ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Saperne di più

per approfondire insieme

La preeclampsia

La preeclampsia è una malattia della gravidanza. Le forme più lievi scompaiono dopo il parto; quelle più gravi predispongono a una serie di malattie renali.

a cura di: Dott.ssa Donatella Bresciani (ginecologa), Prof. Silvano Zaglio (specialista in ostetricia e ginecologia - andrologia)

La preeclampsia è una malattia che compare esclusivamente in gravidanza e che colpisce circa 5 donne su 100, con una certa preferenza per le primipare; coinvolge vari organi e può avere manifestarsi in modo diverso in rapporto al livello di gravità.

Le forme più lievi scompaiono dopo il parto e non lasciano conseguenze; quelle più gravi predispongono invece a una serie di malattie renali che possono comparire anche a distanza di molti anni.

La forma più grave della malattia compare in genere a partire dalla 27° o 28° settimana di gravidanza e all’inizio non crea disturbi particolari, se non un eccessivo aumento di peso e la comparsa di gonfiore generalizzato, conseguenza di un’eccessiva ritenzione di liquidi e sali  nell’organismo. Possono comparire aumento della pressione  arteriosa, spesso accompagnato da disfunzioni renali e presenza di albumina nell’urina, segno di difettoso funzionamento dei reni. La madre può accusare forti mal di testa e dolori allo stomaco, in casi molto rari si può arrivare a perdita della coscienza e crisi di tipo epilettico (eclampsia).

Nei casi peggiori, i disturbi circolatori e renali impediscono l’adeguato funzionamento della placenta con conseguente ritardo nell’accrescimento fetale e in casi estremi, morte del feto. Risultano più a rischio le donne alla prima gravidanza, le obese, le diabetiche, quelle in attesa di gemelli, e quelle già ipertese prima della gravidanza.

La malattia può essere diagnosticata eseguendo i controlli regolarmente perché si evidenziano così le prime alterazioni impedendo l’aggravamento della malattia; in particolare sono essenziali il controllo del peso, della pressione della quantità di albumina nelle urine.

10/12/2009

17/10/2017

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

La donna dopo il parto
Il brusco cambiamento avvenuto dopo il parto porta l'organismo ad una serie di complesse modificazioni.
La pelle del neonato
La pelle del neonato è soggetta ad arrossamenti ed irritazioni a causa dell'estrema fragilità cutanea e del contatto prolungato con fattori irritanti.
Non riesce a respirare dal naso
Ha tolto le adenoidi, ma non riesce a repirare dal naso.
Controllo della vista di un bambino piccolo
Entrambi i genitori sono miopi. Quale struttura scegliere per un bambino di nove mesi? I consigli dell'oculista.
La cameretta del neonato
Come arredare la cameretta del neonato tenendo conto di quelle che saranno le sue esigenze future.

Quiz della settimana

Per quanto tempo si può conservare in frigorifero il latte materno, senza perdere nessuna delle sue molteplici proprietà?
meno di 12 ore
non piu di 24 ore
36 ore
oltre le 48 ore