ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Saperne di più

per approfondire insieme

Minaccia d'aborto

Un numero elevato di donne nei primi tre mesi di gravidanza ha perdite genitali di sangue di varia entità. Non sempre le perdite genitali dei primi tre mesi preludono ad una minaccia di aborto.

a cura di: Dott.ssa Donatella Bresciani (ginecologa), Prof. Silvano Zaglio (specialista in ostetricia e ginecologia - andrologia)

Un numero elevato di donne sperimenta nei primi tre mesi di gravidanza perdite genitali di sangue di varia entità, talvolta associate a contrazioni uterine. Pur essendo campanelli d'allarme, non necessariamente preludono all'aborto spontaneo; per accertarsene il ginecologo prescrive un esame ecografico. La risposta che ne ricava rientra, essenzialmente, in questi quadri:

  • gravidanza in normale evoluzione: il riscontro di un embrione dotato di battito cardiaco esclude la presenza di un aborto spontaneo; la presenza di distacchi del corion (strato più esterno degli involucri fetali che darà origine in un'area alla futura placenta) dalle pareti dell'utero giustifica talvolta le perdite di sangue; non ha comunque significato prognostico negativo. L'ecografia eseguita dopo 2-4 settimane mostra in genere una placenta normalmente inserita.
  • gravidanza interrotta: la presenza di un embrione di dimensioni superiori alle 6 w privo di battito cardiaco è segno inequivocabile di aborto spontaneo, anche in assenza di sintomi materni. Si parla, in tal caso, di aborto interno. A volte la diagnosi si fonda sulla mancata visualizzazione di un embrione all'intemo della camera gestazionale (uovo cieco o gravidanza anembrionata); altre volte, dopo emorragie spesso abbondanti, l'ecografia mostra solo alcuni residui ovulari: si parla allora di aborto incompleto.

24/11/2009

12/6/2017

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Minaccia d'aborto"

Celiachia e infertilità
Esiste una relazione tra celiachia e problemi di infertilità. In particolare, alcuni casi di abortività ricorrente e ridotta crescita fetale.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Analisi preventive per una bambina di un anno
Gli esami andrebbero prescritti non per controllare se una bimbina sta bene, ma per cercare conferma a seguito di un sospetto clinico fondato e motivato.
Bambini, adolescenti e social network
I social network sono uno strumento per favorire lo scambio di informazioni e la conoscenza reciproca. E' necessario un attento controllo da parte dei genitori.
Ittero del neonato o ittero neonatale
Ittero neonatale (del neonato): l'eccesso di bilirubina ha varie cause e conseguenze anche gravi, per cui si cura con la fototerapia.
Fecondazione: come avviene
Ecco come avviene la fecondazione: in una "gara" fra spermatozoi per la fecondazione dell'ovulo l'inizio della vita.
La crescita del bambino
Il pediatra, per controllare se la crescita e lo sviluppo procedono regolarmente, confronta le misure del bambino con tabelle standardizzate.

Quiz della settimana

Secondo il calendario vaccinale in vigore in Italia, il vaccino antipoliomielite:
viene somministrato per via intramuscolare
viene somministrato per via orale
viene somministrato prima per via intramuscolare e poi per via orale nei richiami successivi
non viene più somministrato perché la malattia è ormai scomparsa