ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Ecografia delle anche in un neonato

L'ecografia delle anche nel neonato serve ad individuare il rischio di un'anomalia dell'articolazione e diagnosticare precocemente la displasia congenita delle anche.

a cura di: Dott. Roberto Bussi (pediatra)

Il mio bambino ha quattro mesi e mezzo e dall'esame ecografico risulta che non sono ancora comparsi i nuclei cefalici di ossificazione femorale. Il consiglio è stato di mettere due pannolini e di ripetere l'ecografia tra un mese. Sono molto preoccupata. La cosa può essere grave o è questione di crescita lenta? Francamente, vedendolo, sembra assolutamente normale e lo sviluppo motorio è molto evidente.

L'ecografia delle anche è mirata alla osservazione della normalità della articolazione e permette di diagnosticare tutte le forme di displasia congenita delle anche, dalle forme più lievi alle più gravi, fornendo fin dai primi giorni di vita informazioni chiare, riproducibili ed obiettive.

Rappresenta quindi lo strumento più idoneo per una diagnosi precoce e per un eventuale screening di massa. I fattori di rischio sono una gravidanza podalica, segni di una scorretta postura intrauterina (anomalie del piede, del collo, ecc...), limitazione dell'abduzione delle anche (N.d.R.: ridotta capacità di divaricare le cosce), abduzione asimmetrica, familiarità per displasia dell'anca, il segno di Ortolani positivo o dubbio alla nascita o nei primi periodi di vita. In alcune regioni l'ecografia viene eseguita a tappeto su tutti i neonati.

È comunque un esame che va eseguito con accuratezza e da personale esperto in questo campo. Di solito l'ecografia viene eseguita a 6-8 settimane di vita per evitare, se fosse eseguita prima, possibili falsi positivi dovuti a forme di immaturità dell'anca a risoluzione spontanea (ad eccezione dei casi soprariportati).

Il ritardo della comparsa dei nuclei femorali non ha importanza particolare, specie se simmetrico, ai fini della lussazione congenita dell'anca e non va ricontrollata in assenza di altri fattori di rischio in precedenza segnalati.

17/5/2001

11/3/2018

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Ecografia delle anche in un neonato"

Ecografia delle anche nei neonati
L'ecografia delle anche nei neonati è il miglior metodo per diagnosticare la "displasia congenita dell'anca".
Malattia di Perthes
La malattia di Legg-Calvè-Perthes è una patologia benigna dell'anca, che consiste in una sofferenza della testa del femore, causata da vari fattori.
Microftalmo: un occhio più piccolo
Microftalmo: potrebbe avere un occhio più piccolo.
Una "pallina mobile" all'interno della guancia
Fin da piccolo ha sempre avuto nell'interno guancia, monolateralmente, una "pallina mobile". I consigli dell'odontoiatra.
Ecografia in gravidanza
l'ecografia è un'indagine strumentale del tutto esente da rischi.
Un prolasso della mitrale
Un lieve prolasso della valvola mitrale è una situazione non patologica e molto comune.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Allattamento al seno: poco latte?
Mia moglie che sta allattando al seno la bimba si è accorta di avere poco latte. I consigli del Pediatra.
Artrite reumatoide giovanile
Vari fattori sono ritenuti responsabili dell'artrite reumatoide giovanile, tra i quali ci sono genetici.
La pelle in gravidanza
Durante la gravidanza la pelle di solito diventa più bella e lucente, grazie alla nuova situazione ormonale.
Linfadenite tubercolare
Il termine di linfadenite tubercolare indica l'infiammazione di una o più ghiandole linfatiche (linfonodi).
Mio figlio di due anni dice le parolacce
Fino ai 2 -3 anni i bambini pronunciano tutte le parole attribuendo ad esse la stessa rilevanza. Cosa fare se un bambino dice le parolacce.

Quiz della settimana

Che cosa si intende per sudamina?
Una malattia contagiosa della pelle
Una malattia degenerativa delle ghiandole che producono il sudore
Una malattia genetica che causa un'alterazione della composizione del sudore
Un'irritazione della pelle dovuta ad un'eccessiva produzione di sudore