ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

News

eventi per famiglie

Donatore di sangue

Il 14 giugno di ogni anno si festeggia, in Italia e nel mondo, la Giornata mondiale del donatore di sangue.

Dal 2005 il giorno 14 giugno di ogni anno si festeggia, in Italia e nel mondo, la Giornata mondiale del donatore di sangue, un'occasione per celebrare e ringraziare i milioni di donatori volontari di sangue che con il loro atto generoso, responsabile e consapevole permettono di assicurare le terapie trasfusionali a tutti i pazienti che necessitano di tali trattamenti.
La data del 14 giugno è altamente simbolica, ricorre infatti in tale giorno la nascita di Karl Landsteiner, lo scienziato che ha ricevuto il premio Nobel per aver scoperto, agli inizi del „900, il sistema AB0 dei gruppi sanguigni.
La Giornata è stata voluta e promossa dalla Federazione Internazionale della Croce Rossa e della mezzaluna Rossa, dalla Federazione internazionale delle Organizzazioni dei Donatori di Sangue e la dalla Società Internazionale di Medicina Trasfusionale, sostenute dall'Organizzazione Mondiale della Sanità. Ogni anno viene scelta una capitale, tra quelle candidate, come sede mondiale degli eventi celebrativi.
Lo scopo della Giornata è quello di ringraziare i donatori periodici di sangue e di sensibilizzare la cittadinanza alla donazione del sangue, soprattutto nei Paesi sottosviluppati che non hanno ancora raggiunto l'autosufficienza per sangue ed emocomponenti, sottolineando il contributo dei donatori ai sistemi sanitari nazionali e lo stretto legame esistente tra la donazione volontaria (non remunerata) e la qualità del sangue in termini di sicurezza.
Lo slogan della Giornata del 2010, che si tiene a Barcellona, è “New blood for the world”, con il chiaro intento di avvicinare al dono le nuove generazioni perché garantiscano il fabbisogno di sangue costantemente in crescita con un adeguato ricambio generazionale. Spetta infatti ai giovani la possibilità di “sostituire” la generazione di donatori di sangue in età di “pensionamento” e di “costruire” le premesse di un “nuovo mondo” che accolga e sostenga valori come: responsabilità, solidarietà, consapevolezza, conoscenza, informazione e partecipazione.

Nell'edizione italiana, gli organizzatori, col patrocinio della Regione Autonoma della Sardegna e del Comune di Alghero, hanno mobilitato la città con “una movida por la vida”, accedendo al tema sangue attraverso tre differenti generi (letterario, musicale, artistico) che daranno lo spunto per informarsi e partecipare anche a coloro che sono fuori dalla numerosa comunità dei donatori di sangue.
In particolare il 14 giugno, nell'ambito di un incontro istituzionale nella cornice del rinnovato Quartè Sayal di Alghero, con la presenza di personalità di spicco del mondo della medicina ed in particolare professionisti della cura delle malattie del sangue, si parlerà di talassemia in un incontro dal titolo “MALE NOSTRUM: prevenzione, cura e buone pratiche per (con)vivere con la Talassemia”.
Nel mondo i pazienti affetti da questa malattia sono circa 3 milioni; ogni anno sono 330 mila i bambini che nascono affetti da emopatie congenite: di questi il 17% è affetto da talassemia. L'Italia è uno dei paesi più colpiti: si contano 7000 malati e 3.500.000 di portatori sani, concentrati nelle zone della Sardegna e Sicilia, nelle regioni meridionali e nella zona del delta padano.
I malati di talassemia hanno bisogno di trasfusioni di sangue continue (circa ogni due settimane) e possono sopravvivere solo grazie a tutti coloro che spontaneamente e gratuitamente donano il loro sangue, in un sistema dove la donazione volontaria, non remunerata e consapevole rappresenta un presidio salva-vita in molti dei più importanti percorsi diagnostico-terapeutici.
12 giugno - SHOCK Blooded: vampiri e horror per esorcizzare la paura dell'ago
13 giugno - ROCK Blooded: arte, musica e gastronomia per far(si) buon sangue
14 giugno - POP Blooded: informazione e partecipazione sostengono la popolarità della donazione

10/6/2010

10/6/2010

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Intolleranze alimentari
Le intolleranze alimentari non rispondono ai tradizionali Test Allergici cutanei. Non provocano quasi mai delle reazioni violente ed immediate nell'organismo.
Mio figlio ripete le parolacce
Mio figlio di quasi quattro anni ripete le parolacce ogni volta che le sente. Mi hanno consigliato di fingere indifferenza.
Morso di cane
In caso di bambino morso da un cane, bisogna sapere la sede della morsicatura, la profondità del morso e la taglia del cane.
Beve molto: non avrà il diabete?
Bere molto (si dice polidipsia) rappresenta effettivamente uno dei segni del diabete, ma normalmente non è però l'unico segno.
Infezione da Chlamydia nel neonato
Il neonato può infettarsi al momento della nascita durante il passaggio nel canale da parto.

Quiz della settimana

Nell'asilo di vostro figlio sono stati segnalati numerosi bambini con i pidocchi, tanto che sono stati esposti avvisi a riguardo. Qual e' il miglior modo per evitare che anche il vostro bambino, che al momento sta benissimo, venga contagiato?
Lo portate dal barbiere per tagliarli i capelli molto corti
Lo trattate subito con un prodotto contro i pidocchi
Non lo mandate all'asilo per una settimana
Controllate accuratamente il cuoio capelluto del bambino almeno una volta alla settimana