ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

L'esperto risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Allattamento al seno e lavoro

L'orario delle poppate nell'allattamento al seno va modificato se la mamma riprende il lavoro, ma il bambino si abituerà facilmente a questa nuova situazione.

a cura di: Dott. Rodolfo Varani (pediatra)

Il mio bimbo ha sette mesi; lo ho allattato a richiesta e continuo ad allattarlo, anche se mangia le pappe. Il problema è il rientro a lavoro: il bimbo mi chiede di essere allattato diverse volte al giorno, senza orario fisso e io sono lì a disposizione. Cosa succederà tra un mese quando non sarò accanto a lui per tante ore al giorno? Ho sbagliato qualcosa nel mio comportamento?

Non ha sbagliato niente ed ha fatto bene a dare a richiesta tutto il suo latte al suo bambino. Deve essere serena e non farsi sensi di colpa se, per il rientro al lavoro, il suo bambino potrà perdere qualche suo pasto. Il suo bambino si adatterà tranquillamente (come già fa con le pappe) e supererà sicuramente questa sua nuova situazione. D'altra parte il latte materno nei prossimi mesi andrà perdendo via via il suo valore nutritivo ed il bambino dovrà avviarsi ad una alimentazione normale in ogni modo.

14/6/2002

29/1/2017

I commenti dei lettori

Sono nella stessa situazione della signora che ha scritto sopra....la cosa che inoltre mi preoccupa è trovare un tipo di latte che piaccia alla mia bambina, ho paura di non trovarlo. Ma poi quanti saranno i pasti che richiedono il latte dagli otto mesi in poi? grazie per l'attenzione.

Silvia (MC) 23/08/2011

la mia bimba ha sei mesi e soprattutto di notte cerca il seno e io sono preoccupata perchè il latte se ne sta andando e lei non vuole il biberon.

Pamela (BO) 04/01/2013

il rientro al lavoro non deve necessariamente significare di perdere il latte e quindi interrompere l'allattamento. Un'opzione sarebbe quella di tirare il latte al lavoro (conservarlo in frigo e trasportarlo in borse apposite) e quindi darlo al bambino. La maggior parte delle aziende offrono orari flessibili per le donne che allattano, informatevi. Mamma e bimbo ne trarranno beneficio.

Roberta (RM) 03/03/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Allattamento al seno e lavoro"

Allattamento al seno: non vuole attaccarsi
Il neonato non si attacca al seno. Qualche suggerimento per non rischiare di perdere il latte della mamma.
E' allergica al latte vaccino
Può esserci una relazione tra l'assunzione di latticini tramite latte materno e il continuo rifiuto delle pappe? I consigli dell'allergologo.
Prepararsi ad allattare
La produzione del latte materno è un meccanismo complesso. E' un alimento indispensabile per le esigenze del bambino.
La montata lattea
Normalmente la montata lattea arriva circa 5 o 6 giorni dopo il parto. I consigli del Pediatra.
Una dieta per la mamma allergica che allatta?
Se la mamma allatta ed è allergica non è necessario praticare alcuna dieta a scopo preventivo.
Integrazione del latte materno
Dopo il 6° mese è opportuno provare ad integrare il latte materno introducendo alimenti diversi dal latte.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

A sette mesi non gattona, ma vuole camminare con il mio aiuto
Non c'è fretta di far camminare un bambino: un bambino sano lo farà entro i termini di tempo fisiologici ma che possono essere diversi da soggetto a soggetto.
I fattori predisponenti l'otite media acuta
L'otite media acuta è causata da batteri o da virus che dalla gola e/o dal naso penetrano nell'orecchio medio risalendo attraverso le tube di Eustachio.
La maestra chiama "spioni" i bambini che non si fanno gli affari propri
A scuola, mia figlia ha difficoltà a capire quando si deve dire la verità e quando invece deve farsi i fatti propri per non essere chiamata "spione".
Differenza tra tosse secca e catarrale
Molti sono gli aggettivi con cui si può definire la tosse di un bambino: secca, stizzosa e grassa.
Salvamamme: il numero verde per la gravidanza estrema e il parto anonimo
Il numero verde per la gravidanza estrema e segreta e il parto anonimo 800 283210.

Quiz della settimana

Quale tra le seguenti è una controindicazione all'allattamento materno?
La miopia
La prematurità
L'infezione da virus HIV (quello che provoca l'AIDS)
L'ittero da latte materno