ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

L'esperto risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Idronefrosi: un difetto al rene trovato nell'ecografia in gravidanza

Idronefrosi nel nascituro: un difetto al rene trovato nell'ecografia eseguita in gravidanza. E' da escludere un intervento prenatale.

a cura di: Dott. Gianantonio Manzoni (chirurgo pediatra - urologo)

Sono in attesa alla 27° settimana di gestazione e, casualmente, è stata riscontrata al bimbo una idronefrosi (N.d.R.: accumulo di urina nel rene che non riesce, a causa di una ostruzione o di una malformazione, a scaricarsi come dovrebbe nella vescica) bilaterale che il ginecologo ha definito "grave" (rene destro 18 mm; rene sinistro 10 mm; corticale 4,5 mm) - (nell'ecografia morfologica di un mese fa non era stata evidenziata: errore di lettura o non era ancora presente?). Sono in attesa di una ecografia ostetrica di 2° livello presso un importante centro (io abito in provincia). Nell'attesa vorrei avere qualche delucidazione in merito se possibile: esiste già, con questi valori, la possibilità di una compromissione della funzionalità renale?

Con questi valori di riferimento ecografico quale è la soluzione consigliabile e in che tempi?  E'possibile anticipare la nascita del bambino per intervenire chirurgicamente o si può ancora attendere monitorando? E quali sono i rischi? Esiste la possibilità di una correzione della malformazione in utero? E quali potrebbero essere i risultati e/o i rischi?

Per esperienza è poco opportuno esprimere qualsiasi giudizio clinico (con tutte le possibili implicazioni e ripercussioni psicologiche) senza avere un esame ecografico prenatale completo ed attendibile. Credo quindi che sia preferibile commentare solo dopo avere la Ecografia di 2° livello, con informazioni più dettagliate su reni, ureteri e vescica. La necessità di anticipare un parto è estremamente rara ed improbabile, non offrendo alcun vantaggio sicuro.

Da escludere completamente un intervento prenatale. La compromissione della funzionalità renale è pericolosa se bilaterale, mentre nel caso di interessamento prevalente di un solo rene non vi sono alti rischi di una insufficienza renale futura.

Ripeto tuttavia che è perfettamente scorretto discutere di prognosi e di funzionalità renale futura senza avere una diagnosi sicura!

21/5/2001

3/9/2016

I commenti dei lettori

Ciao non so se hai risolto il tuo problema ma posso comprendere tutte e tue ansie e paure dal momento che anche io ho avuto lo stesso problema con mo figlio anzi piu' GRAVE purtroppo! Sono quasi 2 anni e mezzo che combattiamo....ha già avuto 13 interventi chirurgici ma fortunatamente il chirurgo che lo segue che tra l'altro è il suo angelo custode, è stato talmente bravo da evitargi l'insufficiernza renale dal momento che è nato con la creatinina a 3.6 ed ora è 0.67...UN VERO MIRACOLO. Io ho in cura il mio bimbo a Vicenza, lì sono BRAVISSIMI e specializzati proprio per questi problemi. Se vuoi avere dele notizie o altro...puoi tranquillamente chiedermi. Posso capirti! Io e mio marito abbiamo cominciato da 0 non avevamo nessuno che potesse aiutarci anche se solo con una parola! E' nato con 8 malformazioni......Ti saluto. Flora

FLORA (NA) 20/09/2011

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Idronefrosi: un difetto al rene trovato nell'ecografia in gravidanza"

Idronefrosi
L'idronefrosi congenita è una dilatazione del pelvi renale e dei calici renali dovuta ad una anomalia congenita della giunzione tra il rene e l'uretere.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

A tre anni non riesce ancora a strutturare le frasi
La variabilità dei tempi e modi dello sviluppo del linguaggio è notevole ma, in presenza di alcuni "segnali" significativi, vanno valutati alcuni aspetti.
Accertamenti a tappeto e screening
In Pediatria è corretto eseguire accertamenti (del sangue, strumentali o visite) solo quando esiste un sospetto diagnostico.
Problemi di inserimento in prima media
E' in crisi, continua a piangere per l'enorme cambiamento che le medie comportano.
Intervallo di tempo fra la somministrazione di vaccini diversi
Ci sono intervalli di tempo da rispettare tra un vaccino e l'altro?
La donna dopo il parto
Il brusco cambiamento avvenuto dopo il parto porta l'organismo ad una serie di complesse modificazioni.

Quiz della settimana

I lattanti che assumono latte materno hanno un minor rischio di contrarre:
Otiti
Gastroenteriti
Polmoniti
Tutte le risposte sono esatte