ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Saperne di più

per approfondire insieme

La nausea in gravidanza

La nausea è spesso uno dei primi sintomi di gravidanza e colpisce, soprattutto con vomito al mattino, il 50% delle mamme in attesa. Come affrontarla.

a cura di: Dott.ssa Orietta Scattolin (pediatra)

La nausea è spesso uno dei primi segnali della gravidanza e colpisce soprattutto il mattino, il 50% delle mamme in attesa. E' una sensazione come "soffrire il mal di mare", ma naturalmente può avere vari gradi d'intensità: vi sono donne che hanno solo una lieve nausea mattutina ed altre che hanno nausee, spesso accompagnate da vomito, per tutto il giorno.

Perchè viene la nausea in gravidanza?

Nella gravidanza gemellare i sintomi sono molto più forti perchè circola nel sangue una quantità doppia di HCG, un ormone importante per la gravidanza, ma che determina appunto in molte donne nausea e/o malessere al mattino. Dopo la 16° settimana di gestazione la placenta produce meno HCG e più progesterone e allora la nausea scompare.

Come affrontare la nausea in gravidanza?

Vi sono piccoli accorgimenti che permettono di controllarla, evitando così l'uso di farmaci: consumare pasti leggeri e ben distribuiti durante la giornata ( "piccoli e frequenti", come si è soliti dire) può aiutare sia per la nausea che per altri sintomi spesso frequenti come "bruciori di stomaco" e/o rigurgiti. Durante l'attacco di nausea possono essere utili alimenti come il pane o i cracker, patate o riso, mentre il caffè non aiuta affatto. I cibi salati sono da preferire a quelli dolci. Quando la nausea non scompare dopo il 4° mese è utile auto convincersi che essa è un segnale che a gravidanza sta procedendo regolarmente dal punto di vista ormonale e che, comunque, è un fatto transitorio. Mantenere lo stress ad un livello minimo è importante per controllare meglio la situazione e dunque è utile un pò di riposo.

Quando preoccuparmi?

La situazione è da ritenersi normale fino a che il vomito non è eccessivo e consente di bere e quindi di urinare a sufficienza. Se non si riesce a trattenere nè cibi solidi nè liquidi bevuti lentamente, e si inizia anche ad urinare di meno, va consultato il proprio medico per il rischio di disidratazione. Lo stesso va fatto se si nota una perdita di peso. Queste circostanze sono però davvero rare.

11/1/2010

27/9/2017

I commenti dei lettori

Mi sono accorta di aspettare il primo figlio a causa delle prime nausee, ancora prima del mancato ciclo mestruale, ad appena 20 giorni dal concepimento; fino alla 19° sett. ho vomitato tutti i giorni da 2 a 5 volte, è stata veramente dura! Ora sono appena entrata nella 6° settimana  e per il momento ho avuto un solo episodio di malessere (2° sett.). Spero proprio che questo bimbo mi impegni un po' meno dell'altro, perchè vorrei riuscire a godermi la gravidanza senza correre in bagno ogni 10 minuti!

martina 24/01/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "La nausea in gravidanza"

Vomito periodico
A dieci anni soffre di vomito periodico. Potrebbe essere dovuto allo stress per la scuola.
Rigurgito nel neonato
Il rigurgito dopo i pasti è assolutamente normale e non preoccupante, a patto che il neonato cresca normalmente.
Reflusso gastroesofageo
Hanno diagnosticato a mio figlio il reflusso gastro-esofageo. Normalmente i sintomi si riducono verso i due anni quando i bambini assumo cibi più solidi.
Acetone nei bambini: sintomi e rimedi
Acetone nei bambini è frequente in caso di febbre. I sintomi sono nausea, sonnolenza eun alito tipico. Fra i rimedi, bevande zuccherate e soluzioni idratanti.
Diarrea e vomito nei bambini
Come comportarsi in caso di vomito o diarrea nei bambini. I consigli del Pediatra.
Acetone
Acetone o chetosi: una situazione molto frequente in età pediatrica ed è dovuta ad un disturbo momentaneo del metabolismo del bambino.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Allattamento al seno: poco latte?
Mia moglie che sta allattando al seno la bimba si è accorta di avere poco latte. I consigli del Pediatra.
Artrite reumatoide giovanile
Vari fattori sono ritenuti responsabili dell'artrite reumatoide giovanile, tra i quali ci sono genetici.
La pelle in gravidanza
Durante la gravidanza la pelle di solito diventa più bella e lucente, grazie alla nuova situazione ormonale.
Linfadenite tubercolare
Il termine di linfadenite tubercolare indica l'infiammazione di una o più ghiandole linfatiche (linfonodi).
Mio figlio di due anni dice le parolacce
Fino ai 2 -3 anni i bambini pronunciano tutte le parole attribuendo ad esse la stessa rilevanza. Cosa fare se un bambino dice le parolacce.

Quiz della settimana

Che cosa si intende per sudamina?
Una malattia contagiosa della pelle
Una malattia degenerativa delle ghiandole che producono il sudore
Una malattia genetica che causa un'alterazione della composizione del sudore
Un'irritazione della pelle dovuta ad un'eccessiva produzione di sudore