ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Saperne di più

per approfondire insieme

Paure in gravidanza

La gravidanza è sempre una situazione nuova e finisce inevitabilmente per procurare qualche inquietudine. I timori, le paure, l'ansia in gravidanza. Come affrontarla.

a cura di: Dott.ssa Donatella Bresciani (ginecologa), Prof. Silvano Zaglio (specialista in ostetricia e ginecologia - andrologia)

La gravidanza è sempre una situazione nuova, anche per chi ha già avuto dei figli, e finisce inevitabilmente per procurare qualche inquietudine.
In questo periodo anche le donne più forti sono costrette a fare i conti con una emotività tumultuosa, con ansie e preoccupazioni che, viste dal di fuori, possono sembrare del tutto sproporzionate. Non devono perciò provocare vergogna ne sensi di colpa. Importante è parlarne con qualcuno in modo da esorcizzare le paure o almeno evitare che si ingigantiscano. Parlandone liberamente alla fine si arriverà persino a sorriderne.

Contro le paure strettamente connesse alla gravidanza (dolore del parto, di avere un figlio malformato, ecc.) è bene parlarne con il medico. Sarà lui il primo a capire, a dare tutte le informazioni necessarie per ridare tranquillità ed eventualmente ad indirizzare la gravida verso lo specialista che sarà in grado di  placare le ansie più gravi.

Delle altre paure, quelle  "non sanitarie", che si manifestano o peggiorano in gravidanza (paura del buio, di attraversare la strada, di non essere più desiderate, ecc.)  può essere utile parlare con uno psicologo.

Molto utile è frequentare i corsi di accompagnamento alla nascita che si tengono in molti ospedali e consultori, in modo da incontrare altre mamme che vivono la stessa esperienza: dalla condivisione di questi problemi spesso deriva una rassicurazione che aiuta a superarli senza traumi.

1/12/2009

21/8/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Paure in gravidanza"

Ha paura della morte
Non vuole più dormire da sola perché ha cominciato a dire che ha paura di morire. Come comportarci? I consigli della psicologa.
Ha paura di stare da solo
Mio figlio Stefano di dieci anni ha il terrore di restare solo. Qualche volta si tratta di episodi transitori.
Rispondere alle paure dei bambini
Per rispondere e tranquillizzare le paure dei bambini occorre dare risposte e spiegazioni adeguate quando le chiedono, senza rimandare.
Paura del dentista
Perché un bambino ha paura del dentista? Le cause più frequenti sono legate ad un condizionamento familiare e/o ad una brutta esperienza.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Come si sviluppa la vista nei neonati
Cosa vede il neonato? Come si trasforma e si sviluppa la vista dei neonati nel primo anno di vita.
Il seno in gravidanza
Durante la gravidanza il seno si prepara per l'allattamento. Il seno diventa più sodo e più grosso.
Nevo acromico
Il nevo acromico è una alterazione circoscritta, solitamente congenita, della pigmentazione che si identifica con una chiazza di ipopigmentazione.
Cos’è la logopedia e che cosa fa?
La logopedia ha lo scopo di migliorare le possibilità comunicative del bambino.
L'alimentazione del neonato e del bambino piccolo
L'alimentazione dei neonati e del bambino piccolo: le indicazioni dei nostri esperti.

Quiz della settimana

Che cosa fare in caso di perdita di sangue dal naso?
piegare la testa il piu' possibile all'indietro
comprimere la parte ossea del naso
riempire le narici di cotone per arrestare l'emorragia
nessuna delle risposte e' corretta