ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Letture in famiglia

l'esperienza dei grandi ci parla

Coccoroco, cuoco delle coccole

Coccoroco, cuoco delle coccole, è un libro con disegni golosi e tante ricette pensate per i bambini che possano provare a sperimentare il piacere del cibo buono e sano.

Titolo: Coccoroco, cuoco delle coccole

Autori: un gruppo di alunni del CFP Formont di Villadossola

Curato: da Chiara Coppa e M. Giuliana Saletta

Illustrazioni: Adele Zuccoli

Collana: I libri del filo invisibile - 2009

Racconta Coccorocò: "Il mio paese si chiamava Coccolandia e tutte le persone andavano d’accordo e si volevano bene, ma un brutto incantesimo del malvagio Crudelius cambiò tutto e Coccolandia si è trasformata in Litigandia. A me non piace litigare e quando vedo gli altri farlo divento triste. Per cercare di cambiare la situazione, ho deciso di organizzare la Festa delle Coccole..." E vedremo che cosa sarà capace di fare Coccorocò, cuoco delle Coccole. 
Si tratta di  un libro molto speciale, perchè Coccorocò è stato scritto da dodici ragazzi del Corso professionale alberghiero del CFP Formont di Villadossola (VB) ed è la sintesi e il risultato del corso di scrittura creativa Scrittori golosi ideato dalla scrittrice di fiabe per bambini Maria Giuliana Saletta e progettato insieme alla giornalista Chiara Coppa.

E'  un libro con disegni golosi e tante ricette pensate per i bambini in modo che, finita la lettura, possano provare a sperimentarle e al contempo coltivare il piacere del cibo buono e sano e quindi imparare a vivere il cibo come momento di gioia e di condivisione. Per divertirsi, insieme alla mamma, a pasticciare in cucina, o per inventare simpatiche e gustose ricette per feste con gli amici.

L’illustratrice, Adele Zuccoli, ha dato vita alle particolarissime illustrazioni, realizzate utilizzando realmente prodotti come farina, confetti, bignè, granella colorata... sì da farle diventare veramente golose.

5/2/2010

5/2/2010

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Analisi preventive per una bambina di un anno
Gli esami andrebbero prescritti non per controllare se una bimbina sta bene, ma per cercare conferma a seguito di un sospetto clinico fondato e motivato.
Bambini, adolescenti e social network
I social network sono uno strumento per favorire lo scambio di informazioni e la conoscenza reciproca. E' necessario un attento controllo da parte dei genitori.
Ittero del neonato o ittero neonatale
Ittero neonatale (del neonato): l'eccesso di bilirubina ha varie cause e conseguenze anche gravi, per cui si cura con la fototerapia.
Fecondazione: come avviene
Ecco come avviene la fecondazione: in una "gara" fra spermatozoi per la fecondazione dell'ovulo l'inizio della vita.
La crescita del bambino
Il pediatra, per controllare se la crescita e lo sviluppo procedono regolarmente, confronta le misure del bambino con tabelle standardizzate.

Quiz della settimana

Secondo il calendario vaccinale in vigore in Italia, il vaccino antipoliomielite:
viene somministrato per via intramuscolare
viene somministrato per via orale
viene somministrato prima per via intramuscolare e poi per via orale nei richiami successivi
non viene più somministrato perché la malattia è ormai scomparsa