ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Saperne di più

per approfondire insieme

Ultrascreen in gravidanza

L’ultrascreen è un'indagine non invasiva in grado di quantificare il rischio potenziale di patologie cromosomiche specifico per il singolo caso.

a cura di: Dott.ssa Donatella Bresciani (ginecologa), Prof. Silvano Zaglio (specialista in ostetricia e ginecologia - andrologia)

Come il Tri Test, l’ultrascreen è un'indagine non invasiva  in grado di quantificare il rischio potenziale di patologie cromosomiche specifico per il singolo caso; di fatto informano la coppia se, rispetto all’età della gestante, il rischio di quella specifica gravidanza è superiore o inferiore.

L’ultrascreen si basa su un’ecografia ed un prelievo di sangue effettuati ad 11-13 settimane di gravidanza.

Durante il controllo ecografico viene innanzitutto verificata la vitalità dell’embrione e l’assenza di malformazioni maggiori. Viene quindi valutata l’epoca gestazionale e misurata la traslucenza nucale (NT = Nuchal Translucency), cioè lo spessore  della regione nucale del feto. Maggiore è la misura di questo spazio, maggiore è il rischio di patologie cromosomiche. Nel campione di sangue si dosano due sostanze denominate free βHCG e PAPP-A (plasma proteina A associata alla grvidanza), che nella maggioranza dei casi di patologia cromosomica sono presenti in concentrazione alterata (bi-test).

Il risultato del test biochimico viene combinato con quello dell’esame ecografico per ricalcolare statisticamente il rischio, specifico per la gravidanza in corso, di Sindrome di Down e Trisomia 18.

E’ possibile valutare il rischio basandosi solo su una delle due metodiche, in quanto sia il test biochimico che la misurazione della NT sono singolarmente validi indici di rischio.
La misurazione della translucenza nucale identifica fino al 75% circa dei bambini affetti da Sindrome di Down e da Trisomia 18, mentre in associazione al bi-test la sensibilità sale al 90%, come viene evidenziato nella letteratura scientifica. Come precedentemente sottolineato, l’esame non può in alcun modo garantire che il feto sia assolutamente indenne da anomalie cromosomiche: anche se il rischio risulta basso, la possibilità che nasca un bambino malato esiste comunque. L’utilità dello screening sta però nella possibilità di scegliere di utilizzare tecniche diagnostiche invasive solo in seconda istanza, laddove sia stato segnalato un aumento del rischio specifico.

26/11/2009

5/8/2017

I commenti dei lettori

L'articolo "Ultrascreen" trovo sia scritto molto bene, associato all'informativa dell'ospedale (S.Anna di Torino) in cui ho effettuato la translucenza nucale e il PAPP-A, ha chiarito ulteriormente il fine di tali esami.

Trovo che rispetto a testi troppo tecnici sia lineare ed esaustivo. Ho riscontrato soltanto una differenza rispetto all'iter che sto seguendo, infatti io ho effettuato il PAPP-A il giorno del'ecografia e dovrò sottopormi ad un secondo prelievo 20 gg. dopo. I tre esami poi verranno combinati.

Infine, altro pregio del vostro articolo è il fatto di sottolineare che gli esami danno un risultato anche singolarmente, mentre avevo capito che per avere un dato certo fosse necessario combinarli fra loro.

Elisa di Torino

Elisa (TO) 16/12/2010

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

La donna dopo il parto
Il brusco cambiamento avvenuto dopo il parto porta l'organismo ad una serie di complesse modificazioni.
La pelle del neonato
La pelle del neonato è soggetta ad arrossamenti ed irritazioni a causa dell'estrema fragilità cutanea e del contatto prolungato con fattori irritanti.
Non riesce a respirare dal naso
Ha tolto le adenoidi, ma non riesce a repirare dal naso.
Controllo della vista di un bambino piccolo
Entrambi i genitori sono miopi. Quale struttura scegliere per un bambino di nove mesi? I consigli dell'oculista.
La cameretta del neonato
Come arredare la cameretta del neonato tenendo conto di quelle che saranno le sue esigenze future.

Quiz della settimana

Per quanto tempo si può conservare in frigorifero il latte materno, senza perdere nessuna delle sue molteplici proprietà?
meno di 12 ore
non piu di 24 ore
36 ore
oltre le 48 ore