ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

L'esperto risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Vacanza in gravidanza

Nei mesi che precedono l'arrivo di un nuovo bambino in famiglia tutti sono sempre preoccupati per la mamma. Leggi i consigli per una vacanza in gravidanza in sicurezza e serenità.

a cura di: Dott.ssa Donatella Bresciani (ginecologa), Prof. Silvano Zaglio (specialista in ostetricia e ginecologia - andrologia)

In sostanza, il consiglio generale è di evitare gli eccessi per godersi serenamente una bella vacanza anche durante la gravidanza.

Negli ultimi mesi di gravidanza, dunque, la scelta della villeggiatura deve essere fatta con oculatezza: è meglio non programmare lunghi viaggi itineranti, evitare l’alta montagna, i climi torridi, le isole deserte, le località isolate e in genere le spedizioni avventurose o faticose.

Nulla impedisce di recarsi all’estero, anche lontano, purchè il luogo di destinazione  dia qualche garanzia effettiva rispetto all’assistenza sanitaria di base e purchè la vacanza si svolga in un periodo sufficientemente lontano dal parto. Se la vacanza coincide con l'epoca prevista per qualche controllo, procurarsi la propria documentazione in modo che un altro medico possa dare assistenza correttamente; se si sceglie una vacanza all’estero, è bene informarsi sulla assistenza sanitaria del paese (alcuni paesi danno assistenza sanitaria gratuita, altri no); se si sceglie un paese per cui è obbligatorio o consigliato sottoporsi a vaccinazioni meglio sentire prima il proprio ginecologo. Se si vuole restare del tutto tranquille è sempre meglio scegliere un luogo facilmente raggiungibile, dotato di una farmacia e vicino ad un buon ospedale.

10/12/2009

15/10/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Vacanza in gravidanza"

Vacanze e viaggi in gravidanza
Se la gravidanza procede bene, non esiste alcuna controindicazione a concedersi una vacanza anche se è opportuno prendere delle precauzioni.
In vacanze con i bambini
I bambini si adattano bene all'ambiente della vacanza. Qualche piccolo consiglio per rendere gradita la vacanza.
Montagna: a che età e quale altitudine?
A quale età si può andare in montagna con un bambino piccoli? Un bambino sano è in grado di sopportare senza particolari problemi i cambi di altitudine.
Viaggiare in gravidanza: aereo
Viaggiare in aereo in gravidanza non è necessariamente pericoloso. Dipende dalla settimana di gravidanza.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

L'alimentazione del neonato e del bambino piccolo
L'alimentazione dei neonati e del bambino piccolo: le indicazioni dei nostri esperti.
Macchie al viso in gravidanza
A partire dal 3°-4° mese di gravidanza è possibile notare la comparsa di piccole macchie marroni sul viso soprattutto nelle donne brune.
Trasposizione delle grandi arterie
La trasposizione delle grandi arterie è una malformazione cardiaca complessa. E' preferibile correggere la lesione attorno all'anno di vita.
A tre anni non riesce a pronunciare la "r"
A quasi tre anni, non riesce a pronunciare la "r". Se il problema dovesse persistere verso i 5-6 anni potrei consigliare una consulenza con un logopedista.
Latte vaccino
Perchè non bisogna dare il latte vaccino ad un neonato e ad un bambino nel primo anno di vita? Il pediatra spiega il motivo.

Quiz della settimana

Normalmente, entro quando cade il cordone ombelicale nel neonato?
Due settimane di vita
Il tempo di caduta è estremamente variabile e non indicativo
Quattro giorni di vita
Un mese di vita