ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Saperne di più

per approfondire insieme

Il puerperio

Il puerperio rappresenta quel periodo dopo il parto, in cui la donna va incontro ad una serie di trasformazioni che la riportano a una condizione simile a quella antecedente la gravidanza.

a cura di: Dott.ssa Donatella Bresciani (ginecologa), Prof. Silvano Zaglio (specialista in ostetricia e ginecologia - andrologia)

Il puerperio rappresenta quel periodo dopo il parto, in cui la donna va incontro ad una serie di trasformazioni che la riportano a una condizione simile a quella antecedente la gravidanza. Si assiste infatti ad una brusca diminuzione di peso, alla scomparsa della pancia, alla modificazione del seno, al contrarsi dell’utero, alla diversa produzione di ormoni.

Dopo un parto naturale

Anche se ci sente molto stanche fin dal primo giorno è meglio alzarsi per riattivare la circolazione prevenendo complicazioni, anche aiutata da qualcuno. Poiché la muscolatura addominale è molto rilasciata, alzandosi conviene indossare una guaina elastica; l’alimentazione è del tutto normale ed è consigliato una cospicua idratazione.

Se è stata praticata l’episiotomia la sutura viene controllata quotidianamente e lavata più volte al giorno. Se compare dolore possono essere somministrati degli analgesici. Se non ci sono state complicazioni la puerpera viene dimessa dopo 2/3 giorni dal parto.

Dopo un parto cesareo

Nel caso del taglio cesareo, il ricovero dura 5 giorni. Dopo l’intervento la donna può accusare nausea, dolore: vengono somministrati farmaci antidolorifici e antiemetici. Per il primo e più raramente per il secondo giorno, si infondono liquidi, ma se non c’è nausea si può iniziare a bere acqua o thè.

Il primo giorno la puerpera viene aiutata ad alzarsi, a compiere qualche passo e con gradualità nei giorni successivi si arriva a camminare regolarmente. La ferita viene medicata con regolarità e i punti di sutura vengono rimossi di solito alla dimissione.

Prima della dimissione la puerpera viene sottoposta a una visita di controllo durante la quale:

  • se è stata eseguita l’episiotomia o il T.C. viene controllata la ferita e vengono date tutte le istruzioni per favorire la cicatrizzazione
  • viene eseguita una visita ginecologica per controllare le condizioni dell’ utero
  • vengono date le istruzioni da seguire durante il puerperio.

La visita di controllo viene consigliato dopo 40 giorni.

17/12/2009

21/11/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Il puerperio"

Dopo il parto
Dopo il parto che cosa succede al corpo della mamma? Il brusco cambiamento avvenuto con il parto porta l'organismo ad una serie di modificazioni.
La montata lattea
Normalmente la montata lattea arriva circa 5 o 6 giorni dopo il parto. I consigli del Pediatra.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Fatica a piegare il ginocchio: menisco discoide
Il menisco discoide è un'affezione congenita che consiste in una alterata forma e dimensione a carico di un menisco.
Perdite vaginali in età pediatrica
Le perdite vaginali in età pediatrica sono attribuibili a flogosi, di varia entità, a carico della vulva e della vagina.
Vomito ciclico
Il vomito ciclico consiste in episodi ricorrenti di vomito violento in assenza di causa organica apparente, spesso con una storia familiare di emicrania.
Da che fattori dipende la statura di un bambino?
La statura definitiva di un adulto dipende sia da fattori genetici che ambientali.
Integrazione del latte materno dopo il 6° mese
Dopo il 6° mese è opportuno provare ad integrare il latte materno introducendo alimenti diversi dal latte.

Quiz della settimana

Quale è la causa più frequente di diarrea in età pediatrica?
Un virus
La salmonella
Un parassita intestinale
Un'intossicazione alimentare