ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Saperne di più

per approfondire insieme

La stitichezza in gravidanza

La stitichezza è un problema comune in gravidanza. Per risolvere, o per lo meno attenuare il problema: non farmaci, ma moto e alimentazione corretta.

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

La stitichezza è un problema molto frequente in gravidanza e le cause sono molteplici. Il principale responsabile è sicuramente uno degli ormoni della gravidanza, il progesterone, che rende più rilassata e meno tonica la muscolatura della parete intestinale, riducendo la peristalsi, cioè la motilità del colon (il tratto di intestino che va dall'appendice fino all'ano). All'azione ormonale si aggiunge poi, soprattutto a partire dal quarto mese, un "fattore meccanico": l'utero che si va via via ingrossando preme sull'intestino e ne riduce ulteriormente la funzionalità. A questi fattori si somma una minore attività fisica tipica della gravidanza e l'assunzione di preparati a base di ferro per combattere l'anemia (che come effetto collaterale possono avere proprio la stitichezza).

Il disturbo può provocare senso di gonfiore al ventre, nausea, dolori intestinali di varia entità, ed è una delle cause dell'insorgenza di emorroidi. Per risolvere o per lo meno attenuare il problema è opportuno non ricorrere mai ai purganti e ai lassativi, se non dopo consulto con il proprio ginecologo: questi prodotti sono infatti irritanti per l'intestino, hanno vari effetti collaterali e possono, a volte, alterare l'assorbimento di alcune sostanze utili per la gravidanza. Meglio usare, se necessario e se non si soffre di emorroidi, le supposte o i microclismi di glicerina. Occorre bere molto durante la giornata, almeno due litri di acqua non gassata, seguire una dieta ricca di fibre, soprattutto frutta, verdura e farine integrali e fare una vita meno sedentaria.

20/8/2000

1/9/2017

I commenti dei lettori

Salve a tutti,

sono Cinzia dalla provincia di Modena, sono incinta alla 32 settimana e da quando aspetto la mia bimba sono diventata stitica (mai stata prima).

Comprendo benissimo il fatto di non prendere medicinali ma non capisco come si fa a continuare a dire alle donne che soffrono di bruciori di stomaco, ecc. di mangiare più frutta e verdura. Provateci voi! Io tollero a malapena insalata e banane (a malapena vuol dire che prendo 3 volte al giorno la medicina per i bruciori di stomaco), quindi se esistono altri metodi sarei molto curriosa. Forse mi aiuterebbe.

Per il resto la gravidanza è stupenda. Me la sto godendo tutta. Un saluto

Cinzia (MO) 20/10/2010

le banane sono astringentiii cinzia...che fai?

21/11/2010

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "La stitichezza in gravidanza"

Occlusione intestinale alla nascita
Neonato che non riesce a scaricarsi. I consigli del pediatra.
Stitichezza e alimentazione
La stitichezza (stipsi) spesso si verifica quando l'alimentazione non è equilibrata.
Stitichezza in gravidanza
La stitichezza è un disturbo frequente in gravidanza e può riguardare sia la consistenza delle feci sia la frequenza dell'evacuazione.
Stitichezza in gravidanza
La stitichezza, disturbo frequente tra le donne, può peggiorare in gravidanza.
Trattiene le feci
Trattiene le feci e ci disperiamo intorno a lei per fargliela fare. I consigli del pediatra.
Stitichezza e allergia al latte
In uno studio di autori italiani sull'allergia alle proteine del latte vaccino è stata confermata l'associazione tra stipsi e proteine del latte vaccino.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Brufolo sulla palpebra. Può essere un calazio?
Gli è comparso un brufolo sulla palpebra in concomitanza alla crescita dei canini. La piccola neoformazione potrebbe essere un banale calazio.
Dà il latte adattato: fermatelo!
Ribadiamo la assoluta e indiscutibile superiorità dell'allattamento al seno sul biberon.
La preeclampsia
La preeclampsia è una malattia della gravidanza. Le forme più lievi scompaiono dopo il parto.
Come prepararla psicologicamente ad un intervento chirurgico?
I genitori devono favorire nel bambino il contenimento di angosce, paure e dolore fisico e ciò per consentire che egli si possa riappropriare del proprio corpo.
Hanno riscontrato un difetto del setto interatriale
Il difetto del setto atriale è una della cardiopatie congenite più frequenti. L'intervento viene eseguito, in assenza di sintomi, entro i 2 - 3 anni di età.

Quiz della settimana

Lo scorbuto è una malattia causata dalla carenza di una vitamina. Quale?
Vitamina A
Vitamina C
Vitamina E
Vitamina K