ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Allattamento al seno prolungato

Molti degli effetti positivi a distanza dell'allattamento materno sono dipendenti dalla sua durata, in particolare se superiore all'anno di età!

a cura di: Dott. Massimo Generoso (pediatra)

Sono la mamma di una bambina di due anni e mezzo che allatto ancora a richiesta. Mi viene detto di tutto, dal latte non nutriente al latte che diventa acido visto che sono fuori tutto il giorno e che comincia a fare caldo, dal non renderla indipendente a viziarla, dal non insegnarle a consolarsi da sola (comunque durante il giorno o quando non ci sono io ci riesce benissimo da sola....). Che cosa può essere vero? E' così "dannoso" accoglierla ancora al seno quando cerca un po' di consolazione, visto che ci vediamo solo qualche ora alla sera e non mi vede dalla sera precedente? L'unica cosa che noto è che succhia più aria perché non sta ferma.

Molti sono i miti relativi all’allattamento al seno. Cerchiamo di puntualizzare le certezze.

L`OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) suggerisce di allattare fino a  due anni e  oltre, finché mamma e bambino lo desiderano. Il latte materno oltre il primo anno di vita ha ancora una forte valenza nutritiva. Infatti la composizione cambia per adeguarsi alle necessità del bambino in crescita: i grassi aumentano e il latte materno può fornire il 30% delle calorie giornaliere.

Molti degli effetti positivi a distanza dell’allattamento materno sono dipendenti, dalla sua durata, in particolare se superiore all’anno di età! Nella tabella vede riassunti questi vantaggi.

Vantaggi per il bambino

  • Ridotta incidenza, durata e gravità della diarrea
  • Ridotta incidenza dell’otite
  • Ridotta incidenza delle infezioni respiratorie acute
  • Ridotto tasso di ospedalizzazione per queste condizioni
  • Protezione contro sepsi, meningite ed altre infezioni gravi del periodo neonatale, comprese infezioni delle vie urinarie
  • Rischio ridotto di diabete tipo I ed alcune malattie intestinali (appendicite, malattia di Crohn)
  • Rischio ridotto di allergia al latte vaccino nei primi due anni di vita
  • Rischio ridotto di obesità
  • Migliore acuità visiva
  • Diminuita incidenza di malocclusione ed altre anomalie dentarie

Vantaggi per la mamma

  • Rischio ridotto di carcinoma del seno prima della menopausa
  • Rischio ridotto di carcinoma dell’ovaio
  • Possibile miglioramento della calcificazione ossea con ridotto rischio di osteoporosi
  • Ritorno più precoce al peso abituale

Inoltre, il legame affettivo mamma/figlio ha tutta una serie di vantaggi:

  • uno stretto contatto fisico ed emotivo fra madre e bambino
  • una situazione ottimale perché la mamma si sente appagata emozionalmente
  • minori episodi di pianto del bambino
  • minori probabilità di maltrattamento o abbandono dei bambini allattati al seno

In conclusione non abbia paura di viziare o rendere dipendente la sua bambina, ma continui pure ad allattare, in base al vostro desiderio reciproco.

19/10/2012

3/2/2017

I commenti dei lettori

Era proprio ciò di cui ero convinta. Peccato che ci sia in giro un numero spropositato di pediatri che dicono di fare l'esatto contrario: CERCARE DI SMETTERE DI ALLATTARE dopo l'anno, come se fosse dannoso alla salute alla stregua di un vizio (fumo, alcool....)..

Elena (PR) 15/05/2013

Anche io ho un bimbo di 16 mesi ed allatto ancora e per fortuna perchè mettendo i dentini è diventato inappetente ed è dimagrito, vive prevalentemente di latte materno.

La cosa più brutta è che mi devo nascondere per non subire le continue critiche di amiche, colleghe e parenti che mi guardano come fossi un marziano. Mia suocera mi dice che sono "antica", però almeno condivide la scelta: ai suoi tempi era normale!

Carol (RM) 29/05/2013

Io ho allattato la prima bambina sino a 3 anni e 4 mesi! adesso è una splendida e sicura bambina di 7 anni. A 2 anni aveva contratto un brutto virus intestinale aveva la diarrea e non mangiava, a dire del pediatra non si è disidratata e non siamo finiti all'ospedale grazie al latte materno suo unico alimento per 20 giorni, la durata della malattia...Dato il successo di come è cresciuta, anche la seconda di 2 anni e mezzo è ancora allattata al seno. Ho avuto la fortuna di avere un pediatra che non ha mai interferito sull'allattamento ma solo sulle malattie! Il mio è stato un allattamento seguito da un istinto naturale e a tutti quelli che si permettevano di dare giudizi negativi ho sempre detto che come io non giudico nessuno sul modo di crescere i propri figli nessuno deve giudicare me.

Elisa (SV) 24/06/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Allattamento al seno prolungato"

Contraccezione durante l'allattamento
La contraccezione durante l'allattamento è necessaria se si desidera evitare una nuova gravidanza a pochi mesi dal parto.
Prepararsi ad allattare
La produzione del latte materno è un meccanismo complesso. E' un alimento indispensabile per le esigenze del bambino.
La montata lattea
Normalmente la montata lattea arriva circa 5 o 6 giorni dopo il parto. I consigli del Pediatra.
Allattamento al seno e svezzamento
Iniziare lo svezzamento a sei mesi o continuare con il solo allattamento al seno? I consigli del Pediatra nutrizionista.
Allattamento al seno: come interrompere?
Non offrendo più il seno al bimbo, viene gradualmente a mancare lo stimolo prodotto dalla suzione. Di conseguenza la produzione lattea va scemando gradualmente.
Allattamento al seno e lavoro
Il bambino si abituerà facilmente al cambiamento di orario dell'allattamento dovuto al rientro al lavoro. non bisogna sentirsi in colpa.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Insonnia in gravidanza
Dal quinto mese di gravidanza in poi un po' di insonnia è normale. Che fare? I consigli dell'esperto.
Lo sviluppo motorio nel primo anno di vita
Esiste una grande variabilità nei tempi oltre che nelle modalità dello sviluppo motorio nel primo anno di vita.
Un elettrocardiogramma per tutti i neonati
Una proposta per prevenire le morti in culla.
Attaccamento alla mamma e rifiuto dell'estraneo
Ha un forte attaccamento alla mamma. La mamma deve mediare le risposte emotive del suo bambino e ampliarne le esperienze verso l'esterno.
Ha la fontanella pulsante
Ha la fontanella pulsante perché i capelli in corrispondenza della fontanella si alzano e si abbassano ritmicamente.

Quiz della settimana

Che cosa è l'ambliopia?
Una particolare forma di zoppia
Il mancato o diminuito sviluppo della capacità visiva da uno o entrambi gli occhi
Una rara forma di strabismo che interessa alternativamente i due occhi
La difficoltà a vedere gli oggetti da lontano