ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il tempo dell'infanzia

bambini nell'arte e nella cultura

Curiosità sul parto e sulla nascita

Lo sapevi che l'acqua del primo bagnetto in passato veniva gettata? Scopri il perchè e molte altre curiosità sul parto e sulla nascita.

a cura di: Dott.ssa Maria Antonietta Filipponio

  • I maestri ceramisti toscani del 1400 e del 1500 secolo crearono degli appositi piatti per pietanze destinate alle donne che, appena partorito, dovevano essere subito rifocillate: erano chiamate scodelle da puerpera.
  • Il cordone ombelicale e la placenta del bambino venivano sotterrati alla base di un albero o di un cespuglio in modo che il neonato fosse più forte.
  • Subito dopo la nascita del bambino la levatrice gli modellava la testa, raddrizzava il naso, massaggiava i capezzoli delle bambine perché diventassero buone nutrici.
  • Alcune credenze popolari vietavano di pesare i neonati perché conoscere il peso avrebbe frenato il loro sviluppo; allo stesso tempo si scoraggiava anche l'uso dello specchio per non renderli muti.
  • Nelle famiglie ricche e aristocratiche esisteva una figura femminile con la sola mansione di dondolare la culla dei bambini per conciliare loro il sonno: era chiamata "cullatrice".
  • L'acqua del primo bagnetto del neonato, se femmina, veniva buttata nel focolare per augurare che rimanesse in casa da grande, se maschio, veniva gettata fuori, per ricordare che avrebbe dovuto superare i pericoli del mondo.
  • Esistevano delle culle mobili, come delle gerle, che le donne portavano sulle spalle durante i lavori nei campi.
  • Sembra che, in alcune regioni italiane, la levatrice portasse l'unghia del mignolo lunga ed affilata per poter tagliare la placenta e permettere al neonato di nascere; ugualmente tagliava il filamento sotto la lingua perché il bambino non restasse muto. Altre usanze consigliavano di pulire la bocca ed ungerla di miele, perché il neonato potesse parlare correttamente.

1/10/2009

6/10/2010

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Curiosità sul parto e sulla nascita"

Certificato di nascita e altri documenti dopo il parto
Appena nato e già alle prese con la burocrazia: certificato di nascita e altri documenti dopo il parto.
Le fasi del parto
Il parto vero e proprio viene convenzionalmente suddiviso in tre fasi: il periodo espulsivo, la nascita, il secondamento.
Il corredino del neonato: in ospedale
Come e quando preparare la valigia con l'indispensabile da portare in ospedale per la mamma e il corredino per il neonato.
Aspirazione di meconio
La aspirazione di meconio è un segno di sofferenza fetale.
Infezione da Chlamydia nel neonato
Il neonato può infettarsi al momento della nascita durante il passaggio nel canale da parto.
Il parto nel passato
Come veniva affrontato il parto nel passato. Un viaggio nel tempo per "assistere" ad un evento da sempre importante.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Alimentazione dopo l'anno di vita
Dopo il primo anno, l'alimentazione sarà quasi uguale a quella di un adulto. E' importante che segua una dieta completa e varia.
Dolori alle articolazioni e alla schiena in gravidanza
Durante tutta la gravidanza può capitare di avvertire dei dolori articolazioni e alla schiena.
Macchie mongoliche
Le macchie mongoliche sono lesioni maculari congenite determinate dalla presenza in eccesso nel derma.
Aerofagia
Per evitare l'aerofagia nel lattante è bene utilizzare prodotti a base essenzialmente di finocchio, anice verde, melissa e camomilla.
Gli è stato diagnosticato un reflusso vescico-ureterale
La correzione del reflusso vescico-ureterale può essere chirurgica. La tecnica più frequentemente adottata è quella di Cohen.

Quiz della settimana