ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

uno specialista a tua disposizione

Infezioni ricorrenti e fiducia nel Pediatra

Il mio bambino ha infezioni ricorrenti e la nostra fiducia nel Pediatra è in calo. Se si ammala spesso, significa che non è curato bene?

a cura di: Dott. Giuseppe Varrasi (pediatra)

Mio figlio di età inferiore ai 2 anni, si ammala frequentemente, con problemi riguardanti il sistema respiratorio, stati d'asma, che però il ns. pediatra dice che non sono tali, ogni 15 gg. il bambino è malato, il pediatra gli segna sempre cure momentanee, e il piccolo continua ad ammalarsi. La nostra fiducia nel Pediatra è in crisi, ditemi voi cosa devo fare, perché noi siamo disperati... grazie

Abbiamo da questa domanda il pretesto per due risposte, la prima tecnica e la seconda sul piano umano (che in fondo è parte imprescindibile del lavoro del medico).

Risposta tecnica: effettivamente, un episodio di malattia ogni 15 giorni in un bambino di questa età (va al nido?) genera qualche sospetto, a maggior ragione se si trattasse di crisi asmatiche (ma potrebbero essere laringiti, che pure danno difficoltà respiratoria che impressiona i genitori). Rimandiamo a risposte già date ("infezioni ricorrenti") le valutazioni preliminari da eseguire e gli accorgimenti da tenere. Se poi si confermasse un problema di asma recidivante, le possibilità di terapia sono numerose.

Sul piano umano, dalla lettera traspare con evidenza un problema di fiducia nei confronti del Pediatra curante. Ciò non sorprende: il ricorrere di episodi di malattia in un bambino piccolo generano nella famiglia uno stato di angoscia e di preoccupazione che incrina il rapporto con il medico, insinuandosi il dubbio di una diagnosi non corretta o di una terapia inadeguata.

In queste situazioni, la strada più giusta è quella di chiedere un secondo parere, magari come approfondimento presso un centro specializzato. Attenzione, però! Tutto deve essere fatto lealmente, parlandone con sincerità al Pediatra e, anzi, chiedendogli indicazioni in proposito. In questi termini, anch'egli sarà partecipe del problema e, quando poi la situazione sarà chiarita, il rapporto fra voi ne uscirà rafforzato. Viceversa, il consulto "di nascosto" è pericolosissimo: distruttivo per il medico, non risolve (anzi, amplifica) i dubbi della famiglia.

1/1/1997

1/1/2000

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Infezioni ricorrenti e fiducia nel Pediatra"

Una febbre ricorrente
Gli esami sono tutti negativi, ma io sono preoccupato.
Convalescenza: quanto deve stare a casa dopo la malattia?
La convalescenza è un periodo di "riposo" dopo una malattia, che consenta al bambino di recuperare le forze. I consigli sulla durata della convalescenza.
Adenovirus
Oltre il 60% dei bambini in età scolare possiede anticorpi contro i sierotipi respiratori più frequenti di Adenovirus.
Da quando va al nido soffre di infezioni ricorrenti
È normalissimo che la bambina soffra di infezioni ricorrenti: vengono ritenuti normali anche nove episodi durante il primo anno di frequenza del nido.
Allergia e infezioni respiratorie
La relazione esistente tra allergie ed infezioni respiratorie è un capitolo molto controverso soprattutto nel bambino sotto i sei anni.
Deficit di IgA
Il deficit di IgA è certamente la forma più comune di immunodeficienza, al punto da poterla considerare quasi una variante della popolazione normale.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Genitori e figli giocano
Il gioco tra genitori e figli permette di migliorare la relazione familiare.
Ha problemi di svezzamento perché non mangia la pappa
Ha problemi con lo svezzamento perché a sette mesi rifiuta la pappa. I consigli dell'esperto sullo svezzamento.
Strofulo
Lo strofulo è una malattia legata ad una sensibilizzazione a sostanze irritanti o tossiche presenti nelle punture di insetti.
Celiachia e infertilità
Esiste una relazione tra celiachia e problemi di infertilità. In particolare, alcuni casi di abortività ricorrente e ridotta crescita fetale.
Ingrossamento della ghiandola mammaria
L'ingrossamento della ghiandola mammaria può essere inquadrato nell'ambito del telarca precoce. Può essere presente fin dalla nascita.

Quiz della settimana

Quando si può considerare definitivo il colore degli occhi in un lattante?
a 2-3 mesi di vita
a 4-5 mesi di vita
a 6-7 mesi di vita
a 11-12 mesi di vita