ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Fiabe

sognare insieme

Pastalino alla scoperta del formaggio

C’era una volta un bambino che si chiamava Luigi. Egli mangiava sempre e soltanto la pastasciutta, per questo motivo tutti in casa lo chiamavano Pastalino.

a cura di: Francesca Lippi

Egli mangiava sempre e soltanto la pastasciutta, per questo motivo tutti in casa lo chiamavano Pastalino.

Un giorno la mamma gli chiese: - Pastalino cosa vuoi per merenda? - " Pasta al sugo, mamma, che altro?" - Per esempio ci sarebbe del formaggio...- e la mamma poggiò sul tavolo un piatto con una bella forma di pecorino fresco. Pastalino lo guardò appena, poi si mise a giocare, ma ad un tratto sentì una vocina: - Ehi, vuoi giocare con me? - " Chi mi chiama? E tu chi sei?- " Mi chiamo Pin, sono il vermetto del formaggio" rispose la solita vocina " mi sento un po’ solo qui dentro, se tu venissi a farmi compagnia ci divertiremmo un sacco!" - Come faccio, io sono un bambino, non sono mica un verme!- " Questo non è un problema." E detto questo Pin schioccò le zampette e in men che non si dica Pastalino si trasformò in un vermetto. - Oh, com’è morbido qui dentro, non avrei mai creduto prima d’ora che avrei provato l’ebbrezza di trasformarmi in un verme e per di più di visitare l’interno di un formaggio pecorino.- " Assaggiane un po’, senti quant’è buono..." - Effettivamente non è male. - e Pastalino si leccò la zampetta. " vedi qui c’è il parco giochi, dai vieni sullo scivolo con me. Ecco la scuola, anche noi vermetti studiamo."

Pastalino osservava tutto con attenzione, pieno di curiosità e intanto gustava il buonissimo formaggio, ma ad un tratto ci fu uno scossone tremendo e fu sbattuto lontano dal suo amico Pin. " Pastalino dove sei? Vieni non aver paura! " Pastalino strisciò piano verso di lui e si sentì più tranquillo, tutt’intorno era buio fitto e si sentiva un puzzo tremendo. - Pin dove siamo finiti?- " Non ho idea, mi sembra di essere in mezzo ai rifiuti".

Il vermetto aveva ragione, la mamma di Pastalino, infatti, avendo visto che il pecorino era pieno di bruchi l’aveva buttato via, perché ormai era andato a male. I due amici erano così finiti tra bucce di mele marce, resti di pesce e lattine di bevande, l’odore non era davvero dei migliori. - E... e ... adesso che facciamo? - chiese spaventato Pastalino - ci arrampicheremo su e troveremo la luce - e detto questo Pin cominciò a strisciare senza una direzione precisa. " Se riesco ad uscire da questa storia, credo proprio che mangerò il formaggio a merenda" pensò Pastalino.

Poi chiese timidamente: " potrei tornare a casa, credo proprio di non aver finito i compiti, ma mi dispiace lasciarti da solo!" - Non preoccuparti per me, incontrerò di sicuro qualche amico vermetto-. " Vieni su con me, potresti aiutarmi a studiare la storia". - E’ un’idea, non sono molto preparato sulle cose degli umani, ma almeno staremo insieme -. E detto questo schioccò le zampette e Pastalino tornò il bambino di sempre. " Ciao mamma, cosa stai preparando per cena? " - Pastasciutta al sugo con parmigiano, ma a te non piace...- " Stasera, invece, sarà il mio piatto preferito, ho un’acquolina!" -

Cosa? E’ incredibile, ma che ti è successo? E... da dove vieni? Hai un odore!- " Sarebbe troppo lungo da spiegare" rispose Pastalino e strizzò l’occhio a Pin che stava tranquillo al calduccio nella tasca dei suoi jeans.

10/2/2000

20/12/2009

I commenti dei lettori

Leggendo ho la sensazione che la storia si confonda man mano che si va avanti. All'inizio sembra abbia una morale legata al cibo e all'apprendere che il bambino ha bisogno di mangiare vari cibi, ma poi si dirotta tutto sul verme, e mi sembra che si perda tutto. Non sembra esserci più un filo logico. Mi sbaglio?

Carlo (PA) 20/07/2011

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Pastalino alla scoperta del formaggio"

Cuor di formica
Avreste mai pensato che una formica potesse essere emozionata e agitata per il suo primo viaggio fuori dal nido, all'aria aperta? Ecco il tema della fiaba.
Se il mare cadesse il mondo sarebbe sottosopra
C'era una volta tanto tempo fa... Inizia così la fiaba di Gil che incontra il Signore della Sabbia e del Vento.
Natale è tempo di fiabe
La fiaba ha un educativo perché induce il bambino ad accostarsi alla realtà e terapeutico perché sperimenta nuove emozioni.
La scatola magica
C'era una volta un vecchio signore che non riusciva a ricordare nulla.
Le fiabe e il mondo emotivo dei bambini
La lettura delle fiabe, dei racconti o delle poesie diventa la via maestra per entrare in contatto con il mondo emotivo dei propri figli.
Viaggio tra i classici della letteratura
Scopriamo quali sono i personaggi preferiti della letteratura infantile attraverso il nostro viaggio nei classici della letteratura.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Le crisi di collera
Le crisi di collera sono un modo impulsivo col quale il bambino esprime la rabbia. Occorre insegnargli ad esprimere il suo disagio attraverso modi appropriati.
Morso incrociato
Il morso incrociato è un'anomalia per la quale i denti superiori cadono, nel contatto occlusale, internamente rispetto agli inferiori.
Quando iniziare lo svezzamento in caso di allattamento al seno?
Iniziare lo svezzamento a sei mesi o continuare con il solo allattamento al seno? I consigli del Pediatra nutrizionista.
Fotografare un neonato con il flash
Non esiste alcuna ragione per temere effetti negativi da flash di una macchina fotografica.
La parotite
La parotite è una malattia virale, trasmessa mediante le goccioline di saliva. Il periodo di incubazione della malattia è in genere compreso fra 14 e 21 giorni.

Quiz della settimana

Che cos'è un antigene?
Una sostanza che, introdotta in un organismo, induce una risposta immunitaria
Una cellula in grado di fagocitare le particelle estranee all'organismo
Una cellula che produce le proteine necessarie alla difesa dell'organismo
Un sinonimo di anticorpo