ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Saperne di più

per approfondire insieme

Analgesia epidurale: parto senza dolore

L'analgesia epidurale ha lo scopo di ridurre il dolore naturalmente presente durante il travaglio del parto. L'effetto antalgico si accompagna ad un miglioramento della ventilazione materna.

a cura di: Dott.ssa Donatella Bresciani (ginecologa), Prof. Silvano Zaglio (specialista in ostetricia e ginecologia - andrologia)

L’analgesia in travaglio di parto (analgesia epidurale) ha lo scopo di ridurre il dolore naturalmente presente durante il travaglio. L’effetto antalgico si accompagna ad un miglioramento della ventilazione materna e quindi ad una migliore ossigenazione fetale.

Ogni donna può beneficiare dell’analgesia epidurale con poche eccezioni che determinano l’esclusione della partoriente  da tale metodica (alcune complicanze della gravidanza, l’assunzione di farmaci particolari, alterazioni della coagulazione o malattie presenti prima della gravidanza).

Chi vuole sottoporsi ad analgesia epidurale deve  essere visitata dall’anestesista, che valuta le condizioni cliniche e dà l’autorizzazione alla procedura. La donna deve essere in possesso di esami del sangue recenti, comprendenti emocromo, coagulazione completa ed elettrocardiogramma. E’ essenziale che la partoriente acconsenta alla procedura firmando un consenso informato.

Come si fa l'analgesia epidurale?

La tecnica consiste nell’introduzione di farmaci nello spazio peridurale situato posteriormente, a livello della colonna vertebrale.
All’inizio del travaglio, la donna, dopo aver incannulato una vena periferica e misurata la pressione arteriosa, viene messa in posizione seduta, oppure sdraiata sul fianco, con le ginocchia e la testa ripiegate sul corpo.  A questo punto l’anestesista procede alla disinfezione accurata della cute della parte inferiore della schiena, dove viene iniettato, attraverso un ago sottile, dell’anestetico locale. Da questo momento potrà essere avvertita una sensazione di lieve pressione dovuta alla penetrazione di un ago di calibro maggiore.

Quindi si introduce un tubicino sottile e morbido che verrà lasciato in sito fino all’espletamento del parto. La partoriente potrà muoversi liberamente durante il travaglio. Il catetere epidurale viene utilizzato per iniettare i farmaci necessari per il controllo del dolore. L’iniezione non è dolorosa e può essere accompagnata da una sensazione locale di fresco. L’effetto sul dolore si manifesta dopo circa 20 minuti dall’iniezione.

L’analgesia epidurale toglie solo il dolore della contrazione, mantenendo la donna in grado di partecipare attivamente con le spinte nel periodo espulsivo del parto. Essa  potrà avvertire una sensazione di pesantezza alle gambe e, per questo, è necessario che si alzi solo se accompagnata dalla persona che la assiste durante il travaglio.

Che vantaggi offre l'analgesia epidurale?

I vantaggi materni dell’analgesia epidurale sono molteplici: la donna è cosciente e rilassata e quindi in grado di vivere il momento del parto nella sua completezza. Il benessere materno si trasmette al piccolo che sta per nascere. Se, per motivi ostetrici, fosse necessario ricorrere ad un taglio cesareo o ad un parto operativo, si può sfruttare il cateterino già posizionato per indurre un’anestesia peridurale dosando i farmaci in modo diverso.

Durante il parto spontaneo non si corre il rischio di far nascere un bimbo poco vivace ed assonnato. Durante il travaglio, l’anestesista controllerà alcuni parametri quali la pressione arteriosa, la frequenza materna; l’ostetrica si occuperà del monitoraggio cardiotocografico. La presenza dell’anestesista rianimatore, durante il travaglio, è una ulteriore garanzia di sicurezza e motivo di maggiore tranquillità.

A distanza di cinquant’anni dall’inizio di tale procedura sono pochi i problemi associati all’analgesia epidurale: la necessità di ricorrere ad un parto strumentale conseguente all’uso di anestetici è raro.
Durante la procedura può manifestarsi un lieve calo pressorio correggibile con l’infusione endovenosa di liquidi e di farmaci adeguati. Si può rendere necessario talvolta l’uso di farmaci stimolanti la contrattilità uterina. Sono descritte  in letteratura medica in una minima percentuale di casi complicanze maggiori (ematoma, parestesie, cefalea).

14/1/2010

20/12/2016

I commenti dei lettori

vorrei sapere se l'anestesia epidurale è a pagamento e se fosse il caso quanto puo costare???

dongmo (UD) 03/05/2011

ciao in italia dipende dall'ospedale..in alcuni 250 euro in altri 500..io vivo in svizzera e qui paga tutto l' assicurazione..! ho partorito 4 mesi fa e ho fatto un parto stupendo con l'epidurale..

angela 07/05/2011

io ho già effettuato con la scorsa gravidanza l'epidurale e la rifarò con il secondo. l'unica cosa che consiglio è di non farla troppo vicino al parto! purtroppo non mi ha ha fatto sentire le spinte, causandomi lacerazioni. comunque ho partorito al buzzi e li l'epidurale è gratuita. in bocca al lupo a tutte.

francesca (MI) 04/02/2012

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Analgesia epidurale: parto senza dolore"

Il parto: dal travaglio alla nascita
Tutti gli eventi che portano dal travaglio alla nascita: contrazioni, rottura delle acque, monitoraggio, fase espulsiva, secondamento.
L'igiene del parto: siti da visitare
Alcuni consigli per approfondire le conoscenze su uno dei momenti più belli della nostra vita.
Rischi del parto cesareo
Ho già subito un parto cesareo. Esistono dei rischi reali di cedimento della precedente ferita in caso di travaglio? I consigli del ginecologo.
Dopo il parto
Dopo il parto che cosa succede al corpo della mamma? Il brusco cambiamento avvenuto con il parto porta l'organismo ad una serie di modificazioni.
Parto pretermine
Viene definito “parto pretermine” il parto che avviene prima della 37° settimana di gravidanza. La causa è spesso sconosciuta.
Nascita della Vergine
La Nascita della Vergine è un quadro di Vittore Carpaccio che raffigura la madre della Vergine, S. Anna, sdraiata su un letto il momento successivo al parto.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Fatica a piegare il ginocchio: menisco discoide
Il menisco discoide è un'affezione congenita che consiste in una alterata forma e dimensione a carico di un menisco.
Perdite vaginali in età pediatrica
Le perdite vaginali in età pediatrica sono attribuibili a flogosi, di varia entità, a carico della vulva e della vagina.
Vomito ciclico
Il vomito ciclico consiste in episodi ricorrenti di vomito violento in assenza di causa organica apparente, spesso con una storia familiare di emicrania.
Da che fattori dipende la statura di un bambino?
La statura definitiva di un adulto dipende sia da fattori genetici che ambientali.
Integrazione del latte materno dopo il 6° mese
Dopo il 6° mese è opportuno provare ad integrare il latte materno introducendo alimenti diversi dal latte.

Quiz della settimana

Quale è la causa più frequente di diarrea in età pediatrica?
Un virus
La salmonella
Un parassita intestinale
Un'intossicazione alimentare