ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Saperne di più

per approfondire insieme

Gli ormoni della gravidanza

Gli ormoni prodotti nella prima parte della gravidanza sono: la gonadotropina corionica umana (HCG), il progesterone, gli estrogeni e la prolattina.

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

Sono quattro gli ormoni più importanti della gestazione: la gonadotropina corionica umana (HCG), il progesterone, gli estrogeni e la prolattina. Tali ormoni sono prodotti, nella prima parte della gravidanza, soprattutto dal corpo luteo gravidico, cioè da quello che rimane del follicolo (l'involucro che contiene la cellula uovo fino a momento della maturazione) dopo che è avvenuta l'ovulazione. Successivamente vengono prodotti dalla placenta, una volta che l'embrione si è ben impiantato nell'utero. Nell'ultima parte della gravidanza, anche il feto comincia a produrre ormoni che entrano in circolo nell'organismo materno.

La gonadotropina corionica umana (HCG) è un ormone prodotto esclusivamente in gravidanza e comincia a formarsi quando l'ovulo fecondato si è impiantato nell'utero, all'incirca tre giorni dopo l'unione tra lo spermatozoo e l'ovulo. Ha l'importante funzione di mantenere in vita il corpo luteo che, a sua volta, produce ormoni, in particolare il progesterone: questi crea un ambiente uterino adatto all'annidamento dell'ovulo fecondato ed è indispensabile per il corretto proseguimento della gravidanza. Dopo i primi tre mesi di gestazione il livello della HCG scende poiché la placenta è ormai in grado di produrre da sola una quantità sufficiente di ormoni, e non è più quindi necessario mantenere in vita il corpo luteo.

Il progesterone ha il compito di favorire il rilassamento della parete muscolare dell'utero, in modo da bloccarne le contrazioni e di impedire che l'ovulo fecondato venga espulso. Serve inoltre a impedire che il feto sia considerato estraneo dal corpo materno, evitandone il rigetto. Infine stimola l'utero a svilupparsi per permettere al feto di crescere.

Gli estrogeni fanno aumentare la velocità del flusso sanguigno nella placenta, garantendo un maggior apporto di sostanze nutritive al feto. Oltre a essere prodotti dalla placenta vengono formati anche nel fegato e nella ghiandola surrenale del feto, da dove poi passano nella placenta.

Gli estrogeni stimolano inoltre l'ipofisi, una ghiandola situata alla base del cervello, a produrre la prolattina, un ormone che ha lo scopo di preparare il seno all'allattamento e, dopo il parto, a stimolare la produzione del latte materno.

20/8/2000

31/3/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Come si sviluppa la vista nei neonati
Cosa vede il neonato? Come si trasforma e si sviluppa la vista dei neonati nel primo anno di vita.
Il seno in gravidanza
Durante la gravidanza il seno si prepara per l'allattamento. Il seno diventa più sodo e più grosso.
Nevo acromico
Il nevo acromico è una alterazione circoscritta, solitamente congenita, della pigmentazione che si identifica con una chiazza di ipopigmentazione.
Cos’è la logopedia e che cosa fa?
La logopedia ha lo scopo di migliorare le possibilità comunicative del bambino.
L'alimentazione del neonato e del bambino piccolo
L'alimentazione dei neonati e del bambino piccolo: le indicazioni dei nostri esperti.

Quiz della settimana

Che cosa fare in caso di perdita di sangue dal naso?
piegare la testa il piu' possibile all'indietro
comprimere la parte ossea del naso
riempire le narici di cotone per arrestare l'emorragia
nessuna delle risposte e' corretta