ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Saperne di più

per approfondire insieme

Diagnosi prenatale non invasiva

Tri test e la traslucenza nucale sono gli esami di diagnosi prenatale non invasiva per verificare le anomalie cromosomiche più diffuse.

a cura di: Dott.ssa Donatella Bresciani (ginecologa), Prof. Silvano Zaglio (specialista in ostetricia e ginecologia - andrologia)

Tri Test

Il tritest ha lo scopo di individuare nella popolazione a basso rischio (tradizionalmente le gravide di età inferiore ai 35 anni dalle quali nasce però il 70% dei bambini Down), quei casi che presentino in base alla combinazione della secrezione di 3 ormoni (alfa¬fetoproteina, estriolo libero, beta HCG) dosati nel sangue materno, e dell'età un rischio statistico di Sindrome di Down superiore a quello della sola età. Viene eseguito tramite un prelievo di sangue materno alla 16 settimana di gestazione. In caso di positività del test il feto non è necessariamente affetto ma può essere giustificato ricorrere all'amniocentesi.

Traslucenza nucale

Proposto da Nicolaides nel 1990, si basa sull'osservazione che i feti affetti da cromosomopatia hanno uno spessore del derma a livello cutaneo aumentato. L'esame viene eseguito con un'ecografia trans addominale alla 11-14 settimana di gestazione che misura lo spessore del derma del collo fetale con metodologia ben codificata e standardizzata. Attualmente questa indagine è consigliata a donne di età inferiore ai 35 anni, avendo tuttavia presente che un eventuale risultato "patologico" non comporta necessariamente che il feto sia affetto ma può essere proposto l'accertamento invasivo.

25/11/2009

5/7/2016

I commenti dei lettori

Buongiorno, mi chiamo Regina e sono alla decima settimana dall'ultima mestruazione. Mercoledi prossimo, all'inizio dell'11 settimana, mi sottoporrò alla villocentesi, sebbene abbia 29 anni, il motivo è stare tranquilla. Il mio ginecologo mi ha comunque consigliato, dopo la villocentesi, di sottopormi alla traslucenza nucale, a me pare eccessivo, Voi che mi consigliate? grazie Regina

regina petrolati (RI) 31/01/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Diagnosi prenatale non invasiva"

Il tritest
Il tritest è un esame, da fare in gravidanza, per stimare il rischio di avere un figlio affetto da sindrome di Down.
Ecografia in gravidanza
L'ecografia è una tecnica diagnostica che permette di sorvegliare l'andamento della gravidanza, controllando le condizioni della placenta e del feto.
Diagnosi prenatale invasiva
Le tecniche invasive di diagnosi prenatale servono per diagnosticare eventuali malformazioni fetali all'inizio della gravidanza.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Campagna nazionale di educazione nutrizionale
Mangiar bene conviene per investire in salute.
Certificato di nascita e altri documenti dopo il parto
Appena nato e già alle prese con la burocrazia: certificato di nascita e altri documenti dopo il parto.
Latte per il neonato
Qual è la quantità corretta di latte per un neonato nei primissimi giorni di nascita? I consigli del Pediatra.
La medicazione del moncone ombelicale
Guida alla medicazione del cordone ombelicale: prima e dopo il distacco.
Non si stacca mai dal ciuccio e dalla sua coperta
Come posso rendere indipendente il mio bambino dal suo ciuccio e dalla sua coperta? I consigli della psicologa.

Quiz della settimana

I lattanti che assumono latte materno hanno un minor rischio di contrarre:
Otiti
Gastroenteriti
Polmoniti
Tutte le risposte sono esatte