ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

L'angioma

L'angioma è una macchia della pelle, dovute ad una dilatazione dei capillari sanguigni, chiamati anche con il termine popolare di "voglie". La terapia da seguire.

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

La nostra bambina di tredici mesi presenta dalla nascita un angioma situato nella zona della nuca (caratteristica ereditaria da parte paterna) che le procura un fastidioso prurito. Dal momento che la bambina ha da almeno sei/sette mesi (dalla fine dell'allattamento) un sonno abbastanza travagliato con frequenti risvegli (anche tre/quattro a notte), può l'angioma e il prurito sofferto essere messo in relazione con tutto questo? Ci è stato detto che col tempo l'angioma sparirà e con esso i fastidi ad esso collegati; esiste un rimedio per far sì che questo avvenga in breve tempo? C'è una pomata veramente efficace per alleviare il prurito (possibilmente non cortisonica)?

Gli angiomi o emangiomi sono delle macchie della pelle, dovute ad una dilatazione dei capillari sanguigni, chiamati anche con il termine popolare di "voglie" di vino, di fragola o di lampone, a seconda delle sfumature di colore che possono assumere. In realtà gli angiomi non hanno nulla a che vedere con i desideri alimentari più o meno soddisfatti nel corso della gravidanza: sono invece malformazioni congenite vascolari, che sono presenti fin dalla nascita o che compaiono nel primo mese di vita.

Se ne distinguono due tipi: gli angiomi tuberosi e gli angiomi piani. Gli angiomi tuberosi sono rilevati sulla cute, spesso con un aspetto a fragola e preoccupano notevolmente i genitori perché molto grandi. Pur essendo molto appariscenti e nonostante presentino spesso un rapido aumento di dimensioni, hanno tendenza alla regressione spontanea e già all'età di sei - dodici mesi manifestano segni precoci di involuzione, come l'assunzione di una tonalità grigiastra. L'involuzione comunque è indipendente dalla sede, dalle dimensioni, dal numero e dalla profondità dell'angioma.

La maggior parte si risolve senza terapia in un arco di tempo che va dai 3-4 ai 10 anni di vita. Gli angiomi piani sono invece macchie cutanee non rilevate, che tendono a persistere, senza modificazioni e senza alcuna tendenza involutiva, durante l'infanzia per divenire più scuri nell'adolescenza e nell'età adulta. Sono lesioni di colorito dal rosa pallido al rosso bluastro, che prediligono in genere il volto, e che solitamente non presentano alcun incremento delle dimensioni durante l'accrescimento del bambino.

In genere sono malformazioni isolate, ma raramente possono essere associati a sindromi vascolari. Una malformazione simile ma notevolmente più frequente dei veri angiomi piani (tanto che secondo alcune statistiche colpirebbe dal 60 al 70% di tutti i neonati), si localizza nelle regioni mediane della testa, in particolare sulla nuca e tra le arcate sopracciliari. Si tratta del nevo flammeo, una chiazza di colorito pallido, rosa salmone, che tende ad acquistare un colore più acceso durante il pianto, quando viene trattenuto il respiro e durante l'esercizio fisico.

E' presente anch'esso fin dalla nascita, ma tende a scomparire spontaneamente con l'età, in genere nel corso del primo anno di vita, soprattutto nelle localizzazioni anteriori (radice del naso e palpebre), mentre in regione nucale è possibile osservare la macchia rosa - salmone anche in età adulta.

Per quanto riguarda la terapia, se da una parte la naturale tendenza degli angiomi tuberosi alla risoluzione spontanea consiglia l'adozione di una condotta di attesa, dall'altra parte, nel caso degli angiomi piani, si ottengono buoni risultati con l'uso della laser terapia ed in particolare con il "pulsed yellow-dye" laser, che a differenza di altri laser, ha un bassissimo rischio di esiti cicatriziali, è relativamente indolore ed è efficace già nei lattanti e nei bambini. Di nessuna utilità sono, invece, le pomate applicate localmente.

1/4/1997

8/6/2016

I commenti dei lettori

Tosse SIRT. Ho una bambina di 4 anni e, dallo scorso anno, sono iniziati gli attacchi di tosse SIRT. Ho contattato uno specialista che mi ha detto che si tratta di un problema congenito che colpisce un bambino ogni 5.000 e che non esiste un farmaco risolutivo ma si possono fare "tentativi". Vorrei sapere se qualcuno ha trovato rimedi efficaci

cristiana (PV) 22/12/2011

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "L'angioma"

Angioma piano
L'angioma piano è la cosiddetta voglia di vino o di fragola. Se è molto vistoso l'unica terapia è quella chirurgico-plastica, altrimenti basta la laserterapia.
Angioma al labbro
Problemi estetici e funzionali. Normalmente, rappresenta un problema solamente estetico e l'orientamento attuale è quello di attendere la regressione spontanea.
Epitelioma calcifico di Malherbe
L'Epitelioma calcifico di Malherbe è una rara lesione della pelle. Va rimossa chirurgicamente.
Sindrome di Kasabach-Merrit
La sindrome di Kasabach-Merrit è una patologia molto rara in cui si verifica una riduzione del numero delle piastrine nel sangue.
Angioma a stella
L'angioma stellare è una lesione cutanea di colore rosso vivo costituita da un'arteriola centrale con ramificazioni periferiche raggiate.
Macchia di colore rosso sulla guancia
Le macchia di colore rosso sulla guancia, nella maggior parte dei casi, rappresenta un disturbo di ordine esclusivamente estetico.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Fatica a piegare il ginocchio: menisco discoide
Il menisco discoide è un'affezione congenita che consiste in una alterata forma e dimensione a carico di un menisco.
Perdite vaginali in età pediatrica
Le perdite vaginali in età pediatrica sono attribuibili a flogosi, di varia entità, a carico della vulva e della vagina.
Vomito ciclico
Il vomito ciclico consiste in episodi ricorrenti di vomito violento in assenza di causa organica apparente, spesso con una storia familiare di emicrania.
Da che fattori dipende la statura di un bambino?
La statura definitiva di un adulto dipende sia da fattori genetici che ambientali.
Integrazione del latte materno dopo il 6° mese
Dopo il 6° mese è opportuno provare ad integrare il latte materno introducendo alimenti diversi dal latte.

Quiz della settimana

Quale è la causa più frequente di diarrea in età pediatrica?
Un virus
La salmonella
Un parassita intestinale
Un'intossicazione alimentare