ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Letture in famiglia

l'esperienza dei grandi ci parla

Giuseppe Ungaretti - La madre

E il cuore quando d'un ultimo battito Avrà fatto cadere il muro d'ombra, per condurmi, Madre...

a cura di: Prof.ssa Lucia Varrasi

E il cuore quando d'un ultimo battito
Avrà fatto cadere il muro d'ombra,
per condurmi, Madre, sino al Signore,
come una volta mi darai la mano.

In ginocchio, decisa,
sarai una statua davanti all'Eterno,
come già ti vedeva 
quand'eri ancora in vita.

Alzerai tremante le vecchie braccia.
Come quando spirasti
Dicendo: Mio Dio, eccomi.

E solo quando m'avrà perdonato,
ti verrà desiderio di guardarmi.

Ricorderai d'avermi atteso tanto,
e avrai negli occhi un rapido sospiro.

(Da "Sentimento del tempo")

GIUSEPPE UNGARETTI nacque ad Alessandria d'Egitto nel 1888 da famiglia lucchese. Studiò a Parigi e prese parte alla prima guerra mondiale, durante la quale pubblicò la sua prima raccolta di versi, "Il porto sepolto". Dal 1936 al 1942 fu insegnante di Letteratura Italiana presso l'Università di San Paolo del Brasile. In questo periodo la sua vita fu tragicamente segnata dalla morte del figlio Antonello di nove anni. Dopo la seconda guerra mondiale insegnò all'Università di Roma. Morì a Milano nel 1970.

Questo testo, solo apparentemente "facile" nella sua concisione e brevità espressiva, evoca la fermezza di quella fede che, attraverso l'umile preghiera della madre, diventa mezzo di salvezza per il figlio. La decisione nei gesti della madre e il suo saldo sentimento religioso riescono a riprendere il dialogo con il figlio iniziato nella vita terrena, "muro" vacuo, inconsistente, fra noi e la vera vita, quella celeste.

18/9/2001

18/9/2001

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Allattamento al seno e risvegli notturni: vuole ancora il latte della mamma di notte
A otto mesi si sveglia e prende ancora il latte dalla mamma. Come comportarsi per risolvere il problema.
Anemia
Le cause possono essere congenite, trasmesse cioè con meccanismo ereditario, o acquisite durante il corso della vita.
Non vuole stare nel passeggino
Il tuo bambino non vuole stare nel passeggino? Alcuni consigli pratici su come fare a risolvere la situazione.
Accertamenti a tappeto e screening
In Pediatria è corretto eseguire accertamenti (del sangue, strumentali o visite) solo quando esiste un sospetto diagnostico.
Emorroidi in gravidanza
Le emorroidi sono un disturbo frequente durante la gravidanza. Le cause e i rimedi suggeriti dal ginecologo.

Quiz della settimana

Quando si è punti da una zecca, quale dei seguenti comportamenti occorre seguire?
Rimuovere la zecca con alcool o acetone
Lasciare la zecca in sede per alcune ore facendola intontire con ammoniaca
Rimuovere la zecca prontamente con una pinzetta
Schiacciare subito la zecca nella sede della morsicatura