ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Saperne di più

per approfondire insieme

Consigli per non perdere i bambini in luoghi nuovi o affollati

I posti affollati sono a rischio: i bambini possono perdersi. Quali precauzioni prendere? Anzitutto, non dare per scontato che i nostri figli sappiano cosa fare se si perdono.

consigli per non perdere i bambini

I posti affollati sono a rischio: i bambini possono perdersi. Quali precauzioni prendere? I nostri figli saprebbero cosa fare se si perdessero? Ecco alcune idee:

Prima di uscire di casa scrivete sempre un biglietto con i recapiti telefonici da mettere in tasca del bambino, sarete molto più tranquilli sapendo di avere la possibilità di essere chiamate.

Assicurarsi di non distogliere lo sguardo quando si  è nei parcheggi affollati.

Andare in bagno accompagnando sempre i bambini (supermercati e centri commerciali)

Insegnare al bambino a chi rivolgersi per farvi telefonare: un bagnino, un vigile, un negoziante, genitori con altri bambini.

Insegnare come orientarsi per ritrovare la strada, senza andare nel panico, per strada fermarsi quando ci si accorge si essersi persi.
Nei centri commerciali dare dei riferimenti chiari, cercare dei dettagli che il piccolo si possa ricordare come un negozio di giocattoli, un punto divertente e chiedete di fermarsi in quel punto dove voi lo raggiungerete.

Nel caso vi troviate con più bambini in un posto affollato come una fiera, un mercato, o quant’altro, potete dare ai bimbi una sciarpa o un pareo al quale attaccarsi per formare un trenino, trasformando la situazione in un gioco allegro
Se il bambino è dà solo, potete fare il gioco “agganciamento automatico” per tenerlo legato a voi.

30/11/2010

10/1/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Consigli per non perdere i bambini in luoghi nuovi o affollati"

Idrocele
L'idrocele è l'accumulo di liquido nella sacca che circonda il testicolo. E' dovuto alla persistenza del dotto peritoneale e normalmente scompare entro l'anno.
La timidezza nei bambini
E' assolutamente normale che i bambini siano timidi, ma quando e come aiutarli? I consigli della Pediatra.
Ghiandole linfatiche ingrossate
Le ghiandole linfatiche sono strutture predisposte alla sorveglianza di eventuali infezioni. Solitamente non hanno bisogno di cura.
Tosse secca notturna
La tosse secca notturna può essere un segno di asma o di sinusite.
Trattiene le feci
Trattiene le feci e ci disperiamo intorno a lei per fargliela fare. I consigli del pediatra.
Strabismo e febbre
Lo strabismo come conseguenza di episodi febbrili è solitamente dovuto ad una paralisi benigna del sesto nervo oculomotore o nervo abducente.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Alimentazione dopo l'anno di vita
Dopo il primo anno, l'alimentazione sarà quasi uguale a quella di un adulto. E' importante che segua una dieta completa e varia.
Dolori alle articolazioni e alla schiena in gravidanza
Durante tutta la gravidanza può capitare di avvertire dei dolori articolazioni e alla schiena.
Macchie mongoliche
Le macchie mongoliche sono lesioni maculari congenite determinate dalla presenza in eccesso nel derma.
Aerofagia
Per evitare l'aerofagia nel lattante è bene utilizzare prodotti a base essenzialmente di finocchio, anice verde, melissa e camomilla.
Gli è stato diagnosticato un reflusso vescico-ureterale
La correzione del reflusso vescico-ureterale può essere chirurgica. La tecnica più frequentemente adottata è quella di Cohen.

Quiz della settimana

Che cosa è il miocardio?
Un osso
Una arteria
Un muscolo
Un nervo