ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Saperne di più

per approfondire insieme

Scegliere il punto nascita

Il parto è un evento delicato per la mamma e il bambino. Scegliere il punto nascita significa considerare i fattori di rischio insieme al ginecologo.

a cura di: Dott.ssa Donatella Bresciani (ginecologa), Prof. Silvano Zaglio (specialista in ostetricia e ginecologia - andrologia)

Nel nostro paese le strutture abilitate ad assistere le mamme durante il parto sono classificate in tre livelli.

Al primo appartengono quelle in grado di fornire assistenza nei casi in cui sia la mamma, sia il nascituro sono sani e il parto si annuncia a basso rischio, per quanto è possibile prevedere sulla base degli esami eseguiti durante la gravidanza. Garantiscono l’ assistenza ostetrico-ginecoligica, anestesiologica e pediatrica ventiquattro ore su ventiquattro.

Le strutture di secondo livello sono abilitate per l’assistenza dei parti a rischio e richiedono cure sub-intensive. Sono dotate di sla operatoria pronta in tempi brevi per eventuali emergenze, personale ostetrico-ginecologico, anestesisti e neonatologi disponibili ventiquattro ore su ventiquattro.

Al terzo livello, il più alto, appartengono i centri nascita abilitati all’assistenza dei parti ad alto rischio per patologie materne o fetali e alla cura dei bimbi fortemente prematuri. Dispongono di equipe ostetrico-ginecologica con obbligo di reperibilità ventiquattro ore su ventiquattro, sala operatoria e servizio di anestesia sempre a disposizione in tempi brevissimi, terapia intensiva per la madre, terapia intensiva neonatale, servizio di neonatologia. Sono grandi strutture ospedaliere, per lo più cliniche universitarie, in cui vengono più di mille nascite all’ anno.

La gravidanza e il parto nell’80% dei casi sono eventi fisiologici che si sviluppano bene, ma talvolta l’evento fisiologico può trasformarsi in una situazione che richiede urgenza di intervento  e strutture ben attrezzate e adeguate per poterlo risolvere con successo.

L’età media della donna al parto è oggi di circa 31 anni e in quest’epoca della vita la gravidanza è vissuta con maggiore ansia e ha bisogno della massima assistenza e di controlli clinici mirati.
Se la gravidanza è seguita con attenzione e continuità, eventuali fattori di rischio e complicazioni vengono individuati prima del termine dell’attesa e la futura mamma viene indirizzata alla struttura più adeguata per assisterla al parto. Quale sia la struttura più adatta a cui rivolgersi per l’assistenza al parto va stabilito di comune accordo dalla donna e dal professionista che l’ha seguita durante la gravidanza, ostetrica o ginecologo.

Già prima del concepimento l’aspirante mamma può valutare le proprie condizioni di salute e fattori di rischio rivolgendosi al consultorio di zona e all’ambulatorio territoriale. Nel corso dell’attesa poi alcuni fattori di rischio possono venir meno, mentre ne possono insorgere altri: è importante quindi che l’assistenza sia continua e adeguata.

Sulla base delle condizioni generali di salute e della presenza di complicazioni, si decide quindi a quale tipo di centro nascita rivolgersi, se di primo, secondo o terzo livello. La scelta del luogo in cui partorire non è improvvisata ma frutto di controlli e valutazioni ben ponderate. Il livello deve essere commisurato all’intensità delle cure che si prevede occorreranno.
Qualora al momento del parto si presentasse un’emergenza del tutto imprevista ogni centro nascita è attrezzato per un trasferimento rapido ad una struttura di livello superiore.

17/12/2009

29/11/2017

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Scegliere il punto nascita"

Dopo il parto
Dopo il parto che cosa succede al corpo della mamma? Il brusco cambiamento avvenuto con il parto porta l'organismo ad una serie di modificazioni.
Rischi del parto cesareo
Ho già subito un parto cesareo. Esistono dei rischi reali di cedimento della precedente ferita in caso di travaglio? I consigli del ginecologo.
Asfissia neonatale
L'asfissia neonatale è una grave sofferenza del bambino al momento del parto.
Nascita della Vergine
La Nascita della Vergine è un quadro di Vittore Carpaccio che raffigura la madre della Vergine, S. Anna, sdraiata su un letto il momento successivo al parto.
La gravidanza oltre il termine
La gravidanza oltre il termine può determinare un incremento del rischio sia per la mamma che per il bambino.
Parto pretermine
Viene definito “parto pretermine” il parto che avviene prima della 37° settimana di gravidanza. La causa è spesso sconosciuta.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Diabete in gravidanza
In gravidanza vanno distinti due diversi tipi di diabete: quello preesistente e quello gestazionale.
Seno ingrossato nel neonato
È normale che il neonato abbia il seno ingrossato. Si tratta della crisi genitale, un fenomeno ormonale che passerà da solo.
Una febbre ricorrente senza spiegazione
Gli esami sono tutti negativi, ma io sono preoccupato.
Ha quasi un mese, ma non gli è ancora caduto il moncone ombelicale
La caduta del moncone ombelicale: ad un mese di vita, se non fosse già caduto, va reciso chirurgicamente.
Le sono già comparse le smagliature sul seno
Il seno si è riempito di smagliature ancora rosse, posso fare qualcosa di più efficace? I consigli del dermatologo.

Quiz della settimana

Per quanto tempo si può conservare in frigorifero il latte materno, senza perdere nessuna delle sue molteplici proprietà?
meno di 12 ore
non piu di 24 ore
36 ore
oltre le 48 ore