ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Saperne di più

per approfondire insieme

Mal di testa in gravidanza

Il mal di testa in gravidanza non è del tutto chiara ma molti studiosi lo attribuiscono ai cambiamenti dovuti agli ormoni della gravidanza. La maggior parte dei farmaci non sono consigliati.

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

La cefalea è un sintomo non raro in gravidanza, soprattutto nel primo trimestre. E' ovviamente più facile che insorga nelle donne che già presentavano lo stesso problema prima di rimanere incinte.

La spiegazione del disturbo non è del tutto chiara ma molti studiosi lo attribuiscono ai cambiamenti dovuti agli ormoni della gravidanza e alle modificazioni a cui va incontro la circolazione sanguigna. Altri potenziali colpevoli potrebbero essere l'eccessiva assunzione di caffeina e suoi derivati (Coca Cola, caffè, thè), l'affaticamento fisico della futura mamma, la congestione nasale che favorisce l'insorgenza di sinusite, lo stress e, perché no, una lieve ipoglicemia dovuta alla fame.

La maggior parte dei farmaci che si usano per combattere l'emicrania non sono consigliati in gravidanza e, comunque, prima di assumerli, occorre sempre consultare il ginecologo. Utile può essere applicare degli impacchi freddi intorno agli occhi e al naso per combattere un'eventuale congestione dei seni paranasali oppure, per le emicranie da tensione muscolare, sistemare gli impacchi alla base della nuca o farsi massaggiare il collo, le spalle e i muscoli del dorso.

L'assunzione di qualche zolletta di zucchero, una regolare attività fisica e lo spruzzarsi acqua fredda in faccia (ottenendo in questo modo una vasocostrizione sanguigna) possono essere rimedi semplici, ma qualche volta efficaci per ridurre la frequenza e la severità della cefalea. Se può essere di una qualche consolazione, questo fastidioso sintomo è destinato a diminuire e spesso a scomparire in genere nel secondo trimestre

20/8/2000

11/4/2017

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Mal di testa in gravidanza"

Ipertensione arteriosa
L'ipertensione arteriosa può verificarsi anche nei bambini e negli adolescenti.
Strabismo ad insorgenza improvvisa
Ha avuto due episodi (a distanza di 24 ore) di improvviso strabismo convergente. L'oculista ha parlato di strabismo causato da cefalea.
Stanchezza, mal di testa e irritabilità in gravidanza
All'inizio della gravidanza è molto frequente la sensazione di stanchezza e di facile irritabilità.
Sinusite
La sinusite è un'infiammazione acuta purulenta, di una o più cavità paranasali. Le infezioni di queste sedi sono frequenti nei bambini.
Mal di testa nei bambini
Nei bambini il mal di testa, la cefalea e l'emicrania sono frequenti. E si curano con analgesici e vita sana.
Emicrania
L'emicrania è un sintomo presente in tutta l'età pediatrica e che, poco frequente nei primi anni di vita, mostra un andamento crescente dall'età scolare.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Celiachia e infertilità
Esiste una relazione tra celiachia e problemi di infertilità. In particolare, alcuni casi di abortività ricorrente e ridotta crescita fetale.
Ingrossamento della ghiandola mammaria
L'ingrossamento della ghiandola mammaria può essere inquadrato nell'ambito del telarca precoce. Può essere presente fin dalla nascita.
Posizione nel sonno e morte improvvisa del lattante
Statisticamente la SIDS (morte improvvisa del lattante) capita più spesso in chi ha una posizione nel sonno sbagliata.
Centri antiveleni
I consigli di cosa fare in caso di avvelenamento o ingestione di tossici o caustici.
La timidezza del bambino
Per aiutare il bambini timido a superare certe situazioni di timidezza non bisogna forzare le tappe del suo sviluppo psicologico.

Quiz della settimana

Quando si può considerare definitivo il colore degli occhi in un lattante?
a 2-3 mesi di vita
a 4-5 mesi di vita
a 6-7 mesi di vita
a 11-12 mesi di vita