ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il tempo dell'infanzia

bambini nell'arte e nella cultura

Curiosità sull'infanzia abbandonata

Alcune curiosità sull'infanzia abbandonata. Tra queste, lo sapevi che il primo ricovero per trovatelli venne creato a Milano nel 787?

a cura di: Dott.ssa Maria Antonietta Filipponio

Lo sapevi che:

  • che i bambini abbandonati ed accolti dagli ospedali venivano chiamati "gettatelli"
  • che il primo ricovero per trovatelli venne creato a Milano nel 787 dall'arciprete della Cattedrale milanese, Dateo
  • che il primo ospedale interamente dedicato ai trovatelli fu l'Ospedale degli Innocenti di Firenze, considerata la prima istituzione di questo genere in Europa: la prima gettatella fu accolta il 5 febbraio 1445 (festività di Sant'Agata) e chiamata, appunto, Agata e Smeralda
  • che la malattia del mughetto veniva chiamata comunemente la "malattia degli esposti"
  • che in alcune strutture ospedaliere, accanto alle stanze delle partorienti, esistevano delle altre stanze per la madri nubili, chiamate nel Veneto "velate", in Toscana "gravide occulte" e a Roma "celate", dove potevano partorire e abbandonare il figlio senza svelare la propria identità
  • che nelle fasce del bambino appena abbandonato si trovava spesso sparso del sale per informare che il neonato era stato già battezzato, mentre l'olio veniva usato per ungere il corpo del bambino più grandicello per farlo passare dalle grate strette della ruota
  • che per evitare pianti e lamenti del neonato e per paura di farsi scoprire davanti alla ruota i genitori somministravano dosi di oppio alla povera creatura.

5/10/2009

12/10/2010

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Curiosità sull'infanzia abbandonata"

Salvabebè contro l'abbandono
Salvabebè è un numero verde, organizzato dalla Associazione "I diritti civili del 2000": lo scopo è quello di evitare il dramma dell'abbandono dei neonati.
La storia dell'infanzia abbandonata
La storia dell'infanzia abbandonata ci racconta di neonati abbandonati per vergogna o povertà, con la speranza in un futuro migliore per il bambino.
Una leggenda: il bambino abbandonato
La leggenda di un povero calzolaio di Trieste e di un bambino abbandonato.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Intolleranze alimentari
Le intolleranze alimentari non rispondono ai tradizionali Test Allergici cutanei. Non provocano quasi mai delle reazioni violente ed immediate nell'organismo.
Mio figlio ripete le parolacce
Mio figlio di quasi quattro anni ripete le parolacce ogni volta che le sente. Mi hanno consigliato di fingere indifferenza.
Morso di cane
In caso di bambino morso da un cane, bisogna sapere la sede della morsicatura, la profondità del morso e la taglia del cane.
Beve molto: non avrà il diabete?
Bere molto (si dice polidipsia) rappresenta effettivamente uno dei segni del diabete, ma normalmente non è però l'unico segno.
Infezione da Chlamydia nel neonato
Il neonato può infettarsi al momento della nascita durante il passaggio nel canale da parto.

Quiz della settimana

Nell'asilo di vostro figlio sono stati segnalati numerosi bambini con i pidocchi, tanto che sono stati esposti avvisi a riguardo. Qual e' il miglior modo per evitare che anche il vostro bambino, che al momento sta benissimo, venga contagiato?
Lo portate dal barbiere per tagliarli i capelli molto corti
Lo trattate subito con un prodotto contro i pidocchi
Non lo mandate all'asilo per una settimana
Controllate accuratamente il cuoio capelluto del bambino almeno una volta alla settimana