ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Punto di vista

il punto di vista del tuo amico Pediatra

Adolescenti e fatti di cronaca

Tutti i giorni i nostri ragazzi sono esposti alla paura e al macabro: questa non è informazione, ma voyerismo giornalistico.

a cura di: Dott.ssa Chiara Ticozzi (pediatra)

Scorrono molte immagini e si ascoltano tante parole in questi giorni di fine inverno. Oltre al rinnovarsi della natura, il mondo ci offre anche orrori e sconfitte dell'uomo moderno.

Il suo corpo è stato trovato. Yara è morta.

Quante madri e padri si angosciano e si fanno domande sulle sfortunate sorti di Yara. Dopo quelle di Sarah, quanti adolescenti, nei loro silenzi, hanno paura e alle loro paure si aggiungono le paure delle loro madri e dei loro padri angosciati.
Fa male ascoltare di morte e soprattutto di morte giovane, fa male sapere di abusi, ma fa ancora più male quando all'abuso reale si somma quello mediatico, quello del voyerismo giornalistico che ci viene somministrato ogni giorno ad ogni ora del giorno. Parlo di quell'insistere sulla dovizia di particolari fisici della morte, della ricerca del macabro e del tenero allo stesso tempo: due parti fragili dell'animo umano, dell'insinuare sempre sospetti e diffidenze: nuove strategie della paura, da parte di chi può entrare in ogni casa ad ogni ora senza un vero permesso.

Assoluta la rivendicazione della libertà di informazione giornalistica e televisiva, nei confronti delle opinioni, ma no agli abusi sulle fasce più delicate della popolazione e no anche allo sfruttamento dei bambini nella pubblicità.

Per Yara, per Sarah, per i nostri ragazzi, i nostri pazienti che sempre di più somatizzano le loro angosce o più grave le narcotizzano, serve un codice di regolamentazione per il rispetto dell'infanzia e dell'adolescenza ciò per il rispetto del nostro futuro.

10/3/2011

10/3/2011

I commenti dei lettori

Buongiorno, io ho 2 bambini, di 11 e 8 anni, e questo argomento mi sta molto a cuore... Amo essere informata, ma seguire un telegiornale sta diventando quasi impossibile: la maggior parte di essi, infatti, a mio parere, riportano quasi unicamente fatti di cronaca raccontati morbosamente, oppure le quotidiane diatribe politiche... Ho scelto quindi di non vedere il telegiornale insieme ai miei figli, salvo rare eccezioni, durante le quali sto molto attenta a ciò che viene detto, e come. Me ne dispiaccio, perchè vorrei che i miei figli pensassero che la nostra società non è fatta solo di questo, la società non è certo un "reality"...

Simona

Simona (MI) 15/03/2011

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

A tre anni non riesce ancora a strutturare le frasi
La variabilità dei tempi e modi dello sviluppo del linguaggio è notevole ma, in presenza di alcuni "segnali" significativi, vanno valutati alcuni aspetti.
Accertamenti a tappeto e screening
In Pediatria è corretto eseguire accertamenti (del sangue, strumentali o visite) solo quando esiste un sospetto diagnostico.
Problemi di inserimento in prima media
E' in crisi, continua a piangere per l'enorme cambiamento che le medie comportano.
Intervallo di tempo fra la somministrazione di vaccini diversi
Ci sono intervalli di tempo da rispettare tra un vaccino e l'altro?
La donna dopo il parto
Il brusco cambiamento avvenuto dopo il parto porta l'organismo ad una serie di complesse modificazioni.

Quiz della settimana

I lattanti che assumono latte materno hanno un minor rischio di contrarre:
Otiti
Gastroenteriti
Polmoniti
Tutte le risposte sono esatte