ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

L'esperto risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Rischi dell'amniocentesi

I rischi dell'amniocentesi: dopo quanto tempo posso considerare superato il rischio di aborto? Nell'esecuzione dell'amniocentesi ci sono rischi immediati o precoci.

a cura di: Dott. Massimiliano Pellicano (ginecologo)

Volevo rivolgere un dubbio a proposito dei rischi di aborto spontaneo connessi all'amniocentesi. Esattamente volevo sapere quanto tempo deve trascorrere dall'amniocentesi per scongiurare il rischio di un'infezione contratta durante l'intervento o di una eventuale rottura del sacco?

Nell'esecuzione dell'amniocentesi ci sono rischi immediati o precoci (che dunque legati alla interruzione del battito cardiaco fetale o alla rottura del sacco amniotico e rischi più tardivi, i cui effetti possono verificarsi anche qualche settimana successivamente alla amniocentesi.

10/2/2004

5/1/2018

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Rischi dell'amniocentesi"

Amniocentesi
L'amniocentesi consiste nell'aspirazione di liquido amniotico allo scopo di raccogliere le cellule presenti e fare l'analisi cromosomica.
Test di Coombs positivo in gravidanza
Il Test di Coombs in gravidanza, se positivo, indica l'incompatibilità di sangue fra mamma e figlio. Leggi cosa fare e che rischi ci sono per il bambino.
Diagnosi precoce della sindrome di Down
La diagnosi prenatale si basa su tecniche di prelievo di cellule fetali, su cui viene fatta l'analisi cromosomica e dimostrata l'anomalia genetica.
Amniocentesi e villocentesi
Le malattie o anomalie vengono cercate con l'amniocentesi o la villocentesi.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Nistagmo orizzontale
Mia figlia è affetta da nistagmo orizzontale. E' possibile ipotizzare un'evoluzione naturale benigna? Il parere dell'oculista.
Non vuole più andare in piscina
E' andata in piscina volentieri le prime volte, ma adesso fa i capricci e non vuole più andare. Come risolvere la situazione.
Riduttore da lettino o salsicciotti
Riduttore da lettino o "salsicciotti"? Che cosa è preferibile nella stagione estiva? I consigli del Pediatra.
Celiachia e infertilità
Esiste una relazione tra celiachia e problemi di infertilità. In particolare, alcuni casi di abortività ricorrente e ridotta crescita fetale.
Latte di asina
A mia figlia che è allergica al lattosio, hanno consigliato il latte di asina. E' ragionevole?

Quiz della settimana

Quale anomalia dei cromosomi caratterizza le persone affette dalla sindrome di Down?
Hanno 21 cromosomi
Hanno un cromosoma 21 in meno
Hanno un cromosoma 21 in più
Sono privi di entrambi i cromosomi 21