ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il tempo dell'infanzia

bambini nell'arte e nella cultura

Curiosità sull'infanzia abbandonata

Alcune curiosità sull'infanzia abbandonata. Tra queste, lo sapevi che il primo ricovero per trovatelli venne creato a Milano nel 787?

a cura di: Dott.ssa Maria Antonietta Filipponio

Lo sapevi che:

  • che i bambini abbandonati ed accolti dagli ospedali venivano chiamati "gettatelli"
  • che il primo ricovero per trovatelli venne creato a Milano nel 787 dall'arciprete della Cattedrale milanese, Dateo
  • che il primo ospedale interamente dedicato ai trovatelli fu l'Ospedale degli Innocenti di Firenze, considerata la prima istituzione di questo genere in Europa: la prima gettatella fu accolta il 5 febbraio 1445 (festività di Sant'Agata) e chiamata, appunto, Agata e Smeralda
  • che la malattia del mughetto veniva chiamata comunemente la "malattia degli esposti"
  • che in alcune strutture ospedaliere, accanto alle stanze delle partorienti, esistevano delle altre stanze per la madri nubili, chiamate nel Veneto "velate", in Toscana "gravide occulte" e a Roma "celate", dove potevano partorire e abbandonare il figlio senza svelare la propria identità
  • che nelle fasce del bambino appena abbandonato si trovava spesso sparso del sale per informare che il neonato era stato già battezzato, mentre l'olio veniva usato per ungere il corpo del bambino più grandicello per farlo passare dalle grate strette della ruota
  • che per evitare pianti e lamenti del neonato e per paura di farsi scoprire davanti alla ruota i genitori somministravano dosi di oppio alla povera creatura.

5/10/2009

12/10/2010

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Curiosità sull'infanzia abbandonata"

Una leggenda: il bambino abbandonato
La leggenda di un povero calzolaio di Trieste e di un bambino abbandonato.
La storia dell'infanzia abbandonata
La storia dell'infanzia abbandonata ci racconta di neonati abbandonati per vergogna o povertà, con la speranza in un futuro migliore per il bambino.
Salvabebè contro l'abbandono
Salvabebè è un numero verde, organizzato dalla Associazione "I diritti civili del 2000": lo scopo è quello di evitare il dramma dell'abbandono dei neonati.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Allattamento al seno e risvegli notturni: vuole ancora il latte della mamma di notte
A otto mesi si sveglia e prende ancora il latte dalla mamma. Come comportarsi per risolvere il problema.
Anemia
Le cause possono essere congenite, trasmesse cioè con meccanismo ereditario, o acquisite durante il corso della vita.
Non vuole stare nel passeggino
Il tuo bambino non vuole stare nel passeggino? Alcuni consigli pratici su come fare a risolvere la situazione.
Accertamenti a tappeto e screening
In Pediatria è corretto eseguire accertamenti (del sangue, strumentali o visite) solo quando esiste un sospetto diagnostico.
Emorroidi in gravidanza
Le emorroidi sono un disturbo frequente durante la gravidanza. Le cause e i rimedi suggeriti dal ginecologo.

Quiz della settimana

Quando si è punti da una zecca, quale dei seguenti comportamenti occorre seguire?
Rimuovere la zecca con alcool o acetone
Lasciare la zecca in sede per alcune ore facendola intontire con ammoniaca
Rimuovere la zecca prontamente con una pinzetta
Schiacciare subito la zecca nella sede della morsicatura