ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

uno specialista a tua disposizione

Mamma ossessiva

Cosa fare quando una mamma è troppo ossessiva nei confronti della salute del bambino? L'obiettivo è quello di cercare di trovare un punto di contatto fra due diversi modi di vedere.

a cura di: Dott.ssa Loredana Piratoni (psicologa)

Che fare (sono un papà preoccupato) quando la mamma è troppo ossessiva nei confronti della salute della bambina? Le impedisce di spostarsi in stanze della casa un po' più fredde (anche di un grado), se c'è un refolo di vento la tiene reclusa in casa, non la manda all'asilo per paura delle malattie, quando esce la copre come una eschimese, non la fa correre nei prati " perché se no suda" ecc. ecc.! Temo che ciò possa portare la bimba a seri problemi di socializzazione. La bambina (cinque anni da compiere) è perfettamente sana e non ha mai avuto problemi al di fuori delle solite tonsilliti, raffreddori, mal di gola ecc.!

Caro papà, non esistono tecniche particolari da usare con le mamme, o meglio, ce n'è una sola: parlare, parlare e poi parlare, discutere, convincere, e magari litigare. L'obiettivo è quello di cercare di trovare un punto di contatto fra due diversi modi di vedere le cose e iniziare a decidere insieme sul modo più opportuno di allevare la vostra bambina. Caro papà, non è assolutamente rilevante chi ha torto o ha ragione: una mamma è tanto più ansiosa quanto più il padre è distante, e io ho avuto la netta impressione, leggendo la tua lettera, che tu stia un po' alla finestra a vedere come vanno le cose. Come padre hai diritti, doveri, responsabilità, e sinceramente non comprendo come tu, oltre a preoccuparti, non faccia qualcosa.

Cosa fare?

Qualsiasi cosa, basta che inizi a fare qualcosa: ad esempio fai leggere a questa mamma qualche pillola sull'argomento che spesso passa su questo sito, comincia a portare tu tua figlia al giardino e falla correre e divertire. Sii più presente nella vita di tua figlia e della tua compagna: se lei saprà di poter contare su di te, credimi, allenterà molto la presa.

15/9/2009

9/2/2014

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Allattamento al seno e risvegli notturni: vuole ancora il latte della mamma di notte
A otto mesi si sveglia e prende ancora il latte dalla mamma. Come comportarsi per risolvere il problema.
Anemia
Le cause possono essere congenite, trasmesse cioè con meccanismo ereditario, o acquisite durante il corso della vita.
Non vuole stare nel passeggino
Il tuo bambino non vuole stare nel passeggino? Alcuni consigli pratici su come fare a risolvere la situazione.
Accertamenti a tappeto e screening
In Pediatria è corretto eseguire accertamenti (del sangue, strumentali o visite) solo quando esiste un sospetto diagnostico.
Emorroidi in gravidanza
Le emorroidi sono un disturbo frequente durante la gravidanza. Le cause e i rimedi suggeriti dal ginecologo.

Quiz della settimana

Quando si è punti da una zecca, quale dei seguenti comportamenti occorre seguire?
Rimuovere la zecca con alcool o acetone
Lasciare la zecca in sede per alcune ore facendola intontire con ammoniaca
Rimuovere la zecca prontamente con una pinzetta
Schiacciare subito la zecca nella sede della morsicatura