ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Saperne di più

per approfondire insieme

Misurare la temperatura basale per individuare il periodo fertile

La rilevazione della temperatura basale è una metodica che viene utilizzata per verificare il proprio periodo fertile. Individuare l'ovulazione non è però facile e sicuro.

Il metodo della temperatura basale è un sistema per capire qual è il giorno dell’ovulazione e quindi il proprio periodo fertile.

grafico temperatura basaleIl metodo si basa sulla misura della propria temperatura con un termometro, giorno dopo giorno Il grafico dell’andamento della temperatura subisce delle variazioni abbastanza precise: dall'inizio del  ciclo si mantiene costante; poi, in corrispondenza con l’ovulazione, si abbassa per un giorno e poi si rialza in modo netto. Questo schema, se individuato, permette di capire che l’ovulazione è in corso e che è il momento giusto per avere rapporti completi e sperare di iniziare la gravidanza.

Come si deve misurare la temperatura

E' necessario un termometro preciso: conviene comperare un termometro digitale in farmacia che permette di misurare la temperatura velocemente e la mostra in cifre evitando quindi di sbagliare la lettura. E’ necessario misurare la temperatura con la precisione del decimo di grado (ad esempio 36,4°C), comunque tutti i termometri lo fanno.
La temperatura può essere presa per via orale, mettendo il termometro in bocca per qualche minuto, o per via vaginale o per via rettale, inserendo il termometro quanto basta per misurare una temperatura interna. La via vaginale è considerata la più precisa.
Dovendo confrontare la temperatura nei vari giorni è importante misurarla sempre allo stesso modo (orale, vaginale o rettale).

Quando misurare la temperatura

La temperatura corporea va presa sempre alla stessa ora al mattino, appena svegliati e prima ancora di alzarsi dal letto. Attività fisiche come andare in bagno, vestirsi, fare colazione alterano la temperatura di quel poco che può rendere difficile la lettura del grafico che si disegnerà.
 
Quindi è bene tenere il termometro sul comodino e anche un block notes con una penna per scriverla subito ed evitare di dimenticarla o ricordarla male.
 
Si può iniziare a prendere la temperatura dai primi giorni del ciclo mestruale, facendolo poi giorno per giorno.

I fattori che possono provocare alterazioni nella temperatura basale

Sono diversi i fattori che possono causare problemi nella rilevazione della temperatura basale:

  • febbre
  • squilibri ormonali
  • assunzione di farmaci
  • assunzione di sostanze stupefacenti
  • assunzione di alcol
  • ore di sonno consecutivo <4
  • vaginite (nel caso di misurazione per via vaginale)
  • processi infiammatori a livello orale (nel caso di misurazione per via orale)

 

8/6/2012

26/6/2017

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Misurare la temperatura basale per individuare il periodo fertile"

Giorni fertili per rimanere incinta
In quali giorni fertili del ciclo mestruale è più probabile rimanere incinta. Come calcolare la data dell'ovulazione.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Gioca con i nostri capelli
Il mio bambino ha il vizio di giocare con i nostri capelli. Non bisogna preoccuparsi troppo, dato che questa abitudine non porterà alcun danno.
Ingrossamento delle adenoidi e allergia: esistono studi scientifici nei bambini?
La Sindrome Allergica Orale si manifesta dopo pochi minuti dal contatto con alcuni alimenti con edema delle labbra, prurito al palato.
Laringomalacia
La laringomalacia è un disturbo congenito della laringe caratterizzato da uno stridore inspiratorio e da un'ostruzione delle vie aeree.
Emorroidi in gravidanza
Le emorroidi sono piccole dilatazioni delle vene che raccolgono il sangue della regione anale e perianale. Frequenti in gravidanza.
Ph saliva e ricorrenza delle carie
Effettuare l'esame del ph della saliva perché ha sempre tante carie. Può essere utile? I consigli dell'odontoiatra.

Quiz della settimana

Che cosa è la melanina?
Una sostanza che favorisce il sonno
Un pigmento colorante che si trova anche nella pelle e nei capelli
Un enzima contenuto nelle mele
Una sostanza tossica per la cute