ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Saperne di più

per approfondire insieme

Crampi in gravidanza

I crampi sono delle contrazioni, improvvise ed involontarie, di muscoli e rappresentano un disturbo frequente nel terzo trimestre di gravidanza.

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

I crampi sono delle contrazioni, improvvise ed involontarie, di muscoli e rappresentano un disturbo frequente nel terzo trimestre di gravidanza, soprattutto dal settimo-ottavo mese. In genere sono interessati i piedi, i polpacci e le cosce, quasi sempre durante la notte, con una sintomatologia dolorosa intensa e lancinante.

Sono dovuti probabilmente a piccoli squilibri di alcuni minerali del sangue, in particolare calcio, potassio e magnesio, a modificazioni della circolazione sanguigna e anche ad un po' di stanchezza.

Nel momento in cui compare il dolore bisogna rilassare il muscolo massaggiandolo vigorosamente, con un movimento dal basso verso l'alto. Se il crampo interessa il piede occorre tirare l'alluce verso il corpo piegando contemporaneamente il piede in avanti e all'indietro, mentre se è interessato il polpaccio si può appoggiare la mano sotto le dita del piede e tirare verso l'alto.

Utile si rivela il riscaldamento della parte dolente per riattivare la circolazione, ad esempio immergendola nell'acqua calda. Per ridurre il problema occorre integrare l'alimentazione con cibi ricchi di calcio (latte e derivati come lo yogurt o i formaggi), potassio (banane, kiwi, limoni, melone, anguria, parmigiano) e magnesio (lievito di birra, frutta secca), oppure assumere, dietro parere del ginecologo, gli appositi integratori a base di sali minerali.

E' consigliabile inoltre camminare una quindicina di minuti prima di coricarsi ed effettuare degli esercizi di stretching muscolare, stirando l'arto inferiore e flettendo lentamente, avanti e indietro, le caviglie e le dita dei piedi

20/8/2000

7/4/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Crampi in gravidanza"

Perdite di sangue in gravidanza
Trovare delle perdite di sangue durante la gravidanza può rientrare nella normalità o essere un segno di allarme. Meglio chiamare il ginecologo.
Pericolo toxoplasmosi in gravidanza
Quanto più è avanzata la gravidanza, tanto più facile è la trasmissione della malattia al feto.
Consigli per una dieta bilanciata in gravidanza
Per vivere al meglio la gravidanza bisogna seguire una dieta bilanciata, per contenere il rischio di sovrappeso.
Sport in gravidanza
Alcuni sport vanno evitati in gravidanza, ma ci sono attività fisiche ideali per la donna incinta.
Influenza A in gravidanza: 9 consigli
Influenza da virus A/H1N1 in gravidanza: 9 consigli per le mamme in attesa.
Le prime settimane di gravidanza
Una nuova vita sta formandosi dentro di te: ecco come settimana per settimana.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Fatica a piegare il ginocchio: menisco discoide
Il menisco discoide è un'affezione congenita che consiste in una alterata forma e dimensione a carico di un menisco.
Perdite vaginali in età pediatrica
Le perdite vaginali in età pediatrica sono attribuibili a flogosi, di varia entità, a carico della vulva e della vagina.
Vomito ciclico
Il vomito ciclico consiste in episodi ricorrenti di vomito violento in assenza di causa organica apparente, spesso con una storia familiare di emicrania.
Da che fattori dipende la statura di un bambino?
La statura definitiva di un adulto dipende sia da fattori genetici che ambientali.
Integrazione del latte materno dopo il 6° mese
Dopo il 6° mese è opportuno provare ad integrare il latte materno introducendo alimenti diversi dal latte.

Quiz della settimana

Quale è la causa più frequente di diarrea in età pediatrica?
Un virus
La salmonella
Un parassita intestinale
Un'intossicazione alimentare