ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Saperne di più

per approfondire insieme

Consigli per una dieta bilanciata in gravidanza

Per vivere al meglio la gravidanza bisogna seguire una dieta bilanciata, per contenere il rischio di sovrappeso. I consigli dei nostri esperti.

a cura di: Dott.ssa Donatella Bresciani (ginecologa), Prof. Silvano Zaglio (specialista in ostetricia e ginecologia - andrologia)

In gravidanza è importante che la donna segua una dieta bilanciata, per contenere il rischio di sovrappeso. È noto che le più serie patologie dello stato gravidico (preeclampsia, diabete gestazionale) si presentano con maggior frequenza nelle obese, così come la necessità di ricorrere al taglio cesareo o al parto strumentale.
A ciò si aggiunge la componente “estetica“: quando aspetta un figlio, la donna acquista in genere un certo numero di chili perché la gravidanza favorisce il deposito di grasso (soprattutto sui fianchi e sul seno); per colei che è in sovrappeso, questi chili si sommano a quelli già in eccesso e risulta quindi più faticoso ritornare in forma dopo il parto.

Anche un peso troppo basso costituisce un fattore negativo e consigliabile raggiungere un buon equilibrio fisico e psicologico prima d’inziare la gravidanza.

Alla mamma in attesa che abbia un peso normale è consigliabile una dieta di circa 1800-2000 calorie al giorno, suddivise in 5- 6 piccoli pasti:

  • tre principali (mattino, mezzogiorno e sera)
  • più due spuntini (metà mattina, metà pomeriggio e talvolta prima di coricarsi).

Lo scopo di un simile frazionamento è duplice: da un lato rende ciascun pasto più leggero e più facilmente digeribile e assimilabile, dall'altro lato evita di rimanere troppo a lungo "a stomaco vuoto" (errore dietetico che potrebbe causarle bruciori da acidità gastrica).

L'aumento di peso consigliato è di circa 10 kg a fine gravidanza, che divengono 8 per la donna in sovrappeso e 12 per la paziente sottopeso.

Le diete dimagranti vanno scoraggiate: basta eliminare i cibi molto calorici contenenti zuccheri semplici (dolci, caramelle, gelati, biscotti, marmellate ecc.).
Talvolta può essere necessaria la consulenza di un dietista per impostare il regime alimentare più adatto. Si sconsigliano cibi precotti o conservati in scatola, meglio consumare verdure crude o al vapore e frutta fresche, carne e pesce cucinati alla griglia, al vapore o al cartoccio, almeno 2 volte la settimana, legumi, uova.
Se la mamma in attesa non è immunizzata contro la toxoplasmosi eviti la carne cruda o poco cotta, le uova crude, i salumi. Fra i condimenti preferisca gli oli vegetali crudi (olio d’oliva, ma anche di mais o di girasole); riduca il consumo di bevande a base di cola, cacao, tè e caffè; si scordi delle bevande alcoliche, come pure dei dolcificanti dietetici (aspartame e saccarina); beva invece almeno 1 - 1,5 litri d'acqua al giorno a temperatura ambiente, meglio se non gassata.

In breve la cosidetta "dieta mediterranea" è quanto di meglio si possa consigliare sia in fase preconcezionale sia durante la gravidanza, poiché contiene alimenti freschi e privilegia i grassi vegetali.
Se il peso della gestante è normale non occorre che uniformi le proprie abitudini alimentari ad alcuna dieta; se non è in grado di seguire una dieta ricca di alimenti freschi potrà ricorrere a supplementi vitaminici in compresse: per esempio si ritiene che una giusta dose di acido folico, contenuto in molti alimenti, possa diminuire il rischio di comparsa di alcuni tipi di malformazioni fetali (difetti del tubo neurale). 

24/11/2009

21/5/2016

I commenti dei lettori

POTREI SAPERE PERCHè IN GRAVIDANZA è SCONSIGLIATO IL CAFFE,VISTO CHE IO NE FACCIO E NE HO SEMPRE FATTO UN GRANDE USO?QUALI SONO I RISCHI

STELLA (BR) 10/02/2012

salve io volevo sapere prima di esere incinta pesavo 65 kl,e ora ke sono 34 settimane pesso di 77kl.

resarta duma (RI) 19/02/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Consigli per una dieta bilanciata in gravidanza"

La prima settimana di gravidanza
La prima settimana di gravidanza può passare sotto silenzio oppure manifestarsi in qualche modo.
Pericolo toxoplasmosi in gravidanza
Quanto più è avanzata la gravidanza, tanto più facile è la trasmissione della malattia al feto.
Sport in gravidanza
Alcuni sport vanno evitati in gravidanza, ma ci sono attività fisiche ideali per la donna incinta.
Quanto dura la gravidanza?
Lo sapevi che la gravidanza dura in realtà otto mesi e mezzo? Ecco spiegato il perché.
Il singhiozzo nella pancia della mamma
Il bambino inghiotte un po' di liquido amniotico che emetterà come se avesse il singhiozzo nella pancia della mamma.
Corsi preparto
I corsi pre-parto servono a dare alla gestante informazioni sulla gravidanza, sul parto e sul neonato.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Fatica a piegare il ginocchio: menisco discoide
Il menisco discoide è un'affezione congenita che consiste in una alterata forma e dimensione a carico di un menisco.
Perdite vaginali in età pediatrica
Le perdite vaginali in età pediatrica sono attribuibili a flogosi, di varia entità, a carico della vulva e della vagina.
Vomito ciclico
Il vomito ciclico consiste in episodi ricorrenti di vomito violento in assenza di causa organica apparente, spesso con una storia familiare di emicrania.
Da che fattori dipende la statura di un bambino?
La statura definitiva di un adulto dipende sia da fattori genetici che ambientali.
Integrazione del latte materno dopo il 6° mese
Dopo il 6° mese è opportuno provare ad integrare il latte materno introducendo alimenti diversi dal latte.

Quiz della settimana

Quale è la causa più frequente di diarrea in età pediatrica?
Un virus
La salmonella
Un parassita intestinale
Un'intossicazione alimentare