ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Saperne di più

per approfondire insieme

Il sonno in gravidanza

In gravidanza il sonno cambia e spesso, nell'ultimo trimestre, non si riesce più a dormire bene come prima. La cosa migliore per ridurre il problema è sicuramente imparare a conviverci.

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

Negli ultimi tre mesi di gravidanza molte donne non riescono più a dormire bene come vorrebbero, ma questo disturbo non ha conseguenze sul benessere del feto in quanto il piccolo possiede un proprio ritmo sonno-veglia che è del tutto indipendente da quello della futura mamma.

Le cause sono molteplici:

  • può capitare che ci si svegli perché il bambino si muove e scalcia;
  • può essere molto disturbante il fatto di doversi alzare più volte nel corso della nottata a far pipì (per effetto della compressione sulla vescica esercitata dal progressivo ingrossamento dell'utero);
  • nelle donne che hanno l'abitudine a dormire a pancia in giù, il pancione impedisce loro di assumere la posizione preferita e, comunque, impedisce di trovare una posizione comoda nel letto;
  • vi possono essere motivazioni di tipo ormonale (l'aumento degli ormoni della gravidanza può alterare il normale ritmo sonno-veglia della mamma);
  • alla fine, certamente possono contribuire all'insonnia la preoccupazione per la salute del nascituro, l'ansia per l'avvicinarsi del momento del parto e il timore di non essere in grado di affrontare il nuovo ruolo di madre.

Fatto sta che i sonni sono sempre più agitati e spesso popolati di incubi o di sogni molto vividi, che non rappresentano altro che il modo con cui il subconscio della futura mamma affronta le paure e le insicurezza tipiche della gravidanza.

La cosa migliore per ridurre il problema è sicuramente imparare a conviverci, magari recuperando durante il giorno, con qualche sonnellino, parte del sonno perduto (ovviamente senza esagerare, per non rischiare di invertire il ciclo sonno-veglia).

Utile può rivelarsi assumere tisane rilassanti, a base di tiglio o camomilla o valeriana e prendere l'abitudine di fare un bagno distensivo prima di coricarsi. Alla sera è meglio preparare pasti leggeri e facili da digerire, abolendo l'uso del caffè e di altre bevande a base di caffeina, evitando inoltre di andare a letto subito dopo mangiato.

Nelle ore in cui si è costrette a stare sveglie è bene non rimanere coricate al buio a pensare. Meglio alzarsi ad ascoltare un po' di musica o a vedere qualcosa in televisione o a leggere un bel libro: distraendosi e lasciando che i pensieri e le preoccupazioni si allontanino dalla nostra mente contribuirà a riprendere il sonno un po' più facilmente.

20/8/2000

21/5/2017

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Il sonno in gravidanza"

Risvegli notturni
Probabilmente soffre di insonnia "primitiva", un disturbo causato da diversi fattori: emotivi, relazionali e dall'ansia di separazione.
Niaprazina - Un farmaco per far dormire i bambini
La niaprazina è un farmaco per far dormire i bambini piccoli con problemi di sonno. Cosa consiglia la psicologa per risolvere la situazione.
SIDS: morte improvvisa del lattante
La SIDS (morte improvvisa del lattante) è una tragedia per tutta la famiglia. Le cause.
Crisi d'angoscia
Le crisi d'angoscia sono una normale fase della vita di un bambino, nella quale il piccolo sperimenta la paura di staccarsi dalla madre.
Curiosità sulla culla e la sua storia
La culla ha accompagnato i nostri sonni e quelli dei nostri bambini. Ecco un approfondimento e alcune curiosità su questo oggetto caro a tutti noi.
Piedi piatti e posizione nel sonno
La posizione del sonno non ha particolare effetto sulla struttura del piede piatto. Non si può parlare di piede piatto nei primi due anni di vita.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Allattamento al seno: poco latte?
Mia moglie che sta allattando al seno la bimba si è accorta di avere poco latte. I consigli del Pediatra.
Artrite reumatoide giovanile
Vari fattori sono ritenuti responsabili dell'artrite reumatoide giovanile, tra i quali ci sono genetici.
La pelle in gravidanza
Durante la gravidanza la pelle di solito diventa più bella e lucente, grazie alla nuova situazione ormonale.
Linfadenite tubercolare
Il termine di linfadenite tubercolare indica l'infiammazione di una o più ghiandole linfatiche (linfonodi).
Mio figlio di due anni dice le parolacce
Fino ai 2 -3 anni i bambini pronunciano tutte le parole attribuendo ad esse la stessa rilevanza. Cosa fare se un bambino dice le parolacce.

Quiz della settimana

Che cosa si intende per sudamina?
Una malattia contagiosa della pelle
Una malattia degenerativa delle ghiandole che producono il sudore
Una malattia genetica che causa un'alterazione della composizione del sudore
Un'irritazione della pelle dovuta ad un'eccessiva produzione di sudore