ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Che cosa sono gli episodi di ALTE?

Gli episodi di ALTE sono considerati come il più importante fattore di rischio postnatale per la SIDS insieme alla posizione prona nel sonno.

a cura di: Dott. Giancarlo Gallone (pediatra)

 A.L.T.E. (Apparent Life-Threatening Event) Che cosa sono veramente gli episodi di ALTE? Sono episodi tutti rianimabili? La mia bimba di 13 mesi ha avuto nei suoi primi sei mesi di vita numerosi episodi di ALTE, caratterizzati da cianosi diffusa, ipotonia e arresto respiratorio e bradicardia grave; ma in tutti i casi la bimba si è sempre ripresa rapidamente. È seguita da un centro SIDS (N.d.R.: è l'acronimo di Sudden Infant Death Sindrome, in italiano sindrome della morte improvvisa del lattante) con monitoraggio domiciliare per apnee associate a reflusso gastro-esofageo grave. Questi episodi possono verificarsi oltre i 12 mesi di vita? Qual'è la casistica dell'eziologia dell'ALTE?

Il termine A.L.T.E. (acronimo di Apparent Life-Threatening Event) descrive una sintomatologia clinica acuta, presentata da un lattante, caratterizzata da "una qualche combinazione di apnea (centrale o, occasionalmente, ostruttiva), cambiamento del colorito (di solito, cianotico o pallido ma, a volte, eritematoso), marcata alterazione del tono muscolare (di solito una notevole flaccidità), soffocamento od ostruzione. In alcuni casi, l'osservatore teme che il bambino sia morto".

Tale definizione ha sostituito nel 1986 il termine "Near Miss SIDS" in quanto implicava una stretta relazione tra questo evento e la morte improvvisa dell'infanzia (Sudden Infant Death Syndrome) anche se sappiamo che questi episodi rappresentano un rischio reale di morte improvvisa, in particolar modo se questi eventi sono superati con un intervento rianimatorio.

Oggi gli episodi di ALTE sono considerati come il più importante fattore di rischio postnatale per la SIDS insieme alla posizione prona nel sonno. Gli episodi di ALTE rappresentano una sintomatologia acuta con carattere d'urgenza ma nella maggior parte dei casi il bambino ha già superato lo stato critico e appare in buone condizioni quando si presenta per essere visitato al Dipartimento d' Emergenza, al Pronto Soccorso o dal proprio medico curante.

L'anamnesi, l'esame obiettivo mirato e gli opportuni e specifici accertamenti rappresentano il cardine all'approccio di questa sintomatologia che rappresenta una patologia superspecialistica: una diagnosi specifica è possibile in più dell'80% dei casi ed è pertanto possibile instaurare un'adeguata terapia. Nel restante 20% in cui non è possibile formulare una diagnosi (ALTE idiopatico), è necessario mantenere il bambino in monitoraggio cardiorespiratorio con registrazione degli eventuali eventi.

Le diagnosi formulabili negli episodi d'ALTE sono riferibili a malattia da reflusso gastro-esofageo (50-60 % dei casi), iperattività vagale (30%), disturbi del ritmo cardiaco, difetti metabolici e /o genetici, avvelenamento da ossido di carbonio o intolleranze acute a farmaci.

La probabilità che tali episodi possano ripetersi nei primi mesi o negli anni successivi, è collegata alla diagnosi formulata e pertanto anche la possibilità di auto-rianimazione o di "rianimazione" da tali episodi è in relazione alla conoscenza o meno della sua eziologia. Nel caso presentato penso che si possa tranquillizzare i genitori: con la guarigione della malattia da reflusso e con il passare dei primi mesi di vita del bambino tali episodi diventeranno solo un ricordo.

20/3/2002

8/8/2016

I commenti dei lettori

IO HO UN FIGLIO DI 1 MESE E MEZZO, DA CIRCA 2 SETTIMANE SI VERIFICANO MOLTI EPISODI DI ALTE.VOLEVO SAPERE SE PUO' DIPENDERE DAL TIPO DI LATTE CHE GLI DIAMO. NON ESISTE UN LATTE ANTI-RIGURGITO? OGNI VOLTA CHE SI VERIFICANO QUESTI EPISODI, NON SAPPIAMO COME RIANIMARLO, RIESCE SEMPRE DA SOLO DOPO QUALCE SECONDO. GRAZIE!

antonio (TA) 23/07/2012

Buona sera signor Antonio, sono la mamma di un bimbo di sette mesi che ha avuto due episodi di alte. Noi siamo seguiti dal centro specializzato di Varese (ospedale del ponte). le consiglio di farsi spiegare almeno dal suo pediatra cosa fare in caso di necessita'. Grazie a cio' che mi hanno insegnato all'ospedale ho salvato la vita al mio bimbo,sono poche mosse ma indispensabili. In bocca al lupo! Alessandra

Alessandra (LC) 12/09/2012

Ho una bambina che ora ha 8 anni che è nata prematura di 28 settimane, soffriva di questa sindrome che si portò per più di sei mesi, strano di solito poi sparisce ma lei ne soffri fino ad un anno e mezzo...il medico mi consigliò di avere nervi saldi e dare qualche colpettino al sederino per farla rivenire, ero angosciata non dormivo più con il pensiero di perderla...ma la cosa che mi ha aiutato di più è stato il Baby monitor angelcare cosi riuscivo a tenerla sotto controllo... perche aveva un pianto cosi debole che non si sentiva di notte e il monitor mi avvisava se aveva problemi di respiro..per fortuna avviamo superato alla grande.

Yulia (T ) 23/02/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Che cosa sono gli episodi di ALTE?"

Come affrontare la morte del padre con un bambino
Alla mia bambina è morto il padre quando aveva 14 mesi. Come affrontare con lei l'argomento rispettando la sua psicologia.
Elettrocardiogramma per tutti i neonati
Una proposta per prevenire le morti in culla.
Ha paura della morte
Non vuole più dormire da sola perché ha cominciato a dire che ha paura di morire. Come comportarci? I consigli della psicologa.
È rischioso dormire a pancia in su?
Le raccomandazioni di dormire a pancia in su valgono per il bambino fino ai 6 mesi di età.
Ha rischiato di soffocare
Non respirava più dopo un piccolo rigurgito; molte possono essere le cause scatenanti.
Come preparare i bambini alla morte del nonno
Hanno ricoverato il nonno per una grave malattia. I consigli della psicologa su come preparare i bambini alla probabile perdita di un nonno.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Giocare a calcio a sei anni
Ci hanno sconsigliato di far giocare a calcio nostro figlio di 6 anni a causa della facilità con cui possono formarsi dei microtraumi alle ossa.
Nonni o baby-sitter?
Quando riprenderò il lavoro, sarà meglio affidare il mio bambino ai nonni o alla baby-sitter? Il consiglio della psicologa.
Omogeneizzati o liofilizzati?
Omogeneizzati e liofilizzati hanno le stesse caratteristiche nutrizionali. Nelle prime fasi dello svezzamento vengono spesso preferiti i liofilizzati.
Campagna nazionale di educazione nutrizionale
Mangiar bene conviene per investire in salute.
Certificato di nascita e altri documenti dopo il parto
Appena nato e già alle prese con la burocrazia: certificato di nascita e altri documenti dopo il parto.

Quiz della settimana

I lattanti che assumono latte materno hanno un minor rischio di contrarre:
Otiti
Gastroenteriti
Polmoniti
Tutte le risposte sono esatte