ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Saperne di più

per approfondire insieme

Nausea e vomito in gravidanza

Nausea e vomito sono disturbi che colpiscono oltre il 50% delle donne in gravidanza. In genere lo si supera adottando un'alimentazione prevalentemente solida.

a cura di: Dott.ssa Donatella Bresciani (ginecologa), Prof. Silvano Zaglio (specialista in ostetricia e ginecologia - andrologia)

Nel primo trimestre, oltre il 50% delle mamme in attesa soffre di nausea, spesso associata a vomito (generalmente mattutino, quando si è ancora a stomaco vuoto; talvolta alimentare, durante la giornata).

Si ritiene che la causa risieda nell'aumento dell'HCG o gonadotropina corionica (cosiddetto ormone della gravidanza), che può stimolare una risposta neurogena anormale; spesso, soprattutto nei casi più gravi, non manca una componente ansiogena nei confronti della gravidanza, vissuta in modo conflittuale.

È raro che il vomito diventi così grave da portare la donna a uno stato di denutrizione e di disidratazione curabile solo con il ricovero ospedaliero e la terapia farmacologica; in genere lo si supera adottando un'alimentazione prevalentemente solida, con cibi asciutti, leggermente salati e non caldi, suddivisi in 5-6 spuntini nell'arco della giornata.

Per non accentuarlo è bene evitare gli alimenti liquidi (caffellatte e the al mattino, brodi e minestrine durante il giorno), gli odori sgradevoli (ad esempio del fumo di sigaretta) e quelli di determinati cibi. Può essere utile iniziare la giornata con uno spuntino (cracker o biscotti secchi) ancor prima di alzarsi, come pure favorire il ricambio dell'aria negli ambienti in cui si soggiorna.

Talvolta può comparire associato alla nausea, un aumento della salivazione: il fenomeno è di scarsa rilevanza, ma può dare fastidio e disagio. ln genere si risolve in modo del tutto spontaneo, come la nausea, nel corso del 2° trimestre.

24/11/2009

29/11/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Nausea e vomito in gravidanza"

Vomita per attirare l'attenzione
Quando la sgrido inizia a tossire fino a farsi venire il vomito. Vuole attirare l'attenzione? I consigli della psicologa.
Rigurgito nel neonato
Il rigurgito dopo i pasti è assolutamente normale e non preoccupante, a patto che il neonato cresca normalmente.
Vomita quando lo sgrido
Il mio bambino quando si arrabbia comincia a piangere fino a vomitare. Come devo comportarmi? I consigli della psicologa.
Gastroenterite
La gastroenterite è l'associazione di vomito e diarrea, con rischio di perdita di liquidi e sali. La cura consiste in una corretta idratazione del bambino.
Vomito ciclico
Il vomito ciclico consiste in episodi ricorrenti di vomito violento in assenza di causa organica apparente, spesso con una storia familiare di emicrania.
Diarrea e vomito nei bambini
Come comportarsi in caso di vomito o diarrea nei bambini. I consigli del Pediatra.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Giocare a calcio a sei anni
Ci hanno sconsigliato di far giocare a calcio nostro figlio di 6 anni a causa della facilità con cui possono formarsi dei microtraumi alle ossa.
Nonni o baby-sitter?
Quando riprenderò il lavoro, sarà meglio affidare il mio bambino ai nonni o alla baby-sitter? Il consiglio della psicologa.
Omogeneizzati o liofilizzati?
Omogeneizzati e liofilizzati hanno le stesse caratteristiche nutrizionali. Nelle prime fasi dello svezzamento vengono spesso preferiti i liofilizzati.
Campagna nazionale di educazione nutrizionale
Mangiar bene conviene per investire in salute.
Certificato di nascita e altri documenti dopo il parto
Appena nato e già alle prese con la burocrazia: certificato di nascita e altri documenti dopo il parto.

Quiz della settimana

I lattanti che assumono latte materno hanno un minor rischio di contrarre:
Otiti
Gastroenteriti
Polmoniti
Tutte le risposte sono esatte