ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Saperne di più

per approfondire insieme

Forma fisica in gravidanza

Ogni attività fisica che comporti fatica è controindicata per la donna in gravidanza. I consigli per stare in forma fisica durante la gravidanza.

a cura di: Dott.ssa Donatella Bresciani (ginecologa), Prof. Silvano Zaglio (specialista in ostetricia e ginecologia - andrologia)

Per mantenersi in forma il corpo umano necessita di costante esercizio fisico. Ciò vale anche per la futura mamma: il sistema muscolare se è ben allenato, può rendere meno gravosi l'intero periodo dell'attesa, il travaglio e il parto.

Si dice che ogni attività fisica che comporti fatica è controindicata per la donna incinta. L'affermazione è corretta ma solo nei casi in cui quell'attività sia svolta in modo eccessivo: nella gestante i sistemi cardiocircolatorio e respiratorio sono già più impegnati rispetto allo stato non gravidico, per cui uno sforzo esagerato può essere causa di affanno e disagio.
In aggiunta può determinare un surplus di acido lattico e di altri metaboliti "tossici". I contraccolpi sono negativi: cresce il lavoro cardiovascolare e renale nell'organismo materno; diminuisce l'apporto di ossigeno al feto.

La donna che non ha mai praticato alcun tipo di sport prima del concepimento deve perciò affrontare ogni esercizio in modo graduale e con senso dei propri limiti: numerose discipline sottopongono l'organismo a notevole stress, tanto da essere sconsigliate nel secondo e terzo trimestre di gestazione.

La "buona" ginnastica della gravidanza persegue obiettivi diversi dal piacere di misurare se stessi in qualche attività fisica o di modellare il proprio corpo in palestra secondo i canoni estetici della moda corrente. Intende infatti:

  • insegnare a mantenere la giusta postura, per evitare disturbi alla colonna vertebrale
  • rinforzare la muscolatura dell'addome
  • rendere più tonici i muscoli coinvolti nella via del parto
  • favorire la circolazione del sangue e quindi l'ossigenazione, così assicurando al feto un buon apporto di ossigeno.

Per tutte queste finalità, essa costituisce dunque per la donna incinta una necessità che potremmo definire "fisiologica".

25/11/2009

9/7/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Forma fisica in gravidanza"

Sport agonistico
Quanto incide sullo sviluppo fisico del bambino lo sport a livello agonistico? La risposta dell'esperto.
Quale sport per farlo socializzare?
L'occasione "sport" per un bambino diventa un insostituibile strumento di crescita che gli consentirà di esplorare e realizzare i suoi bisogni interiori.
Neonati in piscina
L'età non è una controindicazione alla pratica del nuoto e della acquaticità. Anche i neonati possono andare in piscina.
Attività fisica in gravidanza
Lo sport e una adeguata attività fisica sono consigliabili dall'inizio della gravidanza, almeno come facili esercizi di ginnastica da eseguire tutti i giorni.
Mio figlio soffre di iperlordosi lombare
Quali sono le cure per mio figlio che è affetto da iperlordosi lombare? I consigli del medico sportivo.
Ha iniziato a sciare a tre anni
Lo sci è uno sport adatto alla pratica infantile? Può denneggiare lo sviluppo muscolo scheletrico del bambino?
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Acetone
Acetone o chetosi: una situazione molto frequente in età pediatrica ed è dovuta ad un disturbo momentaneo del metabolismo del bambino.
Depressione post-partum
La depressione post-partum o depressione post-natale è un disturbo dell'umore che colpisce molte donne nel periodo immediatamente successivo al parto.
Neonato che dorme nel lettino
Non esistono controindicazioni a fare dormire un neonato da subito nel lettino. Può essere utile l'uso del riduttore per sentirsi più "contenuti".
Giocare a calcio a sei anni
Ci hanno sconsigliato di far giocare a calcio nostro figlio di 6 anni a causa della facilità con cui possono formarsi dei microtraumi alle ossa.
Nonni o baby-sitter?
Quando riprenderò il lavoro, sarà meglio affidare il mio bambino ai nonni o alla baby-sitter? Il consiglio della psicologa.

Quiz della settimana

I lattanti che assumono latte materno hanno un minor rischio di contrarre:
Otiti
Gastroenteriti
Polmoniti
Tutte le risposte sono esatte