ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Anestesia dal dentista e allattamento

I consigli dell'Odontoiatra per poter effettuare un'anestesia per curare un dente mentre si sta allattando al seno.

a cura di: Dott. Gabriele Floria (odontoiatra, protesista dentale e specialista in ortognatodonzia)

Soffro di mal di denti da ormai oltre dieci giorni: in effetti si tratta di una radice cariata che ora si deve solo tirare via. Cosa posso fare? Allatto la mia bimba di sei mesi e non vorrei smettere, ma il dolore è troppo forte e non reggo più: la notte non dormo e il giorno devo lavorare. Cosa posso prendere per alleviare il dolore? Posso andare dal dentista senza dover smettere di allattare.

Certamente l'estrazione deve essere fatta con l'avvertenza di prelevare del latte in anticipo con un tiralatte, conservarlo in frigo, eseguire l'intervento e fornire al piccolo il latte precedentemente conservato fino a quando l'anestetico non sia stato eliminato dal suo corpo. Comunque ne parli al suo dentista in modo tale da concordare tempi e modalità.

28/11/2002

9/4/2018

I commenti dei lettori

Il mio dentista mi ha detto che l'anestesia dentistica è approvata dall'Accademia americana di pediatria per l'uso in allattamento e che dura pochissimo, giusto il tempo dell'intervento. Quando si torna a casa per allattare non c'è già più e comunque non darebbe problemi perché è un'anestesia locale. D'altra parte, riflettendo, se si può allattare dopo un cesareo, non vedo perché non si possa dopo un'anestesia locale :-))

Costanza (FI) 18/05/2011

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Anestesia dal dentista e allattamento"

Allattamento al seno e svezzamento
Iniziare lo svezzamento a sei mesi o continuare con il solo allattamento al seno? I consigli del Pediatra nutrizionista.
Allattamento al seno e risvegli notturni
A otto mesi si sveglia e prende ancora il latte dalla mamma. Come comportarsi per risolvere il problema.
L'allattamento al seno è molto importante per il neonato
L'allattamento al seno è molto importante per il neonato ma porta benefici anche alla mamma.
Allattamento al seno: non vuole attaccarsi
Il neonato non si attacca al seno. Qualche suggerimento per non rischiare di perdere il latte della mamma.
Allattamento al seno dopo i sei mesi
Come cambia la composizione del latte materno nei primi 12 mesi? Un aiuto alla mamma che allatta.
Prepararsi ad allattare
La produzione del latte materno è un meccanismo complesso. E' un alimento indispensabile per le esigenze del bambino.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Alimentazione dopo l'anno di vita
Dopo il primo anno, l'alimentazione sarà quasi uguale a quella di un adulto. E' importante che segua una dieta completa e varia.
Dolori alle articolazioni e alla schiena in gravidanza
Durante tutta la gravidanza può capitare di avvertire dei dolori articolazioni e alla schiena.
Macchie mongoliche
Le macchie mongoliche sono lesioni maculari congenite determinate dalla presenza in eccesso nel derma.
Aerofagia
Per evitare l'aerofagia nel lattante è bene utilizzare prodotti a base essenzialmente di finocchio, anice verde, melissa e camomilla.
Gli è stato diagnosticato un reflusso vescico-ureterale
La correzione del reflusso vescico-ureterale può essere chirurgica. La tecnica più frequentemente adottata è quella di Cohen.

Quiz della settimana

Che cosa è il miocardio?
Un osso
Una arteria
Un muscolo
Un nervo