente un cambiamento fisico, ma sicuramente sta modificando il suo atteggiamento. Pianti improvvisi, liti furibonde nei nostri confronti, negazione anche dell'evidenza, bizze sono comportamenti diventati abbastanza frequenti. Noi non riusciamo a rapportarci sempre con la necessaria calma e comprensione. Cosa possiamo fare? Come aiutarla?

Purtroppo non si tratta né di una fase, né di un periodo, ma della fisiologica crisi dell'adolescenza, tanto brutale e drammatica sia per i genitori che per gli stessi protagonisti. Psicologicamente, l'individuo cerca di adattare la personalità alle nuove condizioni prodotte dalle trasformazioni fisiche, nel tentativo di riassestare l'equilibrio perduto: deve diventare adulto. Per diventare adulto deve compiere un passo fondamentale, doloroso ma inevitabile: staccarsi dai genitori. In modo caratteristico, l'adolescente si isolerà e si comporterà come un estraneo nei confronti della famiglia, poiché avrà bisogno di tutta l'energia disponibile per le nuove conoscenze: sono amori e amicizie transitorie, appassionate ed esclusive come il suo mondo, e che verranno presto abbandonate.

Sono però attaccamenti indispensabili, sia a persone della stessa età che a persone più adulte, e il passo importante è proprio nella scelta di un nuovo oggetto d'amore. Spesso questo oggetto d'amore può essere dello stesso sesso, e questo non deve preoccupare: l'altro sesso fa ancora paura, e su questa innata paura dell'adolescente spesso si stratificano divieti familiari che creano ulteriori ansie. L'attività sessuale vera e propria peraltro non è traguardo semplice da raggiungere: la masturbazione - spesso compulsiva- viene vissuta con grandi sensi di colpa, e il rapporto sessuale vero e proprio tra ragazzi viene ferocemente condannato dal consenso sociale della nostra civiltà. L'adolescente vive una crisi narcisistica e identificatoria drammatica, e i suoi dubbi su di sé, sul corpo e sul sesso lo sprofondano nell'angoscia. Una piccola imperfezione fisica provoca vive inquietudini, il corpo cambia - le prime polluzioni, le prime mestruazioni - e diventa sconosciuto: nel ragazzo c'è l'ansia per il proprio pene (che rimarrà per tutta la vita!!!), e nella ragazzina quella per gli organi genitali - i seni che spuntano -, e anche lei si porterà per sempre l'attenzione per il proprio corpo, e per la cura della propria persona.

Che dire ora a questi genitori? Dovrete abituarvi a farvi da parte e lasciare che i figli facciano le loro scelte: senza deriderli, senza offenderli, sostenendoli per quanto è possibile, e considerata l'età, continuando ancora a vigilare su di loro. So quali possono essere le angosce di questi genitori: come gestire le amicizie, la libertà, la sessualità. Sappiate che non esistono risposte, e posso solo consigliarvi di non assumere comportamenti contraddittori: non proponetevi come amici se non siete in grado di ascoltare confidenze scabrose. Rispettate, ma fatevi anche rispettare. E' l'età ingrata, e sarà un periodo ingrato: auguri a tutti!!!!

23/9/2009

1/1/2000

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Allattamento al seno: poco latte?
Mia moglie che sta allattando al seno la bimba si è accorta di avere poco latte. I consigli del Pediatra.
Artrite reumatoide giovanile
Vari fattori sono ritenuti responsabili dell'artrite reumatoide giovanile, tra i quali ci sono genetici.
La pelle in gravidanza
Durante la gravidanza la pelle di solito diventa più bella e lucente, grazie alla nuova situazione ormonale.
Linfadenite tubercolare
Il termine di linfadenite tubercolare indica l'infiammazione di una o più ghiandole linfatiche (linfonodi).
Mio figlio di due anni dice le parolacce
Fino ai 2 -3 anni i bambini pronunciano tutte le parole attribuendo ad esse la stessa rilevanza. Cosa fare se un bambino dice le parolacce.

Quiz della settimana

Che cosa si intende per sudamina?
Una malattia contagiosa della pelle
Una malattia degenerativa delle ghiandole che producono il sudore
Una malattia genetica che causa un'alterazione della composizione del sudore
Un'irritazione della pelle dovuta ad un'eccessiva produzione di sudore