ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Saperne di più

per approfondire insieme

Diabete in gravidanza

Il diabete in gravidanza è una forma particolare della malattia che compare durante la gravidanza e scompare dopo il parto.

a cura di: Dott.ssa Donatella Bresciani (ginecologa), Prof. Silvano Zaglio (specialista in ostetricia e ginecologia - andrologia)

Il diabete è una malattia che comporta uno squilibrio nella trasformazione e nell’assorbimento degli zuccheri e che può manifestarsi in varie forme e livelli di gravità. Non è possibile guarire il diabete, ma una terapia corretta può permettere di condurre una vita normale; se non curato può portare a conseguenze gravi. In gravidanza vanno distinti due diversi tipi di  diabete: quello preesistente e quello gestazionale.

Il diabete preesistente alla gravidanza

Può avere diversi livelli di gravità in rapporto all’età in cui è comparso e alla durata della malattia. Se era già stato diagnosticato, la futura mamma era già sotto controllo medico e in terapia; in altri casi il diabete può essere rimasto latente e comparire  per la prima volta solo in gravidanza manifestandosi con sintomi quali molta sete, necessità di urinare frequentemente, senso di spossatezza; talvolta l’unico sintomo è un eccessivo aumento di peso.

Il diabete gestazionale

E’ una forma particolare della malattia che compare durante la gravidanza e scompare dopo il parto; non provoca nessun sintomo e viene riconosciuto esclusivamente con appositi esami del sangue. L’obesità, l’esistenza di casi in famiglia, un figlio con peso alla nascita superiore a 4 chili, una precedente gravidanza conclusa con un parto prematuro o con la morte del feto sono fattori di rischio per la malattia. A queste donne verrà richiesta nei primi mesi la curva da carico orale di glucosio.

In caso di malattia  le condizioni materne e fetali devono essere tenute sotto stretto controllo per tutta la durata della gravidanza. Se si tratta di uno squilibrio lieve, può essere corretto con la sola dieta e con accurati controlli delle condizioni fetali; negli altri casi è necessaria una terapia con insulina definita con controlli ospedalieri e che la mamma proseguirà a casa. Nel frattempo la crescita e lo stato di benessere del feto verranno controllati mensilmente con l’ecografia. Se tutto procede senza complicazioni, la gravidanza si conclude a termine; in caso contrario può essere necessario far nascere il piccolo con qualche settimana di anticipo.

10/12/2009

12/12/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Diabete in gravidanza"

Glicemia nei bambini
I valori di riferimento per la glicemia sono uguali per adulti e bambini. Non rappresenta per un bambino un fattore di rischio avere una nonna diabetica.
Insulina per i bambini
Come somministrare la terapia dell'insulina ai bambini. I consigli del Pediatra.
Il diabete
Il diabete mellito è una situazione caratterizzata dall'incapacità dell'organismo a mantenere un livello di glicemia nella norma.
Diabete nel bambino e nell'adulto
Che differenze ci sono?
Il papà è diabetico
Il diabete si trasmette ai figli? È possibile che si presenti in età così piccola? Cosa consiglia l'esperto.
Diabete di tipo 1
Quale dieta deve seguire?
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Acetone
Acetone o chetosi: una situazione molto frequente in età pediatrica ed è dovuta ad un disturbo momentaneo del metabolismo del bambino.
Depressione post-partum
La depressione post-partum o depressione post-natale è un disturbo dell'umore che colpisce molte donne nel periodo immediatamente successivo al parto.
Neonato che dorme nel lettino
Non esistono controindicazioni a fare dormire un neonato da subito nel lettino. Può essere utile l'uso del riduttore per sentirsi più "contenuti".
Giocare a calcio a sei anni
Ci hanno sconsigliato di far giocare a calcio nostro figlio di 6 anni a causa della facilità con cui possono formarsi dei microtraumi alle ossa.
Nonni o baby-sitter?
Quando riprenderò il lavoro, sarà meglio affidare il mio bambino ai nonni o alla baby-sitter? Il consiglio della psicologa.

Quiz della settimana

I lattanti che assumono latte materno hanno un minor rischio di contrarre:
Otiti
Gastroenteriti
Polmoniti
Tutte le risposte sono esatte