ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Convulsioni febbrili

Le convulsioni febbrili sono crisi convulsive che si manifestano mentre il bambino ha la febbre. Normalmente, dopo la prima crisi non si fa nulla, salvo tranquillizzare la famiglia.

a cura di: Dott. Giuseppe Varrasi (pediatra)

La mia nipotina di 3 anni è soggetta a febbre alta (38.5-39°C) e a mal di gola quando comincia a far freddo, ma la cosa che mi preoccupa di più è che alla febbre a volte si accompagnano delle convulsioni. E' la quarta volta che le vengono. A che cosa sono dovute e quanto c'è da preoccuparsi?

Le convulsioni febbrili sono crisi convulsive che si manifestano mentre il bambino ha la febbre (da questa definizione vanno escluse malattie gravi, tipo la meningite o l'ipertensione endocranica, i cui sintomi iniziali possono confondersi). Non ha nessuna importanza quale malattia causi la febbre, anche se spesso si tratta di infezioni delle prime vie aeree o della sesta malattia, e non è necessario che la febbre sia molto alta. Si ritiene che vi sia una predisposizione genetica (precedenti familiari di convulsioni, più spesso nel sesso maschile), che rende il sistema nervoso del bambino più suscettibile: qualcosa come "una facilità ad andare in corto circuito".

La crisi normalmente è del tipo tonico-clonico generalizzato (scosse ritmiche di tutto il corpo e momenti di irrigidimento), ma non di rado può manifestarsi come crisi atonica (perdita del tono muscolare, tipo svenimento) o come perdita di coscienza con crisi oculogira (roteazione all'indietro dei bulbi oculari). Esistono dei criteri che permettono di individuare le crisi semplici (benigne, senza conseguenze) dalle crisi complesse (che meritano approfondimento e vanno seguite nel tempo). Una crisi febbrile si considera semplice se: dura non oltre 15 minuti il bambino è di età compresa fra i 18 mesi e i 4 anni è generalizzata (cioè, non limitata ad una sola parte del corpo) non si ripete entro 24 ore non è seguita da disturbi neurologici (es., paralisi).

Se la descrizione della crisi rientra in questi criteri, non è necessario alcun approfondimento. In particolare, non è necessario eseguire l'elettroencefalogramma (EEG), esame non doloroso ma complicato che rappresenta il principale strumento diagnostico delle epilessie. Le crisi possono rimanere un episodio unico (il 50% delle volte) o ripetersi. Normalmente, dopo la prima crisi non si fa nulla, salvo tranquillizzare la famiglia sulla benignità dell'accaduto, raccomandare un buon controllo della febbre e insegnare cosa fare se l'episodio si ripetesse. Se si ripete, allora si può pensare ad una profilassi intermittente con diazepam per bocca ad ogni episodio febbrile. Se le crisi sono tante, è raccomandabile una valutazione neurologica accurata.

1/2/1997

13/7/2018

I commenti dei lettori

non immagineresti mai che dopo aver creciuto i primi 2 figli senza alcun problema, malgrado le varie malattie che prendono tutti i bebini, ne arrivi un terzo che con una febbre leggera sviluppi una crisi convulsiva. oggi mio figlio ha 4 anni e ne ha già avute 3 precisamente una ogni anno .l ultima circa 2 mesi fà. lo hanno ricoverato con tutti gli esami previsti ma tra qualche giorno farà la risonanza. ogni volta non ci si abitua mai anche se ho imparato a coglierne i sintomi - inizia a sentire dolore alle gambe, delira e ha lo sguardo perso e poi arriva con tutti i sintomi sopra elensati per le c.semplici. appena passa gli si alza la febbre altre 39,5 e si fa pipi sotto o vomita . malgrado il panico l unica cosa da sapere e che per aiutarli dobbiamo avere coraggio e somministrargli ilmcropam e chiamare il118 se non passa.e che dio ci aiuti.

imma (PE) 28/02/2013

anche il mio bimbo di 2 anni ha fatto una crisi convulsiva. credevo di morire. ho tanta paura che si potesse ripetere..spero tanto che non abbiano consequenze per il futuro...

Mihaela (PD) 27/03/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Convulsioni febbrili"

Sindrome di West: cosa fare?
La sindrome di West è caratterizzata da convulsioni con uno specifico tracciato all'elettroencefalogramma.
Febbre, dentini e sesta malattia
Mio figlio di nove mesi ha la febbre da tre giorni. Gli hanno diagnosticato la "febbre da dentini" o la sesta malattia.
Termometro auricolare
La temperatura misurata col termometro auricolare è una temperatura interna, corrispondente alla temperatura rettale. Come misurare la febbre ai bambini.
Strabismo e febbre
Lo strabismo come conseguenza di episodi febbrili è solitamente dovuto ad una paralisi benigna del sesto nervo oculomotore o nervo abducente.
Febbre da denti
La dentizione nel bambino può essere accompagnata da malessere, ma non è dimostrato che causi febbre.
Spasmi affettivi: crisi che sembrano convulsioni
Gli spasmi affettivi sono movimenti di irrigidimento del bambino scatenati spesso da dolori acuti o varie frustrazioni, che sembrano convulsioni o capricci.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Alimentazione dopo l'anno di vita
Dopo il primo anno, l'alimentazione sarà quasi uguale a quella di un adulto. E' importante che segua una dieta completa e varia.
Dolori alle articolazioni e alla schiena in gravidanza
Durante tutta la gravidanza può capitare di avvertire dei dolori articolazioni e alla schiena.
Macchie mongoliche
Le macchie mongoliche sono lesioni maculari congenite determinate dalla presenza in eccesso nel derma.
Aerofagia
Per evitare l'aerofagia nel lattante è bene utilizzare prodotti a base essenzialmente di finocchio, anice verde, melissa e camomilla.
Gli è stato diagnosticato un reflusso vescico-ureterale
La correzione del reflusso vescico-ureterale può essere chirurgica. La tecnica più frequentemente adottata è quella di Cohen.

Quiz della settimana

Che cosa è il miocardio?
Un osso
Una arteria
Un muscolo
Un nervo