ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Quale terapia per l'angioma rilevato?

Dalla nascita ha due angiomi di cui il primo, è rilevato e di colore rossastro, sulla schiena. Esiste una terapia alternativa alla chirurgia?

a cura di: Dott. Mario Cutrone (dermatologo)

Mia figlia di 20 mesi ha, dalla nascita, due angiomi, di cui il primo, rilevato e di colore rossastro, sulla schiena ed il secondo sottocutaneo, bluastro e leggermente rilevato, sulla guancia sinistra, tra l'occhio ed il naso. Premesso che questi angiomi non progrediscono dall'età di un anno, nè tanto meno regrediscono, fino a che età è consigliabile aspettare prima di intraprendere una terapia chirurgica? Esistono terapie non cruente a base di farmaci? Che tipo di terapia chirurgica sarà, eventualmente, consigliabile?

Gli angiomi presentati dalla bambina sono entrambi degli angiomi "immaturi" (esistono anche altri nomi per classificarli, ma l'aggettivo "immaturo" mi pare particolarmente efficace e chiarificatore). Si tratta infatti di lesioni che possono essere presenti alla nascita o evidenziarsi nei primi giorni di vita, e che conservano (a differenza di quelli cosiddetti piani, che rimangono sostanzialmente invariati) una potenzialità di crescita fino ai 12 mesi circa (anche in questo caso è avvenuto così: il papà dice che non crescono dall'età di un anno). Superato questo periodo inizia una regressione spontanea (più o meno rapida), preannunciata dal comparire di zone (punteggiatura o strie) bianco grigiastre.

L'angioma del dorso presenta in questo caso una prevalente componente superficiale (rossa), quello del viso presenta una maggior componenente profonda (bluastra). Questo secondo tipo generalmente ha una velocità di regressione spontanea più lenta, ma comunque generalmente sempre soddisfacente dal punto di vista estetico.

Dal punto di vista terapeutico l'attesa della regressione spontanea è generalmente l'opzione migliore: gli interventi chirurgici producono ovviamente delle cicatrici (permanenti, a differenza degli angiomi), mentre la terapia farmacologica è efficace solo se iniziata precocissimamente, non è priva di effetti collaterali ed è riservata a casi molto particolari (in cui l'angioma presenta un problema fuzionale: ad esempio, regione perioculare). L'intervento farmacologico locale (ad esempio cortisone iniettato localmente), non è molto "gradito", anche se forse può essere utile allo scopo di ridurre la lesione prima dell' eventuale intervento.

Tornando al caso specifico: non fare nulla per l'angioma del dorso (non ha alcuna rilevanza funzionale nè estetico-sociale) ed attendere fiduciosi la regressione spontanea. Non fare nulla nemmeno per l'angioma del volto (tra l'altro definito dal papà come poco rilevato), o, se per caso si decide di intervenire per qualche motivo (è molto grande? infastidisce il bambino? limita la visione?), programmare l'intervento prima dell'inserimento in comunità (in modo da minimizzare il disagio psicologico derivante dalla lesione visibile e dai commenti e le domande dei compagni).

Per quanto riguarda il laser, trova la principale applicazione nel trattamento degli angiomi piani, per i quali è veramente molto efficace (anche se, putroppo, è ancora molto caro), e forse nella terapia degli angiomi ulcerati a lenta guarigione (ad esempio, nella regione del pannolino).

1/2/1998

30/9/2016

I commenti dei lettori

Il mio bambino dalla nascita ha un angioma rosato su gran parte del braccio sx,mi avevano detto che sarebbe andato via da sè col tempo.

c (LU) 29/08/2012

L'angioma "a macchia" è diverso da quello rilevato ("a fragola": emangioma capillare): il primo normalmente persiste, mentre il secondo scompare nei primi anni di vita.

giuseppe varrasi, pediatra 29/08/2012

La mia bimba a pochi gg dalla nascita ha manifestato un piccolo angioma di 5 mm di diametro sul braccio, mi è stato detto che regredirà, per cui aspetteremo senza intervenire in nessun modo !

mary (V ) 12/02/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Quale terapia per l'angioma rilevato?"

Angioma piano
L'angioma piano è la cosiddetta voglia di vino o di fragola. Se è molto vistoso l'unica terapia è quella chirurgico-plastica, altrimenti basta la laserterapia.
Linfangioma del labbro
Il linfangioma regredisce spontaneamente con difficoltà, è quindi opportuno valutare l'intervento chirurgico.
L'angioma
L'angioma è una macchia della pelle, dovute ad una dilatazione dei capillari sanguigni, chiamati anche con il termine popolare di "voglie".
Macchia di colore rosso sulla guancia
Le macchia di colore rosso sulla guancia, nella maggior parte dei casi, rappresenta un disturbo di ordine esclusivamente estetico.
Sindrome di Kasabach-Merrit
La sindrome di Kasabach-Merrit è una patologia molto rara in cui si verifica una riduzione del numero delle piastrine nel sangue.
Le voglie in gravidanza
Si chiamano voglie quegli improvvisi, irresistibili, urgenti desideri di qualche cibo particolare.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Campagna nazionale di educazione nutrizionale
Mangiar bene conviene per investire in salute.
Certificato di nascita e altri documenti dopo il parto
Appena nato e già alle prese con la burocrazia: certificato di nascita e altri documenti dopo il parto.
Latte per il neonato
Qual è la quantità corretta di latte per un neonato nei primissimi giorni di nascita? I consigli del Pediatra.
La medicazione del moncone ombelicale
Guida alla medicazione del cordone ombelicale: prima e dopo il distacco.
Non si stacca mai dal ciuccio e dalla sua coperta
Come posso rendere indipendente il mio bambino dal suo ciuccio e dalla sua coperta? I consigli della psicologa.

Quiz della settimana

I lattanti che assumono latte materno hanno un minor rischio di contrarre:
Otiti
Gastroenteriti
Polmoniti
Tutte le risposte sono esatte