ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Saperne di più

per approfondire insieme

Le prime ore dopo il parto

La mamma può, se sta bene e lo desidera, attaccare al seno il neonato anche immediatamente dopo il parto e tenerlo con sé per le prime 2-3 ore dopo la nascita.

a cura di: Dott.ssa Donatella Bresciani (ginecologa), Prof. Silvano Zaglio (specialista in ostetricia e ginecologia - andrologia)

Il bisogno della madre e del suo piccolo di stare insieme nelle ore seguenti al parto è ormai largamente riconosciuto.
Nella maggior parte delle strutture ospedaliere, la mamma può, se sta bene e lo desidera, attaccare al seno il neonato anche immediatamente dopo il parto e tenerlo con sé per le prime 2-3 ore dopo la nascita.

La vita comune di madre e bambino varia molto secondo come è organizzato il reparto: con la nursery tradizionale oppure con il rooming-in oppure ancora con una combinazione delle due cose.

La nursery è quel grande locale del reparto di maternità in cui i neonati vengono tenuti tutti insieme  e portati dalla mamma solo per l’allattamento e per qualche altro breve momento della giornata.

Il "rooming-in" (che significa "stare in stanza insieme") consiste appunto nel lasciare i neonati in culla accanto al letto della madre, che se ne occupa direttamente.

In alcune strutture nursery e rooming-in  sono combinati: il bambino sta nella culla a fianco della mamma per quasi tutta la giornata e normalmente viene riportato nella nursery la notte; vi sono inoltre spazi comuni per le incombenze quotidiane a disposizione delle mamme.

 

5/1/2010

16/12/2016

I commenti dei lettori

...momenti che non dimenticherò mai!!!! sfinita dal travaglio,ma la voglia di coccolare i miei piccolini era talmente grande che mi sentivo in gran forma.e nei giorni che sono stata all'ospedale sia nella prima gravidanza e anche nella seconda i mie bimbi sono sempre stati con me.

anila (MO) 15/12/2010

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Le prime ore dopo il parto"

Parto naturale dopo un cesareo
Si può fare un parto naturale dopo un cesareo, ma il travaglio deve essere monitorato attentamente.
Infezione da streptococco durante il parto
L'infezione da streptococco beta emolitico di gruppo B è una causa importante di malattia neonatale di tipo batterico.
Il parto: dal travaglio alla nascita
Tutti gli eventi che portano dal travaglio alla nascita: contrazioni, rottura delle acque, monitoraggio, fase espulsiva, secondamento.
Nascere e poi, dall'attesa alla prima infanzia
La psicanalista Drina Candiliss-Huisman ha scritto il libro "Nascere e poi, dall'attesa alla prima infanzia" che parla della storia dell'infanzia e maternità.
Il libro Bambini nel tempo di Ian McEwan
Un libro che parla dell'incessante dialettica fra l'adulto e il bambino che vivono in ognuno di noi: "Bambini nel tempo" di Ian McEwanci.
Rischi del parto cesareo
Ho già subito un parto cesareo. Esistono dei rischi reali di cedimento della precedente ferita in caso di travaglio? I consigli del ginecologo.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Allattamento al seno: consigli alla mamma che allatta
I consigli degli esperti di Pediatria On Line alla mamma che allatta al seno.
Calcolo del peso fetale
Come si calcola il peso fetale durante i 9 mesi della gravidanza? I consigli degli esperti.
Mucoviscidosi o fibrosi cistica
La mucoviscidosi è una malattia caratterizzata dalla produzione di secrezioni ghiandolari particolarmente viscose e da alterazioni del pancreas e dei bronchi.
Animali in casa?
Animali in casa, si o no? Non vi sono controindicazioni, a patto che si seguano delle norme igieniche rigorose.
Il bambino iperattivo
Le cause dell'iperattività e deficit di attenzione e cosa fare se un bambino sembra iperattivo.

Quiz della settimana

A che cosa serve la vitamina K?
Ha un'azione anti-ossidante
Aiuta l'organismo a difendersi dalle infezioni
Favorisce la trasmissione degli impulsi nervosi
Ha un'azione antiemorragica