ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Saperne di più

per approfondire insieme

Parto naturale dopo un cesareo

Si può fare un parto naturale dopo un cesareo, ma il travaglio deve essere monitorato attentamente. Le probabilità di successo dipendono da diversi fattori che vanno valutati con attenzione.

a cura di: Dott.ssa Donatella Bresciani (ginecologa), Prof. Silvano Zaglio (specialista in ostetricia e ginecologia - andrologia)

Ormai le evidenze scientifiche parlano chiaro: un precedente parto con il bisturi non è di per sé un’ indicazione per intervenire anche nella gravidanza successiva.

E questa possibilità dovrebbe essere offerta a tutte le mamme; ma il travaglio che segue un cesareo (chiamato “travaglio di prova”) deve essere assistito in modo attento fin dall’inizio. La controindicazione assoluta è solo una: non si può affrontare un travaglio di prova se nel precedente cesareo è stata effettuata un’incisione longitudinalmente dell’utero (ma nella stragrande maggioranza dei casi l’incisione è bassa e trasversale).  Restano esclusi anche tutti i casi per cui sarebbe indicato un intervento (es.: presentazione podalica, segni di sofferenza del bambino).
Per il resto la maggior parte delle mamme con precedente cesareo sono candidate.

Le probabilità di successo dipendono però da diversi fattori che vanno valutati con chi assiste al parto. Vi è una maggiore possibilità di riuscita se:

  • si ha meno di 40 anni
  • si ha già avuto un parto per via vaginale
  • l’indicazione al cesareo precedente non è persistente (es.: mal posizioni fetali)
  • il cesareo precedente è avvenuto a travaglio già avviato
  • si è molto motivati e lo sono anche gli operatori che si incontrano

Vi è meno possibilità di riuscita se:

  • I cesarei precedenti sono due o più
  • la gravidanza è di 41 w o più
  • il travaglio deve essere indotto
  • il bambino sembra grosso
  • se si ha un peso eccessivo

Il travaglio di prova è in tutto e per tutto un travaglio spontaneo, in cui una mamma che ha già partorito grazie all’opera del chirurgo si mette “alla prova” per riuscirci da sola.
Dal punto di vista clinico, si verifica la tenuta della cicatrice uterina: l’utero di chi ha già subito un cesareo presenta infatti una cicatrice che come tutti i tessuti ”offesi” chirurgicamente, ha minore elasticità in confronto a uno sano. Il travaglio viene controllato con particolare attenzione: il monitoraggio cardiotocografico è pressoché continuo, in genere non si ricorre all’ induzione e si cerca di non usare l’ossitocina per evitare contrazioni troppo intense. (ma questo punto è dibattuto). E al minimo problema, si interviene col cesareo d’urgenza.                                              

I rischi immediati sono:

  • Deiscenza della cicatrice (circa 15 casi su 1000): si tratta dell’apertura parziale o totale della vecchia cicatrice sull’ utero. Non dà segni clinici, se non l’ insufficienza dell’attività contrattile dell’utero che porta a dover eseguire un secondo T.C.
  • Rottura dell’utero (3 casi su 1000): si manifesta con dolore improvviso e continuo, segni di shock e di patologia al tracciato cardiotocografico, emorragia vaginale e uterina.
  • Richiede l’immediata esecuzione del cesareo e un’assistenza intensiva post operatoria, spesso con necessità di trasfusioni di sangue. Nei casi più gravi l’utero può non contrarsi dopo l’intervento e continuare a sanguinare e può rendersi necessario l’asportazione (isterectomia).

I rischi nel tempo sono:

  • nelle successive gravidanze: rischio maggiore di aborto spontaneo, gravidanza extrauterina, rottura dell’ utero, distacco di placenta, placenta previa( posta tra feto e uscita dall’utero), placenta accreta (che penetra nella parete dell’utero).
  • A lungo termine: fertilità ridotta, dolore pelvico cronico, dolore pelvico durante i rapporti.
  • Per affrontare il travaglio di prova devono però essere messe in atto alcune importanti precauzioni:
  • innanzi tutto la futura madre deve avere un “counseling” cioè un colloquio informativo in cui vengono spiegati tutti i pro e i contro e analizzate tutte le probabilità di successo con adeguata compilazione di un consenso informato.

Inoltre non è importante la dimensione del centro ospedaliero, quanto piuttosto che sia dotato di alcuni importanti requisiti:

  • Presenza di operatori preparati
  • Disponibilità della sala operatoria 24H su 24 (senza dover ricorrere a personale reperibile a domicilio).
  • Una terapia intensiva materna e neonatale nel caso di complicanze gravi, anche se rare.
  • La donna deve inoltre farsi controllare in ospedale alla prime contrazioni: il rischio maggiore è quello di dover ricorrere a un cesareo in corso di travaglio di prova, e se ciò avviene in fase avanzata o durante il periodo espulsivo aumenta il rischio di complicazioni. 

14/1/2010

28/12/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Parto naturale dopo un cesareo"

Le fasi del parto
Il parto vero e proprio viene convenzionalmente suddiviso in tre fasi: il periodo espulsivo, la nascita, il secondamento.
Aspirazione di meconio
La aspirazione di meconio è un segno di sofferenza fetale.
La donna dopo il parto
Il brusco cambiamento avvenuto dopo il parto porta l'organismo ad una serie di complesse modificazioni.
Corsi preparto
I corsi pre-parto servono a dare alla gestante informazioni sulla gravidanza, sul parto e sul neonato.
Parto pretermine
Viene definito “parto pretermine” il parto che avviene prima della 37° settimana di gravidanza. La causa è spesso sconosciuta.
Scegliere il punto nascita
Il parto è un evento delicato per la mamma e il bambino. In Italia le strutture abilitate ad assistere le mamme sono classificate in tre livelli.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Allattamento al seno: quali vantaggi?
L'allattamento al seno rappresenta in assoluto il miglior tipo di alimentazione per il bambino nei suoi primi mesi di vita.
I disturbi del sonno nei neonati e nei bambini
Disturbi del sonno nei neonati: si svegliano parecchie volte di notte. Come facilitare il sonno nei bambini: i consigli del Pediatra.
Sindrome di West
La sindrome di West è una malattia epilettica con esordio nel 1° anno di vita, caratterizzata dalla presenza di spasmi epilettici.
Allattamento artificiale: come faccio a fargli accettare il biberon?
Consigli per far accettare il biberon in corso di allattamento artificiale.
Incompatibilità da RH in gravidanza
L'identificazione del gruppo sanguigno e del fattore Rh deve essere sempre fatta all'inizio della gravidanza per tutelare la salute fetale.

Quiz della settimana

Che cosa significa la parola astenia?
Essere privo di forza
Altezza al di sotto della media
Carenza di vitamine
Sonnolenza